10 giorni in Spagna

Con 10 giorni di viaggio potete facilmente esplorare le principali città spagnole: Barcellona, Madrid, Siviglia e Granada. Ci sono naturalmente tante altre opzioni di itinerario se ad esempio avete già visitato il paese o se viaggiate in estate e preferite una vacanza al mare. In questo caso potreste concentrare il viaggio in regioni specifiche, come l’Andalusia, la Costa Brava o le Isole Canarie. Se invece avete meno tempo a disposizione vi consiglio i miei itinerari di “5 giorni in Spagna” e “3 giorni in Spagna”. Questo itinerario di “10 giorni in Spagna” è pensato per chi visita il paese per la prima volta e vuole cogliere il meglio dei paesaggi e della cultura del paese.

Giorno 1: arrivo a Barcellona

Il nostro itinerario di 10 giorni in Spagna inizia a Barcellona. Dopo esservi sistemati in hotel, preparatevi ad una prima visita della città. Barcellona è una città che ha davvero tutto, dalle spiagge azzurre alla vita frenetica, fino ai gioielli architettonici firmati da Gaudí.

Iniziate il percorso da Placa de Catalunya, il cuore pulsante della città, da cui si raggiungono facilmente Las Ramblas e il Quartiere Gotico. Fontane imponenti, statue eleganti, grandi piazze punteggiate di negozi e orde di persone provenienti da tutto il mondo si incrociano in questi luoghi. Dirigetevi poi verso Las Ramblas, la strada principale di Barcellona, ​​dove potete curiosare tra i negozi, vedere artisti di strada e fermarvi a mangiare qualcosa. Nel cuore di Las Ramblas si trova l’accesso al mercato La Boqueria dove potrete assaggiare tapas e acquistare specialità tipiche.

Da La Ramblas potete immettervi in uno dei vicoli del Quartiere Gotico, costellato di bar, negozi e chiese, tra cui la Cattedrale di Barcellona.

Giorno 2: Barcellona

Il secondo giorno sarà tutto incentrato sulle maggiori attrazioni di Barcellona. Iniziate dal simbolo della città, la Sagrada Familia, dove vi consiglio di arrivare presto per evitare le folle.

A pochi minuti a piedi potete raggiungere Casa Milà e Casa Batlló, altre opere dell’eccentrica architettura di Gaudi così come il vicino Parc Güell che vi consiglio di visitare nel pomeriggio. Offrendo le viste panoramiche più incredibili di Barcellona e della spiaggia, il Parco Güell è una delle attrazioni più famose della città in quanto unisce paesaggi naturali con edifici stravaganti e mosaici colorati. Terminate la giornata a Placa Reial, una piazza piena di bar, club e ristoranti.

Giorno 3 Barcellona

Museo Nazionale d'Arte della Catalogna - MNAC a Barcellona.
Museo Nazionale d'Arte della Catalogna - MNAC a Barcellona.
Iniziate la giornata prendendo la funivia per il Monte Montjuic. Questa famosa collina alta circa 600 metri si affaccia sul porto di Barcellona. Scendete poi a visitare la zona del porto, dove troverete numerosi ristoranti affacciati sull’acqua, l’acquario della città e altre attrazioni. A breve distanza troverete la famosa spiaggia di Barceloneta che in estate si affolla di persone intente a gustarsi il sole o sedute ai bar sulla spiaggia. Fermatevi qui per un aperitivo al tramonto.

Giorno 4: treno Barcellona – Madrid

Al mattino partite presto per prendere il treno ad alta velocità per Madrid. Dopo circa 3 ore di viaggio sarete nella capitale spagnola! Sistemate le cose in hotel e preparatevi a godervi due giorni in città!

Iniziate la visita da Plaza de España, una storica piazza occupata dal monumento dedicato a Miguel de Cervantes, e poi passeggiate lungo la Gran Via, il viale principale di Madrid, dove le facciate in stile Art Déco si fondono con grandi cartelloni pubblicitari e una infinità di caffè e negozi. Visitate il Palazzo Reale, una delle regge più eleganti e più grandi dell’Europa occidentale e in seguito fate una pausa pranzo al Mercado San Miguel per un viaggio nella scena gastronomica della Spagna.

Concludete la giornata godendovi l’atmosfera vivace di Plaza Mayor, la piazza storica rettangolare che si trova proprio nel centro della città e infine visitate Puerta del Sol fermandovi a scattare una foto alla targa del “chilometro zero” della Spagna.

