Cosa vedere ad Amsterdam

Con la sua pittoresca rete di canali, la ricca storia e la straordinaria scena culturale, la capitale dei Paesi Bassi è una delle città più vivaci del mondo. Ci sono infinite cose da fare ad Amsterdam in ogni stagione e per guidarvi attraverso la ricchezza di meraviglie di questa città, eccovi una guida essenziale sulle migliori cose da vedere ad Amsterdam.

Rijksmuseum

Situato nella parte nord-orientale di Museum Square, il Rijksmuseum è senza dubbio il più importante dei musei di storia e arte della nazione. La collezione totale conta oltre un milione di manufatti risalenti a varie epoche dal 1200 in poi. Per decenni, la collezione fu ospitata in edifici sparsi in tutto il paese fino al 1876, quando l’architetto Pierre Cuypers vinse un concorso e iniziò la costruzione del Rijksmuseum. Inaugurato nel 1885, il museo ha attualmente in mostra circa 8.000 oggetti, i più famosi dei quali sono dipinti di Rembrandt, Frans Hals e Johannes Vemeer. 

Canali di Amsterdam (Canal Ring) e il Ponte Blu

I pittoreschi canali di Amsterdam furono costruiti nel 1600 per controllare il flusso del fiume Amstel e per trasportare le merci. Oggi sono una delle principali attrattive della città: un giro in barca offre ai visitatori scorci romantici su Amsterdam ed è inoltre un modo rilassante per ammirare la tradizionale architettura olandese. Tanti tour operator offrono vari tipi di crociere che vanno dalle semplici escursioni di un’ora alle crociere con cena a lume di candela. Durante la crociera avrete modo di passare sotto diversi ponti, ma vi consiglio di non perdervi il Ponte Blu (Blauwbrug) un celebre e storico ponte in pietra risalente al 1800 decorato con statue e lampioni vintage.

Begijnhof

Il distretto di Begijnhof, letteralmente il “cortile delle beghine” si trova nel centro di Amsterdam. Nel XIV secolo era un complesso che si sviluppava attorno ad un cortile chiuso che fungeva da convento per le cattoliche beghine. Il Begijnhof non era tuttavia un convento tradizionale perché le donne erano libere di lasciare l’ordine qualora scegliessero di sposarsi. Il complesso include anche una chiesa, costruita intorno al 1392, e la casa in legno più antica della città, costruita intorno al 1465 circa.

Museo di Van Gogh

Situato sul lato nord-ovest di Museum Square, o Museumplein, il Museo di Van Gogh espone la più grande collezione al mondo di dipinti e lettere dell’artista. Ospitato in un edificio a quattro piani progettato da Gerrit Rietveld negli anni ’70, il museo è una delle attrazioni turistiche più visitate di Amsterdam. Una mostra di 200 dipinti del pittore olandese occupa il secondo piano del museo con le opere disposte in ordine cronologico per offrire agli spettatori uno sguardo sull’evoluzione dello stile di Van Gogh nel corso degli anni. Il terzo piano raccoglie informazioni sulla vita travagliata dell’artista e sugli sforzi compiuti per realizzare i suoi dipinti, mentre all’ultimo piano si possono ammirare opere dei contemporanei di Van Gogh, inclusi artisti come Millet, Gaugin e Daubigny.

Museo di Anne Frank

Lungo il canale Prinsengracht, il Museo di Anne Frank è dedicato alla vita fin troppo breve di una delle vittime dell’Olocausto più conosciute al mondo. Nella vera casa in cui la famiglia di Anne si nascose per gran parte della Seconda Guerra Mondiale, Anne scrisse il diario che divenne un bestseller internazionale dopo la guerra. Gran parte della casa è stata mantenuta com’era ai tempi di Anne e funge da toccante memoriale di un periodo tragico della storia.

West Church (Westerkerk)

Accanto al Museo Anne Frank sorge la West Church (Westerkerk), una delle chiese più famose della città. Completata nel 1630, questa chiesa rinascimentale è insolita per i suoi numerosi dettagli gotici interni ed esterni. La sua torre di 85 metri, popolarmente conosciuta come “Langer Jan”, è la più alta della città e ospita un carillon che ancora oggi suona marcando il passare del tempo. All’interno la chiesa ospita altri tesori che includono un bell’organo risalente al 1622 e la tomba di Rembrandt.

Quartiere Jordaan

Jordaan è il più popolare dei quartieri di Amsterdam, noto per il suo mix di viali residenziali, spazi verdi, mercati vivaci, boutique e ristoranti di lusso. Conosciuto come sede del Museo di Anne Frank, la zona ospita anche tesori meno conosciuti come il Woonboots Museum, un museo dedicato alle case galleggianti. Il sabato mattina il viale di Lindengracht si trasforma in un enorme mercato all’aperto, dove potete acquistare artigianato locale, prodotti freschi, fiori e molto altro. I ristoranti e le caffetterie del quartiere Jordaan sono diventati un luogo popolare per sedersi e lasciarsi incantare dal paesaggio urbano.

