Santuario Ujigami

A sud di Kyoto, nella cittadina di Uji, si trova il più antico santuario di tutto il Giappone. Si tratta di un luogo dall’enorme valore storico e culturale, considerato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e uno dei Tesori Nazionali più importanti del Giappone.

Se state visitando Kyoto, vale la pena fare tappa al santuario shintoista Ujigami, un gioiello che racchiude in sé secoli di storia e di cultura e questa “longevità” si riflette nei vari stili architettonici, appartenenti a diverse epoche storiche, che caratterizzano il santuario.

La storia del santuario

La data in cui fu costruito il santuario non è certa, ma in seguito al ritrovamento di alcuni testi che contengono la descrizione del santuario, gli studiosi sostengono che venne costruito attorno al 1060.  Ujigami fu costruito in onore del principe Uji no Wakiiratsuko, morto suicida per porre fine ad un conflitto riguardante la successione al trono dell’impero. Da allora, il santuario rende omaggio anche ai membri della famiglia imperiale di Uji no Wakiiratsuko, il padre, il grande imperatore Ojin e il fratello, il principe Nitoku. Ujigami nacque come santuario guardiano del tempio di Byodo-in e inizialmente, fino al periodo Meji (1868) era parte di un complesso, chiamato Rikyukamisha, che comprendeva Ujigami e il santuario di Uji, situato a circa un centinaio di metri da Ujigami.

Diversi stili per un’unica bellezza

Una delle maggiori attrazioni del santuario è la sala principale, honden, un edificio dal valore storico inestimabile considerato che rappresenta il più antico esempio di architettura nagare-zukuri a livello nazionale. Questo stile architettonico è uno degli stili più utilizzati nella progettazione dei santuari e si basa sulla presenza di una struttura centrale di grandi dimensioni che viene affiancata ai lati da due santuari più piccoli. Inoltre questo stile architettonico è caratterizzato da un tetto ricurvo e asimmetrico che ha una lunghezza maggiore nella parte anteriore dove si trova l’ingresso principale: la sua funzione è quella di offrire riparo ai pellegrini. Proseguendo nella visita potrete ammirare anche la sala delle preghiere, haiden, la cui costruzione è più recente rispetto al honden e per questo presenta uno stile architettonico differente, tipico del periodo Kamakura e denominato stile shinden-zukuri. Il tetto, invece, è stato realizzato in stile sugaruhafu.

Il periodo migliore per visitare il santuario è in primavera, non solo per assistere al risveglio della natura che circonda il santuario, ma anche perché avrete l’occasione di partecipare ad un famoso festival che si tiene il 5 maggio di ogni anno.

Galleria Foto


Informazioni e mappa

Nome: Santuario Ujigami

Nelle vicinanze:

Il tempio Byodo In, che si specchia nello stagno antistante.A 450 metri
Il tempio Daigo-ji e il pittoresco ponte rosso.A 6594 metri
I portali rossi del Fushimi Inari di Tokyo, in un momento in cui non c'è nessuno.A 9066 metri
Il tempio Tofuku-ji.A 9979 metri
Il negozio Don Quixote nella zona di Shinjuku Est.A 10248 metri
Piatto di riso al curry e tonkatsu, al ristorante Coco Ichibanya.A 11062 metri

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).