Quanti giorni a Madrid

Pianificare quanti giorni trascorrere a Madrid è una delle priorità quando si sceglie di visitare questa destinazione, soprattutto se si tratta del primo viaggio nella capitale spagnola.

Ma quanti giorni servono per visitare Madrid? In realtà non c’è una risposta esatta, poiché Madrid offre così tante cose da vedere e da fare che anche una settimana non sarebbe sufficiente per visitarla in maniera completa. Tuttavia se avete un tempo limitato perchè non avete ferie abbastanza lunghe oppure se Madrid è solo una tappa del vostro viaggio, riuscirete comunque a cogliere l’essenza “caliente e cosmopolita” di Madrid e visitarne le maggiori attrazioni. La durata di un soggiorno a Madrid è legata a diversi fattori, in primis i vostri interessi: la capitale è ricca di musei di livello mondiale, monumenti storici, parchi, teatri e ristoranti di prim’ordine, quindi a seconda di ciò che volete vedere la permanenza potrà essere più o meno breve. Inoltre dovete prendere in considerazione anche i vostri ritmi, se siete persone che visitano freneticamente una città, passando da un’attrazione all’altra, oppure se preferite ritagliarvi del tempo per rilassarvi.

Un giorno a Madrid

Un giorno a Madrid è molto poco per vedere la città, ma se per qualsiasi motivo avete solo 24 ore da trascorrere nella capitale spagnola, potete comunque sfruttare al massimo il tempo a disposizione per vedere alcune delle maggiori attrazioni. Se amate camminare potete esplorare le vie del centro storico, incantarvi di fronte alle vetrine della Gran Via per poi fermarvi per un aperitivo a base di tapas in Plaza Mayor o a Puerta del Sol oppure salite su un autobus turistico per un tour della città.

Due-tre giorni a Madrid

In due o tre giorni potreste avere il tempo di andare oltre la superficie della città e visitare alcune delle principali attrazioni in base ai vostri gusti: se amate i musei potete scegliere una delle tre gallerie che compongono il “Triangolo dell’Arte” (Museo del Prado, Museo Reina Sofia e Museo Thyssen-Bornemisza), se siete appassionati di natura ritagliavi un pomeriggio da trascorrere al Parco del Retiro, se invece amate le tradizioni passeggiate tra i vicoli del quartiere La Latina. Palazzo Reale e la Cattedrale dell’Almudena sono altri luoghi che potreste voler inserire nell’itinerario, ma qualunque siano i vostri interessi non dimenticatevi di fare tappa al Mercado de San Miguel, per fare incetta di specialità tipiche spagnole. In due o tre giorni potrete dunque avere una panoramica generale della città, visitare un paio di musei e godervi il meglio che Madrid ha da offrire.

Quattro o cinque giorni a Madrid

Se si tratta della prima visita, per una vacanza abbastanza completa a Madrid, sono necessari almeno quattro giorni, idealmente cinque. Quanto basta per aiutavi a cogliere al meglio l’anima della città, o meglio le varie anime, rappresentate dai quartieri variegati di Madrid: oltre al pittoresco La Latina, c’è Chueca, il quartiere LGBT alla moda e vivace, Malasaña un quartiere artistico emergente e Lavapiés, ricco di cibo etnico e piccoli negozi e sede del mercato delle pulci di Madrid, El Rastro.

Sei o più giorni

A Madrid ci sono così tante cose da fare da tenervi occupati per una settimana, concedendovi anche istanti di riposo e un’immersione totale nell’offerta gastronomica della città. Considerato che avete abbastanza tempo a disposizione, in alternativa potete usare Madrid come base per alcune gite di un giorno in Spagna. Dagli stretti vicoli di ciottoli di Toledo, all’imponente acquedotto di Segovia o alle mura medievali meglio conservate di Ávila, tutte queste piccole città aspettano solo di essere scoperte assieme a tanti altri luoghi.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).