Vondelpark

Il parco più grande e visitato di Amsterdam, Vondelpark racchiude vaste distese di spazi verdi punteggiati da tranquilli stagni e attraversati da ampi sentieri, giardini profumati e un roseto con oltre 70 varietà di rose. Ci sono anche sculture e statue, campi da gioco e altre strutture ricreative, tra cui il Vondelpark Open Air Theatre, che funge da sede per spettacoli musicali e teatrali da maggio a settembre. Se volete fare una sosta e ricaricare le energie non preoccupatevi: il parco è anche pieno di caffè dove fermarsi a mangiare.

Piazza Dam

Piazza Dam è una delle zone più turistiche di Amsterdam per una serie di motivi. Sulla piazza si affaccia il Palazzo Reale e alcune delle principali attrazioni turistiche come la Chiesa Nieuwe Kerk, il Museo delle cere di Madame Tussauds e la National Memorial Statue, dedicata ai soldati olandesi che persero la vita nella seconda guerra mondiale. Questa enorme piazza pubblica è, naturalmente, fiancheggiata da caffè e negozi, e piena di bancarelle che vendono cibo e souvenir. Qui troverete anche una ruota panoramica, perfetta per avere una prospettiva diversa sulla città.

Palazzo Reale

Sebbene sia nato come Municipio, il Palazzo Reale funge da residenza del re quando si trova in città. La sua costruzione, iniziata nel 1648, fu un’impresa ambiziosa per l’epoca. Basato sull’architettura dell’antica Roma, l’esterno è rigorosamente classico, mentre gli appartamenti e stanze interne sono magnificamente decorati con numerosi rilievi, ornamenti, sculture in marmo e fregi, insieme ai dipinti sul soffitto di Ferdinand Bol e Govert Flinck, allievi di Rembrandt. La sala più grande e importante è la Sala del Consiglio, sontuosamente decorata e una delle più belle d’Europa. Sono disponibili visite guidate in lingua inglese.

I giardini botanici e lo zoo di Amsterdam

Amsterdam offre una doppia dose di natura nel cuore della città. Hortus Botanicus Amsterdam, il giardino botanico della città, è uno dei più antichi del mondo. Fondato nel 1638, iniziò come un modesto giardino di erbe medicinali per medici e farmacisti, ma oggi ospita piante e alberi rari, fiori esotici e una grande serra che ricrea diversi habitat tropicali. A meno di cinque minuti a piedi, Natura Artis Magistra (“Artis”), l’eccellente zoo di Amsterdam, è la casa di numerose creature provenienti da tutto il mondo. Nell’acquario potete conoscere i sistemi della barriera corallina e dare una sbirciatina sotto la superficie di uno dei tipici canali di Amsterdam. Visitate la casa degli animali notturni, il museo zoologico, il padiglione delle farfalle e il planetario.

Kalverstraat e Vlooienmarkt

Il posto più noto e frequentato per fare shopping è il viale Kalverstraat, dove troverete molte boutique eleganti, gallerie, profumerie, caffetterie e ristoranti. Per un’esperienza di shopping completamente diversa, visitate invece il famoso mercato delle pulci Vlooienmarkt, che si svolge dal 1886: qui troverete oggetti di antiquariato, cibo e vestiti, sia nuovi che usati. Un’altra esperienza di shopping unica vi aspetta al Bloemenmarkt, l’unico mercato dei fiori galleggianti al mondo: è uno spettacolo incredibile che include ogni tipo di pianta immaginabile ma anche bancarelle di souvenir.

Museo di Amsterdam

Ospitato nell’ex orfanotrofio municipale costruito nel 1414, il Museo di Amsterdam è costituito da una serie di ampi cortili dove i visitatori possono conoscere le radici e l’evoluzione di Amsterdam. Si spazia dai reperti preistorici e la mappa originale della città ad oggetti più recenti. Il museo ospita un bar e una biblioteca che custodisce una ricca collezione di volumi sulla storia della città e antichi documenti.

De Wallen

De Wallen è il famigerato quartiere a luci rosse di Amsterdam. Il quartiere copre diversi canali e strade secondarie a sud della Stazione Centrale ed essendo la sezione più antica di Amsterdam, ospita anche diversi edifici storici, tra cui la chiesa più antica della città, la Oude Kerk che sfoggia un bellissimo stile gotico. Non è consentito scattare foto, ma i visitatori sono i benvenuti. Non è un quartiere pericoloso, in quanto è sempre ben sorvegliato dalla polizia e durante il giorno è piuttosto tranquillo.

Torre A’DAM (A’DAM Lookout)

A’DAM Lookout è un ponte di osservazione con un’impareggiabile vista panoramica di Amsterdam. Vedrete il centro storico della città, il suo porto frenetico e i famosi canali. Al panorama si aggiungono altre esperienze, come una mostra interattiva sulla storia e la cultura di Amsterdam, un bar dalle viste mozzafiato e “Over the Edge”, l’altalena più alta d’Europa perfetta per gli amanti del brivido.

Heineken Experience

Ospitato nell’originale birrificio Heineken nel centro di Amsterdam, questo museo interattivo vi condurrà in un emozionante viaggio nella storia di una delle birre più famose d’Europa. Dopo il trasferimento della vecchia fabbrica in uno stabilimento più grande e moderno nella periferia di Amsterdam nel 1991, la prima sede dell’azienda è diventata un museo aperto al pubblico. Heineken Experience si sviluppa su quattro piani di mostre multimediali, reperti storici legati alla birra e un bar dove concludere il tour con una degustazione.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).