Isola Taketomi

Proprio davanti alle coste di Ishigaki si trova la piccola Isola Taketomi, meta di escursioni giornaliere dalla principale Isola Ishigaki: la traversata dura appena 10 minuti ma vi sembrerà di entrare in un altro mondo, passando da una cittadina frenetica con centri commerciali ed edifici moderni ad un paesaggio rurale dove si vive ancora seguendo i ritmi della natura e le antiche tradizioni.  A rappresentazione di tutto ciò c’è un magnifico e ben conservato villaggio originario del periodo del Regno delle Ryukyu, dove le strade sono fatte di una fine e luminosa polvere di corallo bianco, che contrasta i variopinti e profumati giardini delle case tradizionali, alcune trasformate in locande per coloro che desiderano trascorrere la notte sull’isola immersi in atmosfere d’altri tempi, mentre altre sono diventate ristoranti e botteghe che propongono prodotti locali e d’artigianato.

L’isola è perlopiù pianeggiante e di dimensioni contenute e la si può esplorare a piedi o noleggiando una bicicletta.

Cosa fare e cosa vedere sull’Isola Taketomi

Villaggio dell’isola

Il villaggio dell’isola di Taketomi è un vero e proprio tesoro culturale e storico: qui lo stile di vita evoca epoche passate, come i prodotti artigianali venduti nelle antiche botteghe e il profilo delle dimore tradizionali in legno che hanno conservato i tetti di tegole rosse tipici dell’architettura di  Okinawa di un tempo, rendendo particolarmente evidenti le radici culturali di questo arcipelago.

Altro elemento tipico sono le mura in pietra che circondano le case, dalle quali spuntano fiori e piante di giardini profumati e rigogliosi, mentre dai tetti fanno capolino alcune figure “spaventose” e dal muso ingrugnito chiamate shisa: si tratta di figure mitologiche dall’aspetto simile ad un cane che secondo il folklore popolare terrebbero lontani gli spiriti maligni.

Il villaggio, come il resto dell’isola, può essere esplorato comodamente a piedi o in bicicletta, ma per chi desidera provare un’esperienza alternativa è disponibile anche un tour a bordo di un carro trainato dai bufali. Il giro dura circa 30 minuti, e permette di visitare il villaggio nella maniera più autentica e a ritmo lento, usando il tradizionale mezzo di trasporto che da secoli viene adottato dai locali. Durante il tragitto, la guida vi racconterà aneddoti sull’isola e intonerà canzoni popolari accompagnati dal tradizionale strumento musicale chiamato sanshin.

Torre Nagominoto

Un ottimo punto di osservazione del villaggio e dell’isola è la torre Nagaminoto: pur non essendo molto alta (quasi 5 metri), si erge su una collina nel cuore del villaggio, permettendo di ammirare gran parte della costa e del paesaggio di Taketomi, con le sue foreste, le spiagge e le distese di coltivazioni. Ai piedi della torre troverete ristorantini e negozi.

Le spiagge

La costa dell’Isola Taketomi è disseminata di spiaggette rocciose e sabbiose dove ci si può crogiolare al sole, nuotare e praticare snorkeling. Fatta eccezione per Kondoi Beach, l’unica spiaggia attrezzata dell’isola, le altre non offrono alcun tipo di servizio, in linea con lo spirito remoto e selvaggio dell’isola.

Kondoi Beach è considerata anche la spiaggia migliore e più bella di Taketomi, con le sue calde acque color smeraldo, il fondale basso e sabbioso che la rende ideale per nuotare e fare snorkeling e una vasta distesa di sabbia bianca su cui distendersi al sole. Attorno alla spiaggia ci sono aree verdi con tavolini per il picnic, negozi di noleggio ombrelloni e attrezzatura per lo snorkeling, e servizi.

Un’altra spiaggia popolare è Kaiji Beach, sulla costa occidentale dell’isola, che al pari di Hoshizuna Beach sull’Isola Iriomote è famosa per la sua sabbia dai granelli a forma di minuscole stelline. In realtà non è proprio sabbia ma frammenti di conchiglie, una caratteristica unica che le rende la spiaggia speciale. Una delle attività preferite dai turisti è proprio la ricerca di questi granelli a forma di stelline, oggi più difficili da trovare in quanto nei decenni passati venivano prelevati per creare souvenir.

Lungo la costa sud-orientale dell’isola, si colloca la spiaggia Aiyaruhama Beach, famosa non tanto per la sua distesa di sabbia bianca, ma soprattutto per il percorso che conduce alla spiaggia stessa, soprannominato “la via delle farfalle”: il sentiero è incorniciato da cespugli fioriti che attirano numerose farfalle dando a questo luogo un aspetto romantico e fiabesco.

Cieli stellati dell’Isola Taketomi

Gran parte dei turisti visitano Taketomi per un’escursione giornaliera e così già verso le ore del tramonto la schiera di visitatori si dirama e l’isola ritorna al suo stato più autentico e tranquillo. Alla sera i ristoranti sono tutti chiusi e coloro che pernottano sull’isola cenano nelle locande tradizionali  assaporando le specialità tipiche della cucina di Okinawa, con gran spazio alle portate di pesce. Vi consiglio di concedervi una passeggiata dopo cena per cogliere l’essenza più romantica e silenziosa di questo villaggio e ammirare il meraviglioso cielo stellato dell’isola, che di certo sarà difficile dimenticare.

Come arrivare

Ci sono varie corse giornaliere in traghetto veloce o tradizionale che collegano l’Isola Ishigaki a Taketomi. Le imbarcazioni partono ogni 30 minuti tra le 7:30 e le 17:30 e il viaggio dura circa 10-15 minuti.

Una volta arrivati al terminal dei traghetti sull’Isola Taketomi il villaggio si può raggiungere in circa 10-15 minuti di passeggiata.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!