3 giorni ad Amsterdam

State cercando delle idee su cosa fare ad Amsterdam in 3 giorni? Trascorrere così pochi giorni in una città forse non vi farà apprezzare tutto ciò che la città ha da offrire, ma è comunque sufficiente per farsi un’idea generale della capitale olandese. Questo itinerario di 3 giorni è perfetto per un primo viaggio in città: Amsterdam offre così tanto da vedere e da fare che potrebbe essere difficile riuscire a selezionare le tappe di un itinerario, per questo ho cercato di aiutarvi racchiudendo il meglio in questa guida.

Giorno 1: tulipani e centro storico

Le “case pan di zenzero”

Non dovete recarvi in un posto particolare per imbattervi nelle famose “casette di pan di zenzero” di Amsterdam, particolarmente pittoresche e degne di qualche scatto fotografico. Si trovano principalmente attorno alla stazione centrale, affacciate sul canale Damrak. Questo è anche un popolare punto di partenza per molti tour in barca sui canali. Scattate una foto da uno dei moli che offrono una vista sulla schiera di case. Se volete vedere altri esempi di architettura, andate fino in fondo alla via Nieuwebrugsteeg nel punto in cui curva nel viale Sint Olofssteeg: da lì si apre una bella prospettiva su schiere di case tipicamente olandesi.

Oude Kerk

Mentre vi dirigete verso il centro storico, fate una sosta alla Oude Kerk, la Vecchia Chiesa che offre una splendida vista sul centro di Amsterdam. L’edificio è realizzato in stile gotico ed è, in effetti, l’edificio più antico di Amsterdam, sebbene tra le sue pareti sfoggi opere d’arte moderna.

Salite in cima alla torre per essere ricompensati da un meraviglioso panorama che vi darà un primo assaggio della bellezza di Amsterdam.

Piazza Dam

Raggiungete la piazza principale di Amsterdam, Piazza Dam, dove si trovano alcune delle maggiori attrazioni della città, come il Palazzo Reale, La Nieuwe Kerk (Nuova Chiesa) e il Monumento Nazionale. Nella piazza convergono inoltre Kalverstraat e Nieuwendijk, le principali vie dello shopping dove chi desidera fare acquisti troverà le più famose catene di negozi.

Nei dintorni si trovano inoltre il museo delle cere Madame Tussauds e De Bijenkorf, un enorme centro commerciale di lusso aperto fino a tardi. Prendetevi del tempo per esplorare il centro storico e le sue attrattive.

Il giardino nascosto Begijnhof

Dirigetevi verso Begijnhof, un giardino “segreto” costruito nel Medioevo che si trova vicino a piazza Spui, un luogo vivace circondato da negozi e caffetterie. Le case che circondano il giardino erano un tempo delle residenze per donne e ancora oggi sono abitate da privati.

Bloemenmarkt (Mercato dei fiori di Amsterdam)

Anche se non amate particolarmente i fiori, il mercato Bloemenmarkt vi conquisterà. È il posto ideale per ammirare bancarelle e negozi traboccanti di tulipani colorati e non solo: in vendita ci sono anche altri tipi di fiori e souvenir tipici olandesi come gli zoccoli in legno dipinti.

Munttoren

Esplorate il quartiere attorno al mercato dei fiori, dominato dal campanile Munttoren, costruito nel 1620, e conosciuto anche come la Mint Tower. È un punto di riferimento storico molto importante per la città.

Piazza Rembrandt

Continuate a camminare e arriverete alla piazza Rembrandt, un luogo eccellente per osservare e scattare una foto con le statue di un’installazione artistica ispirata al capolavoro di Rembrandt, The Night Watch (Ronda di Notte). La piazza è circondata da caffetterie, bancarelle e negozi dove fermarsi e fare una sosta.

Tour in barca sui canali

Indipendentemente dalla stagione, vi consiglio di concedervi un tour in barca sui canali di Amsterdam che vi guiderà attraverso i luoghi principali della capitale olandese, dandovi una prospettiva diversa sulla città. Inoltre è anche un ottimo modo per riposare le gambe dopo una giornata trascorsa a camminare.

