Tempio Mampukuji

Le lanterne appese agli edifici oscillano con il soffio del vento, il profumo dei pini che avvolgono il tempio riempie l’aria mescolandosi all’odore dell’incenso e le immagini del dragone ricorrono in vari luoghi: persino la pianta del complesso, se vista dall’alto, è progettata nella forma del dragone. Osservando l’architettura degli edifici, le sculture e i giardini del Tempio Mampukuji si nota da tanti dettagli l’enorme influenza dello stile cinese più che in qualsiasi altro tempio buddista del paese.

Fu proprio un monaco cinese, Ingen Zenji, maestro della disciplina zen, a fondare il tempio nel 1661, come sede della scuola del Buddismo Zen Rinzai.

I primi monaci a capo del tempio provenivano tutti dalla Cina e attraverso il tempio importarono tradizioni e usanze nel campo dell’arte, della calligrafia e della medicina, ma anche riturali piacevoli come la preparazione del tè sencha.

Situato a sud di Kyoto, il tempio sorge nella cittadina di Uji, rinomata per la produzione di tè verde e matcha di eccellente qualità; in questa cornice non stupisce che anche il tempio sia uno dei luoghi dove assistere alla tradizionale cerimonia del tè.

Visitare il Tempio Mampukuji

Se siete in visita a Uji, sicuramente non potete perdervi una visita al Tempio Mampukuji dove vi ritroverete a passeggiare in giardini e cortili spaziosi tra circa 20 edifici dall’architettura sublime e con tesori preziosi custoditi all’interno.

I maggiori edifici del complesso si affacciano su un ampio cortile centrale, collegati da un percorso che si snoda tra aree verdi e vasti spazi aperti.

Già soltanto avvicinandosi al tempio si percepisce un gusto e un’estetica prettamente cinese, con la principale entrata sormontata da una struttura a due piani e un tetto in cima; da qui si arriva alla tradizionale porta di accesso Sanmon che segna l’accesso al luogo sacro.

Da qui il percorso prosegue passando tra i vari edifici, ciascuno dei quali ospita qualcosa di interessante e bello da vedere. La Sala Tenno, ad esempio, custodisce una meravigliosa statua della divinità Hotei, conosciuta come il Buddha sorridente o felice per la sua espressione gioiosa.

Ma la figura più venerata del tempio è Shakyamuni, il Buddha storico, la cui scultura la si può ammirare all’interno della sala principale Daio Hoden. Proprio di fronte alla sala noterete una struttura dai colori vivaci in cui si usa bruciare l’incenso: questo tipo di struttura è tipica dei templi cinesi, ma molto rara in Giappone.

Se visitate il tempio nella bella stagione avrete anche l’occasione di visitare il museo che espone alcune statue e immagini sacre, oltre ad una collezione di scritture religiose.

Prima di lasciare il tempio, concedetevi una passeggiata negli incantevoli giardini zen dove vi immergerete nei colori della natura, tra laghi di carpe, prati verdi, distese di muschio che si inseriscono tra formazioni rocciose e alberi di ciliegio.

All’interno del complesso troverete anche due ristoranti dove provare la cucina vegetariana tipica della dieta buddista e assaggiare del delizioso tè accompagnato da dolcetti locali. Per gli appassionati del tè, il tempio è il luogo in cui è stata introdotta la preparazione del tè sencha sul modello tradizionale cinese, diffusa e insegnata proprio dal monaco fondatore di Mampukuji; nel complesso troverete anche una sala da tè in cui assistere alla tradizionale cerimonia del tè in una cornice alquanto suggestiva.

Informazioni generali per la visita

Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00, il tempio richiede un biglietto di ingresso di 500 yen.

Come arrivare

Il Tempio Mampukuji dista pochi minuti a piedi dalla stazione Obaku, raggiungibile a sua volta con la linea ferroviaria JR Nara sia dalla stazione di Kyoto che da quella di Uji.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!