Nelle vicinanze troverete bar e ristoranti per fare un aperitivo al tramonto.

Giorno 5: Madrid

Cominciate la mattina respirando a pieni polmoni il profumo della natura al Parco del Retiro dove troverete sale espositive, giardini e palazzi.

Potete proseguire la giornata visitando uno dei tanti musei a Madrid. Il museo El Prado è il più famoso, con capolavori di Velazquez e Goya, ma se siete interessati all’arte contemporanea spagnola optate per il Museo Reina Sofia. Alla sera cenate con tapas in quartieri storici come La Latina e Chamberí. 

Giorno 6: treno da Madrid – Siviglia

Al mattino prendete il treno che in poco più di due ore vi porterà a Siviglia. Città patria del flamenco e delle tapas, Siviglia incarna l’anima spagnola meglio di qualunque altro posto.

Dopo aver sistemato le vostre cose in hotel, iniziate la visita da Plaza de Espana, costruita in stile moresco, uno dei più grandi successi architettonici spagnoli. Attorno alla piazza ci sono palazzi con portici e monumenti mentre una fontana ne occupa il centro. Proseguite la visita con la Cattedrale di Siviglia, un’ex moschea trasformata in una chiesa gotica e infine salite sul vicino campanile della Giralda, l’ex minareto, dove avrete viste eccezionali sulla città.

Dopo un pranzo in centro fate una passeggiata fino al fiume Guadalquivir, che taglia in due la città. Lungo le sue sponde troverete percorsi per passeggiare e panchine per sedervi ad ammirare il paesaggio. Raggiungete lo storico ponte Puente de Isabel II, chiamato anche Puente de Triana, che conduce al quartiere di Triana, uno dei posti migliori per mangiare, bere e fare acquisti! Potrete mangiare ottime tapas, guardare spettacoli di flamenco e curiosare al mercato del quartiere.

Giorno 7: Siviglia

Iniziate la seconda giornata a Siviglia con una visita all’Alcazar è uno dei palazzi reali più belli di tutta la Spagna dove potrete approfondire la storia della città. C’è sempre molta coda perciò cercate di arrivare presto o di acquistare i biglietti in anticipo. Dopo la mattinata nel palazzo scoprite il volto moderno di Siviglia al Metropol Parasol, conosciuto localmente come Las Setas, o “i funghi” per via della forma a fungo di questa struttura contemporanea situata in Plaza de la Encarnación. Dalla cima potete ammirare il paesaggio urbano mentre al piano terra c’è un museo e un mercato.

Per chi è interessato alla cultura del flamenco c’è un museo dedicato, ma in ogni caso vi consiglio di assistere ad uno spettacolo dal vivo in uno dei tanti locali di Siviglia.

Giorno 8: treno da Siviglia a Granada

Al mattino partite presto per prendere un treno da Siviglia a Granada, l’ultima tappa di questo itinerario di 10 giorni in Spagna. Il viaggio richiede circa 4 ore. All’arrivo sistematevi in hotel e preparatevi a trascorrere due giorni in questa meravigliosa città andalusa. 

Cominciate la visita dalla Cattedrale di Granada e poi passeggiate nel quartiere storico di Albayzin: qui preparatevi ad essere trasportati nei colori e nei profumi di un autentico souk arabo. Camminate tra i piccoli vicoli di case tradizionali, fate acquisti nei negozi di spezie e fermatevi a sorseggiare il tipico caffè arabo.

Giorno 9: Granada

Dedicate la mattinata a visitare l’attrazione più popolare di Granada, l’Alhambra. Questa fortezza di 700 anni, un’icona della Spagna, si erge maestosamente sopra la città con la Sierra Nevada innevata sullo sfondo e bellissimi cortili. Del complesso fa parte anche il Palacio de Generalife, i giardini e la residenza estiva dei sultani nasridi che vi incanterà con le sue terrazze, grotte, aiuole e fontane.

Nelle vicinanze potete approfittarne per visitare i Bañuelos, le antiche terme della comunità araba.

Terminate la giornata a Plaza Nueva, nel cuore della città. Da una parte vedrete la Torre de le Vela e dall’altra c’è l’Alhambra. Un tempo la piazza era il fulcro della città ed è ora un luogo di incontro con numerose fontane e caffè.

Giorno 10: Volo di ritorno a casa

È arrivato l’ultimo giorno del nostro itinerario di 10 giorni in Spagna. Godetevi le ultime ore a Granada prima di prendere il volo di rientro.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).