Giorno 2: Musei e quartieri

Casa di Anne Frank

Una visita ad Amsterdam non può essere completa senza una tappa alla Casa di Anne Frank, il luogo in cui Anne e la sua famiglia si sono nascosti dai nazisti. L’edificio oggi è diventato un museo che permette di conoscere meglio la storia resa celebre da romanzi e film.

Jordaan Canal District e De Negen Straatjes (le 9 strade)

Il quartiere dei canali Jordaan è un quartiere alla moda e raffinato che si estende a ovest del centro di Amsterdam, non lontano dalla Casa di Anne Frank. Famoso per le sue splendide case, i caffè alla moda e i negozi chic, questa zona è perfetta per una passeggiata e un po’ di shopping. Alcune delle strade popolari qui includono Prinsengracht, Westerstraat, Haarlemmerstraat e l’area conosciuta come De 9 Straatjes (le 9 strade), piena di boutique indipendenti che vendono abiti vintage e firmati, negozi di bricolage unici e molto altro.

Passeggiando per questo quartiere avrete anche modo di attraversare molti dei canali più belli di Amsterdam, decorati con fiori e biciclette parcheggiate, un classico scenario che si vede spesso in fotografia.

Museo Van Gogh o Museo MOCO

Vincent van Gogh è uno degli artisti più famosi al mondo. Il Museo Van Gogh di Amsterdam è dedicato all’amato pittore olandese e conserva la più vasta collezione delle sue opere, tra cui i Girasoli, La camera di Vincent ad Arles, Iris, ecc. La collezione è curata in ordine cronologico ripercorrendo le varie tappe della vita dell’artista e le sue fasi artistiche. Il museo ha anche una vasta collezione lettere e reperti personali. 

Se tuttavia non siete amanti di Van Gogh e preferite le arti contemporanee, visitate il MOCO (Modern Contemporary Museum Amsterdam), un’eccellente alternativa. Al MOCO troverete capolavori di arte moderna e contemporanea, nonché opere di street art tra cui quelle del misterioso Banksy. 

Quartiere a luci rosse (De Wallen)

La pittoresca vita notturna ad Amsterdam.
La pittoresca vita notturna ad Amsterdam.
Il quartiere a luci rosse (De Wallen) è probabilmente uno dei luoghi più famosi di Amsterdam. Se di giorno è piuttosto tranquillo, alla sera diventa particolarmente animato con i locali, musei, coffe shop, bordelli e sexy shop che non lasciano nulla all’immaginazione. Se siete curiosi di visitare questa zona, si trova accanto al centro storico di Amsterdam.

Giorno 3: Rijksmuseum e De Pijp

Rijksmuseum

Riprendete la visita dalla zona dei musei per visitare il Rijksmuseum, uno dei musei imperdibili di Amsterdam. È dedicato all’arte e alla storia olandese dal Medioevo ai giorni nostri e ospita capolavori di artisti olandesi quali Rembrandt, Vermeer, Frans Hals e molti altri.

De Pijp

Dopo una piacevole passeggiata lungo il canale a circa 10 minuti dal Rijksmuseum, arriverete nel quartiere De Pijp di Amsterdam. De Pijp era un tempo una zona abitata dalla classe operaia, mentre oggi attira giovani professionisti, artisti, studenti e famiglie. Come il quartiere Jordaan, De Pijp è ricco di cafè alla moda con tavolini sul marciapiede, negozi di stilisti indipendenti, ristoranti mediorientali e birrerie tradizionali.

Mercato Albert Cuypmarkt

Il quartiere di De Pijp ospita anche il mercato Albert Cuypmarkt, molto apprezzato dalla gente del posto. Qui troverete di tutto, dal pesce fresco all’abbigliamento fino ai souvenir ed è il posto giusto per andare a caccia dei tradizionali regalini di viaggio come i magneti, i portachiavi e riproduzioni in miniatura degli zoccoli. Inoltre è anche una tappa perfetta per fare un pranzo a base di specialità di pesce oppure fare una merenda dolce con i famosi stroopwafel, un tipico dessert olandese.

Heineken Experience e Sarphatipark

Non distante dal mercato si trova lo spazio multimediale Heineken Experience, collocato all’interno dello storico birrificio. Visitando il museo potete conoscere la storia della produzione della birra e concludere il tour con una degustazione. In zona si trova anche il Sarphatipark, un’incantevole area verde che presenta giardini in stile inglese, laghetti e prati curatissimi.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).