Quanti giorni a Pechino

La capitale della Cina vanta una magnifica architettura, favolosi palazzi imperiali, enormi centri commerciali, ampi viali eleganti e pittoreschi vicoli antichi che si fondono perfettamente per completare la maestosa Grande Muraglia. Difficile riuscire a dire con esattezza quanti giorni servono per visitare tutto ciò, soprattutto se si tratta del vostro primo viaggio nella capitale cinese. La città è molto estesa e ricca di attrazioni e luoghi turistici che si trovano spesso distanti l’una dall’altra, quindi è sempre importante non elaborare un itinerario troppo intensivo ed estenuante per non ritrovarsi a dover correre da una parte all’altra della città.

I fattori da considerare

La quantità esatta di tempo da trascorrere a Pechino varia a seconda di numerosi fattori quali la quantità di tempo a disposizione per la vacanza in Cina e se vi fermate solo a Pechino o avete in programma un tour in altre città, i vostri interessi, il budget e la modalità di trasporto preferita. Desiderate vedere edifici storici, vivere la vita notturna, immergervi nella natura o fare un’escursione sulla Grande Muraglia per un giorno o due? Siete appassionati di musei e storia? Come pensate di spostarvi: in auto, in metropolitana, in autobus o in treno? Qual è il vostro budget di spesa giornaliero per un viaggio a Pechino? Le risposte a queste domande vi aiuteranno a determinare il numero di giorni adatto per un soggiorno a Pechino.

Quanti giorni servono per vedere Pechino

In generale gran parte dei turisti restano soddisfatti da un soggiorno di due o tre giorni, che rappresenta il tempo minimo, secondo me, di permanenza in questa grande metropoli. Vi sconsiglierei un soggiorno di un solo giorno in quanto non solo vi priverà della gioia di assaporare la magica atmosfera di Pechino, ma se avete fatto un lungo volo sarete forse anche un po’ provati dal fuso orario quindi non riuscirete a cogliere il meglio della città.

A chi ha la possibilità, consiglio di rimanere molto più a lungo di due o tre giorni: ci sono molte cose interessanti da vedere sia nella città che nei dintorni Pechino, quindi vi consiglio di aggiungere almeno un giorno in più per ogni escursione o gita che vorreste fare. Alcuni dei luoghi che potreste visitare in questo caso includono le sezioni della Grande Muraglia come il Jiankou, Badaling, Jinshanling e il Mutianyu di Pechino.

Tre o quattro giorni a Pechino

Se avete solo tre giorni, cercate di sfruttarli al meglio per coprire tutte le principali attrazioni, ma ancora meglio sarebbe avere quattro giorni per avere una visione ancora più completa della città e vivere alcune delle migliori esperienze. Per chi visita Pechino per la prima volta, tra i principali siti turistici tradizionali ci sono la Grande Muraglia, la Città Proibita, Piazza Tiananmen, il Palazzo d’Estate, il Tempio del Paradiso, gli antichi vicoli hutong.

Da cinque giorni a una settimana a Pechino

Se riuscite a rimanere per più di cinque giorni o una settimana, allora avete l’opportunità perfetta per esplorare meglio i luoghi più caratteristici e anche le aree meno turistiche della città, ritagliandovi inoltre qualche momento di relax e riposo. Potete visitare le zone di montagna attorno alla città esplorare i mercatini e passeggiare tra i pittoreschi hutong. Potete visitare vari parchi, assaggiare prelibatezze in diversi ristoranti autentici e fare acquisti nei department store e nei piccoli mercati vivaci. Oltre alla Grande Muraglia, alcune delle bellissime attrazioni vicino a Pechino includono la città di Datong, famosa per il suo monastero e per le Grotte di Yungang e l’antica città fortificata di Pingyao.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).