Aizu

Incastonata in una bellissima valle della Prefettura di Fukushima, Aizu è una città rinomata per il suo sakè, le sue tradizioni artigianali e per la sua storia avvincente che narra di guerre e samurai.

Le sue stradine conservano ancora un aspetto tradizionale con storiche dimore in legno ben conservate, onsen e piccole botteghe dove acquistare prodotti locali mentre attorno alla città s’innalzano cime montuose che offrono tante opportunità per praticare attività sportive in tutte le stagioni. Se amate le atmosfere del Giappone di un tempo e cercate un angolo in cui rilassarvi nella natura e lasciarvi alle spalle la frenesia e le luci delle metropoli, benvenuti ad Aizu.

La terra dei samurai

Aizu rappresenta in Giappone il cuore della cultura samurai ed è stata teatro di alcune delle vicende storiche più importanti del paese. Verso la fine dell’epoca feudale, il potente clan Aizu che dominava la regione decise di rimanere leale allo shogun, anche dopo che quest’ultimo perse il suo potere con l’avvento del periodo del Rinnovamento Meiji. Aizu fu dunque l’ultima roccaforte dei samurai ad opporsi al governo e fu teatro di una violenta guerra civile, conosciuta come la Guerra di Boshin. Oggi molti luoghi della città consentono di rivivere il passato e in primis c’è sicuramente il Castello Tsuruga, che se un tempo era la dimora del clan Aizu oggi è il luogo prediletto dai residenti per ammirare i fiori di ciliegio in primavera e prendere parte ad un affascinante festival di lanterne in inverno.

Se siete curiosi di scoprire come vivevano i samurai e conoscerne le abitudini, allora visitate l’elegante residenza Aizu Bukeyashiki, una delle meglio conservate della città, che fu abitata da samurai di alto lignaggio. Un altro luogo storico si trova sulla collina Iimoriyama: qui potete visitare un memoriale dedicato alla “Truppa delle Tigri Bianche”, un gruppo di giovani samurai che si tolse la vita durante la Guerra di Boshin.

Giardini di erbe medicinali

Tra le aree verdi della città, vale la pena visitare il Giardino Oyakuen, che offre il classico paesaggio di un giardino giapponese, con un lago centrale attorno a cui si snodano sentieri per passeggiare e una sala da tè dove sedersi a sorseggiare una tazza di tè fumante mentre si ammira il giardino. La particolarità di Oyakuen consiste però negli orti di erbe medicinali che ospita all’interno e da cui prende il nome che significa appunto “giardino di erbe medicinali”.

Rilassarsi negli onsen

Ad appena dieci minuti di auto o taxi dal centro città, troverete il villaggio termale Aizu Higashiyama Onsen Village che ospita un’ottima selezione di ryokan e hotel dotati di vasche termali pubbliche e private. Storici ed eleganti stabilimenti termali punteggiano le sponde del fiume accanto alle case da té dove un tempo le geishe intrattenevano samurai, artisti e signori feudali con i loro spettacoli.

Scoprire arte e artigianato locale

Aizu è particolarmente rinomata per il suo artigianato, in particolare per la produzione di oggetti laccati realizzati con uno stile unico chiamato Aizu-nuri che prevede decorazioni con motivi delicati e dipinti a mano. Un’altra tecnica artigianale tipica di Aizu si chiama “maki-e” e consiste nello “spolverare” con polveri dorate e argentate oggetti d’arredo e souvenir. Nei negozi della città è possibile prendere parte a laboratori che consentono di tornare a casa con uno speciale souvenir fatto a mano. Un’industria importante della regione è anche quella della porcellana e nelle botteghe della zona potrete acquistare bellissimi set per il tè e altri oggetti per la casa realizzati con questo materiale.

Specialità e prodotti locali

Naturalmente non potete visitare Aizu senza assaggiare le specialità e i prodotti locali. Potete provare la cucina tipica in molti ristoranti tradizionali che propongono piatti a base di pesce e carne, ma soprattutto con deliziose verdure coltivate in zona. Se siete appassionati di dolci, fermatevi in un negozietto per assaggiare l’agemanju, una ciambellina fritta ripiena con crema di fagioli dolci.

Uno dei vanti di Aizu è anche il suo sakè artigianale che potete degustare nei pub e nelle distillerie della zona, tra cui c’è la famosa Suehiro Sake Brewery, che offre tour e degustazioni.

Villaggi fermi nel tempo e natura

Attorno alla città di Aizu ci sono altri luoghi interessanti che vale la pena visitare se avete tempo. La cittadina di Ouchijuku, con le sue case dal tetto in paglia, appare come una cartolina inviata dal passato, e lo stesso si può affermare di Kitakata dove camminare tra storici magazzini e dimore per poi fermarsi ad assaggiare il delizioso ramen Kitakata.

Se siete appassionati di natura, la regione attorno ad Azui è una meta perfetta per passeggiare in estate lungo sentieri di trekking che conducono a bellissimi laghi di montagna, mentre in inverno i pendii del Monte Bandai diventano la destinazione più gettonata tra chi pratica sport sulla neve.

Come arrivare

Aizu si può raggiungere in meno di tre ore da Tokyo con il treno veloce JR Tohoku Shinkansen e un cambio previsto alla stazione di Koriyama. Da qui dovrete proseguire su un treno locale della linea JR Banetsu-sai Line e scendere alla stazione Aizu-Wakamatsu. Il viaggio può essere coperto dal Japan Rail Pass.

Per chi non disponesse del pass e volesse risparmiare, sono disponibili anche collegamenti in autobus diretti dalla stazione di Shinjuku che consentono di arrivare ad Aizu in 4 ore e mezza circa.

Come muoversi

Aizu ha dimensioni piuttosto compatte ma la maggior parte delle attrattive sono un po’ distanti dalla stazione dei treni e sparse per la città o attorno al parco del castello, perciò il modo migliore per muoversi è con la linea di autobus Aizu Loop Buses che collega la stazione ai maggiori luoghi di interesse con un percorso circolare, offrendo la possibilità di acquistare un pass giornaliero con corse illimitate dal costo di 500 yen.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!