Cosa vedere a Gifu

Nel centro del Giappone, la Prefettura di Gifu è il luogo in cui si riscoprono le origini del Giappone e se ne conoscono gli aspetti più tradizionali, attraverso la visita di piccoli villaggi incastonati tra le montagne dove ancora si svolgono pratiche antichissime e scoprendo arti e attività artigianali tramandate da secoli. La Prefettura di Gifu è anche il luogo che ha segnato il destino del Giappone moderno: nel 1600 la città di Gifu fu il teatro della famosa Battaglia di Sekigahara, che segnò l’inizio del Periodo Edo e dello shogunato.

Sono tanti i luoghi da visitare nella Prefettura di Gifu, tanto che spesso il tempo di una vacanza non è sufficiente: a partire da Takayama, bellissima cittadine tra le montagne, fino al villaggio tradizionale di Shirakawa-go, patrimonio UNESCO, e infine le piccole località termali come Gero Onsen, non avete che l’imbarazzo della scelta. Se siete indecisi su cosa vedere a Gifu, eccovi qualche consiglio sulle maggiori attrattive di questa meravigliosa Prefettura.

Shirakawa-go

shirakawa-go-header

Shirakawa-go si adagia nella valle del fiume Shogawa, abbracciato dalle montagne della Prefettura e qui i visitatori possono camminare su passerelle in legno e piccole stradine, passando accanto a ruscelli, campi di riso, laghi di fiori di loto e le tradizionali case dal tetto in paglia per le quali il villaggio è stato dichiarato Patrimonio UNESCO: alcune dimore risalgono a oltre 250 anni fa. Lo stile particolare delle case è definito “gassho-zukuri”, che letteralmente significa “mani giunte a preghiera”, per la forma spiovente dei tetti di paglia. Alcune case sono accessibili all’interno e questo permette di scoprire frammenti di vita quotidiana di un tempo ormai lontano, visitando gli ambienti dove le famiglie vivevano e lavoravano.



Takayama

takayama-f

Takayama è un piccolo borgo di montagna che vanta un fascino discreto e un’atmosfera senza tempo grazie anche alla sua posizione isolata, che ha permesso alla cittadina di conservare perfettamente le antiche casette in legno, le locande storiche, le botteghe d’artigianato locale e antiquariato e le fabbriche centenarie dove si produce il sakè, uno dei più popolari e rinomati del Giappone. Qui potete passeggiare nel distretto storico di Sanno-Machi, assaggiare le specialità locali, in particolare la deliziosa carne di manzo Hida, e, a seconda del vostro periodo di visita, prendere parte al famoso festival di Takayama.



Hida Furukawa

hida-furukawa

A pochi minuti di treno da Takayama, Furukawa è una pittoresca cittadina di montagna, avvolta da atmosfere tranquille e da una natura generosa che regala paesaggi bellissimi: si spazia dalle distese di campi di riso alle montagne rigogliose, puntellate da templi, santuari e piccoli borghi. Chi ha la fortuna di fare una piccola sosta in città, si ritroverà a passeggiare tra i vicoli su cui si affacciano locande e case in legno tradizionali, distillerie di sakè, ristorantini e botteghe storiche. Sin dal passato Hida Furukawa è stata una città “di artigiani”, dove hanno vissuto i migliori carpentieri e falegnami che parteciparono alla costruzione dei grandi templi e palazzi del Giappone.



Gujo Hachiman

gujo-hachiman

Gujo Hachiman è un’altra piccola cittadina della prefettura di Gifu caratterizzata da un centro storico pittoresco, fatto di dimore tradizionali in legno, ryokan, templi e botteghe storiche. La città si sviluppò nel 1500 attorno al castello Gujo Hachiman, che ancora oggi è una delle attrazioni principali della città. Gujo-Hachiman è famosa anche per i suoi canali d’acqua pulitissima e cristallina usata tutt’oggi per tante attività, per ospitare uno dei festival tradizionali più popolari del paese e per i suoi laboratori artigianali, tra cui lo storico Sample Village Iwasaki, specializzati nelle riproduzioni di cibi e piatti in cera e in cui i turisti possono prendere parte a workshop divertenti.



Gero Onsen

gero-onsen

Gero Onsen è una cittadina termale che si adagia sulle sponde del fiume Hida, incorniciata da scenario montuoso suggestivo non molto distante dalle città di Nagoya e Takayama. Le dimore tradizionali e i tipici ryokan si affacciano sui piccoli vicoli silenziosi che caratterizzano il paesaggio di Gero Onsen, e la rendono perfetta per una pausa di relax tra onsen e attrattive culturali. Oltre alle terme troverete musei, templi e santuari, ma non perdetevi una visita al vicino Gassho Village, un villaggio-museo pittoresco, con fattorie e case in stile tradizionale dal tetto in paglia.



Pesca coi cormorani

pesca-cormorani-gifu

La pesca con i cormorani è una tradizione millenaria che ancora oggi è praticata in alcune città del paese, esclusivamente come attrattiva per i turisti. Il luogo per eccellenza in cui si può assistere a questa antica tradizione è la città di Gifu: qui nelle serate della bella stagione è possibile prendere parte a tour guidati in barca o semplicemente godersi lo spettacolo dalle rive del fiume Nagara.



Cascate di Hida-Osaka

cascate-hida-osaka

Tra le attrazioni principali di Hida-Osaka, un’area situata ai piedi del Monte Ontake, a nord della cittadina di Gero, ci sono meravigliose cascate, meta di escursioni e tour guidati. Se ne contano più di 200, ciascuna con le proprie peculiarità. È un luogo che vi consiglio di visitare, in autonomia o con tour guidati, per godervi una giornata di relax e attività all’aperto lontano dal traffico e dal caos dalle metropoli, immergendovi nei suoni della natura.



Mino-Washi Akari Art Gallery

mino-washi-art-gallery

La città di Mino è da sempre considerata il principale centro di produzione di carta giapponese washi e qui è possibile la galleria d’arte Mino-Washi Akari Art Gallery, una galleria d’arte che espone una bellissima collezione di lanterne realizzate con la carta washi, posizionate in una sala che ricrea lo scenario e le atmosfere di un piccolo vicolo di città in una serata d’autunno: una magia unica.



Museo delle Spade di Seki

museo-spade-seki

Sin dai tempi antichi Seki è rinomata in tutto il modo per la sua produzione artigianale di spade e visitando il Museo delle Spade è possibile scoprire la storia di questa antica arte e conoscere meglio i vari passaggi di produzione e le varie tipologie di spade tradizionali giapponesi.

Nel museo si possono fare tante esperienze, tra cui anche prendere parte ad un workshop per assistere alla realizzazione e forgiatura di una katana, la leggendaria spada dei samurai.



Stagno Monet

stagno-monet

Lo Stagno Monet è un piccolo lago nascosto tra le montagne giapponesi nei pressi della cittadina di Seki e fa sognare i turisti per la sua sbalorditiva somiglianza con il ciclo di dipinti “Le ninfee” del pittore francese Monet. Nonostante appaia come un chiaro omaggio all’esponente dell’espressionismo, in realtà l’effetto è stato del tutto opera della natura.


Mino Washi Museum

mino-washi-museum

Sempre nella città di Mino è possibile conoscere meglio la storia della carta washi visitando il Mino Washi Museum. Le sale espositive illustrano la nascita, lo sviluppo e i vari utilizzi della carta washi attraverso una collezione di oggetti e opere d’arte realizzati con essa. Offre inoltre ai visitatori l’opportunità unica di prendere parte a dei workshop per provare a fare a mano la carta washi, con materiali e metodi tradizionali.


Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!