3 giorni a Barcellona

Se avete in programma 3 giorni nella vivace città catalana, seguite il mio itinerario “2 giorni a Barcellona” per i primi due giorni, mentre per l’ultimo giorno vi propongo le seguenti alternative.

Giorno 3: Montjuïc

Parc de Montjuïc

Il Parc de Montjuïc si estende sull’omonima collina racchiudendo una serie di attrazioni che potete visitare a seconda del tempo a disposizione e dei vostri interessi.

Castello di Montjuïc

Il Castello di Montjuïc è un’enorme fortezza che si erge in cima alla collina. Ha svolto un ruolo chiave nella storia della Catalogna degli ultimi cento anni. Oggi il castello è aperto ai visitatori e potete passeggiare accanto alle sue imponenti mura e godervi viste mozzafiato sul mare e su tutta la città.

Poble Espanyol

Se siete interessati a conoscere le diverse regioni della Spagna, scoprendone cultura, architettura e cibo, visitate il museo a cielo aperto Poble Espanyol, non distante dal Castello di Montjuïc. Costruito nel 1929, il museo comprende numerosi edifici che rappresentano quindici diverse regioni della Spagna, e molti dei quali sono repliche di strutture famose. Oltre alle mostre potrete assistere a laboratori artigianali che mostrano diverse attività tradizionali, dalla soffiatura del vetro alla creazione di gioielli. Non mancano ristoranti e negozi.

Fondazione Joan Miró

Gli appassionati dell’artista e ceramista catalano Joan Miró, vorranno probabilmente fermarsi a visitare la Fondazione Joan Miró sulla collina di Montjuïc. Creato dall’artista stesso con l’obiettivo di promuovere il lavoro di giovani artisti sperimentali, il museo espone un gran numero di creazioni di Miró, attraverso le quali si ripercorre tutta la sua carriera.

Museo Nazionale di Arte Catalana

Museo Nazionale di Arte Catalana (MNAC) a Barcellon.
Museo Nazionale di Arte Catalana (MNAC) a Barcellon.
Tra il Poble Espanyol e la Fondazione Joan Miró, si trova il Museo Nazionale di Arte Catalana (MNAC), un must per chiunque abbia interesse verso l’arte della Catalogna. La collezione comprende opere d’arte di vari stili e di diverse epoche. Anche l’edificio in sé è abbastanza spettacolare e salendo all’ultimo piano si può passeggiare sul tetto, che offre una vista eccellente della città.

Fontana Magica

Dai gradini di fronte al Museo Nazionale di Arte Catalana potete vedere la Fontana Magica che offre uno spettacolo di suoni e luci alla sera.

Altre alternative

A Barcellona ci sono molte cose da vedere perciò se avete un po’ più di tempo o semplicemente volete modificare alcune cose nell’itinerario, vi suggerisco altre attrattive interessanti.

Stadio Camp Nou

I tifosi dell’FC Barcelona saranno trepidanti all’idea di visitare il Camp Nou, la casa della squadra di calcio del Barcellona. Durante il giorno potete fare un tour dello stadio per vedere i vari ambienti, dalle suite VIP agli spogliatoi dei giocatori e il museo dedicato alla squadra. Potete persino sedervi nella postazione riservata all’allenatore durante la partita!

Parc de la Ciutadella

Se desiderate visitare un parco del centro città, una buona opzione è il Parco della Cittadella, o Parc de la Ciutadella, che non è troppo lontano da Barceloneta e dal Barrio Gotico.

Risalente al diciannovesimo secolo, è stato il primo spazio verde della città ed è perfetto per un picnic o semplicemente per rilassarsi. Al suo interno troverete sentieri, fontane e uno zoo.

Gita fuori città a Girona

L’antica città di Girona è un’ottima alternativa da visitare per sfuggire al trambusto di Barcellona. Troverete storiche case che fiancheggiano pittoresche stradine acciottolate, una splendida cattedrale, un monastero benedettino, terme arabe e un museo ebraico che narra la storia della comunità ebraica che abitò la cittadina fino alla fine del 1400.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).