Stazione di Kanazawa

Quella di Kanazawa non è una stazione come le altre: in questo edificio traspare lo spirito della città, un mix di modernità e tradizione che lascia senza fiato i passeggeri in transito nella città. È considerata una delle più belle stazioni ferroviarie del paese e qui, tra passi frettolosi dei pendolari e abbracci che accolgono chi rientra a casa, è bene ritagliarsi un po’ di tempo per guardarsi intorno, ammirare l’immenso soffitto in vetro che permette alla luce del giorno di illuminare abbondantemente l’interno, fare shopping e sorprendersi di fronte al gigantesco torii in legno che domina l’uscita della stazione.

La porta Tsuzumi

Quella che di solito è la porta di accesso ai santuari, è divenuta il simbolo della città per il suo particolare design moderno caratterizzato da curve e motivi decorativi che creano un’armonia perfetta con l’edificio della stazione alle sue spalle. È anche una struttura carica di significato, in quanto collocata all’ingresso (e all’uscita) di una “città sacra”: Kanazawa è infatti ricca di templi e santuari. Alta 14 metri, la porta torii della Stazione di Kanazawa è nata nel 2005 come una rivisitazione moderna del tradizionale torii ed è collocata in una piazzetta arricchita da piante e panchine per sedersi e ammirare questa opera. Il nome della porta, chiamata Tsuzumi, la si deve alla forma dei due pilastri verticali della struttura, progettati ispirandosi allo tsuzumi, un particolare tipo di tamburo utilizzato nel tradizionale teatro Noh.

Farsi un selfie con la porta torii e la stazione alle spalle è diventato ormai un obbligo per tanti turisti!

Arte e dettagli architettonici

Non tutti forse lo noteranno, ma il “tema torii” si ritrova anche all’interno, nel “Central Concourse”, dove il corridoio è un susseguirsi di porte in legno che sorreggono il soffitto: ce ne sono 12 e sono state realizzate con legno di cipresso locale. Soffermatevi a dare un’occhiata ravvicinata e noterete bellissime opere d’arte decorative in legno, lacca e ceramica che esaltano le tradizioni artigianali della città.

Potrete inoltre vedere altri ornamenti in seta yuzen, foglie d’oro e carta washi che abbelliscono le varie aree della stazione e persino le piattaforme di attesa dei treni, donando un tocco tradizionale agli ambienti contemporanei.

I servizi e lo shopping

Accanto all’uscita est della stazione di Kanazawa vi ritroverete sotto la grande cupola in vetro chiamata Motenashi Dome, ovvero la cupola “di benvenuto”. Il grande spazio sottostante serve come cornice di eventi e ospita un ufficio di informazione turistica dove potete richiedere mappe e consigli sulle attrazioni e sui mezzi di trasporto della città.

Ci sono inoltre convenience store, ATM e un’area dedicata al cibo che offre il meglio delle specialità di Kanazawa, alcune presentate in colorate bento box perfette per un pranzo in treno. Non mancano negozi che vendono prodotti artigianali locali e souvenir e affiancano le moderne boutique di abbigliamento e accessori nell’Hyakubangai Shopping Center, un centro commerciale ospitato nell’edificio della stazione. Accanto all’uscita est della stazione si colloca anche un altro centro commerciale, il Forus Shopping Mall con i suoi 4 piani dedicati a moda, musica e libri.

Infine all’interno della stazione è ospitato anche un hotel, una base perfetta se non volete allontanarvi troppo o se arrivate con un treno in tarda serata; anche nei dintorni della stazione si trovano altre strutture ricettive che spaziano da soluzioni di lusso a business hotel economici.

I treni

La Stazione di Kanazawa è servita da numerose linee di treni, sia standard che shinkansen e tra quelle più utili a livello turistico vi segnalo:

Treni standard

  • JR Hokuriku Main Line che collega la città a Osaka, Fukui, Kyoto e Toyama;
  • JR Nanao Line che collega Kanazawa alle località di Nanao e Wakura Onsen, nella Penisola di Noto;
  • Shirasagi Limited Express che permette di arrivare alla stazione di Nagoya.

Shinkansen

  • Hokuriku Shinkansen che permette di raggiungere Tokyo in appena 2 ore e mezza.
  • JR Thunderbird che collega Kanazawa a Osaka e Toyama.

Treni notturni

Da Kanazawa passano anche diverse linee di treni notturni che permettono di raggiungere varie città giapponesi viaggiando in ore serali. Il treno Nihonkai, ad esempio, collega Osaka ad Aomori fermando a Kanazawa e Toyama, mentre il Twilight Express collega Osaka a Sapporo sempre con tappe alle stazioni di Kanazawa e Toyama. Infine il treno express Kitaguni parte da Osaka e arriva a Niigata passando attraverso Fukui, Kanazawa e Toyama.

Gli autobus

La Stazione di Kanazawa rappresenta anche il terminal di tante linee di autobus locali e pullman a lunga percorrenza. Questi ultimi collegano con tratte dirette Kanazawa alle grandi metropoli e città giapponesi tra cui Tokyo, Kyoto, Yokohama, Nagoya, Sendai, Niigata e Takayama.

Dinanzi all’uscita “East Exit” parte inoltre il servizio di autobus turistico della città, il Kanazawa Loop Bus, che segue un percorso circolare fermando in alcune delle maggiori attrazioni come il Castello di Kanazawa, i giardini Kenrokuen, il mercato Omicho, il quartiere storico Kazue-machi chaya e altri luoghi. Questo non è l’unico servizio di autobus turistico, ma è quello che effettua il giro più completo.

Di fronte all’uscita “West Exit”, invece, partono gli autobus diretti all’aeroporto Komatsu.

Storia ed evoluzione di una stazione “green”

Sebbene l’attuale stazione risalga al 2005, la prima stazione di Kanazawa fu costruita nello stesso punto nel 1898: all’epoca era servita da un’unica linea, la Hokuriku Rail Line. Si trattava di un piccolo edificio in legno immerso tra i campi in una zona allora piuttosto isolata.

La stazione servì la città per 50 anni, ma l’aumento dei passeggeri e lo sviluppo della città portò alla necessità di costruire un edificio più grande e moderno. In seguito alla Seconda Guerra Mondiale, però, la mancanza di fondi portò le autorità locali a richiedere l’aiuto dei cittadini: la seconda stazione di Kanazawa, completata nel 1953, fu ufficialmente chiamata “Kanazawa Minshu Eki” che letteralmente significa “la stazione del popolo di Kanazawa”. La stazione all’epoca contava 44 negozi, ma l’aggiunta di uno spazio aggiuntivo nel piano interrato portò alla nascita di un centro commerciale che oggi continua ad operare con il nome di Hyakubangai Shopping Center, dove brand giapponesi e internazionali affiancano le storiche botteghe di Kanazawa.

Negli anni ’90 l’aggiunta della linea shinkansen portò alla necessità di espandere l’edificio e si diede avvio ad un grande programma di ricostruzione completato nel 2005. Il design futuristico progettato da Ryuzo Shirae ha permesso alla stazione di rientrare tra le più belle al mondo e vincere diversi riconoscimenti. Ma oltre alla bellezza, l’edificio è anche all’avanguardia: è alimentata energeticamente dai pannelli solari sul tetto e la sua cupola in vetro si estende fino a coprire anche i punti di attesa di taxi e autobus, offrendo così riparo ai passeggeri.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!