Cosa vedere a Varsavia

Varsavia è una città dal passato non facile: saccheggiata e distrutta durante guerre e invasioni, è rinata più volte. Oggi Varsavia è una città nuova e vivace che è stata in gran parte restaurata e ha tanto da offrire a livello turistico. Cuore di Varsavia è la Città Vecchia, con i suoi edifici storici, le chiese e castelli, ma ci sono molte altri luoghi da non perdere: in questa panoramica trovate le cose principali da vedere a Varsavia.

Piazza del mercato della Città Vecchia

La Piazza del Mercato della Città Vecchia è il cuore pulsante di Varsavia. Situata nella parte più antica del centro storico, la piazza risale alla fine del tredicesimo secolo. Fu completamente distrutta dalle bombe nella Seconda Guerra Mondiale, ma oggi è stata riportata agli antichi splendori. La maggior parte degli edifici che la circondano vennero ricostruiti nel dopoguerra ma cercando di riprodurre il più fedelmente possibile le strutture originali. Al centro della Piazza del Mercato si erge una scultura in bronzo della sirena di Varsavia, il simbolo della capitale della Polonia. Un punto di attrazione della piazza oggi sono i numerosi ristoranti che la animano, rendendola un buon posto per assaggiare specialità polacche.

Parco Lazienki

Il Parco Lazienki, noto anche come Royal Baths Park (Parco dei Bagni Reali), è il più grande parco di Varsavia. Progettato nel diciassettesimo secolo, divenne la cornice di ville, monumenti, stabilimenti termali e palazzi. Il Palazzo sull’Acqua (Palazzo Lazienki) è l’edificio più importante del parco, e si raggiunge percorrendo la Strada Reale. Oggi ospita una preziosa collezione di dipinti e oggetti preziosi appartenuti a reali polacchi, nonché statue dei più grandi sovrani del paese. Sull’isola in cui sorge il palazzo si trova anche un anfiteatro greco-romano che risale al 1793. Nel parco si trovano altri palazzi e un aranceto del XVIII secolo.

Castello Reale

Il Castello Reale fu la residenza dei sovrani polacchi per secoli. Si trova su Castle Square, all’ingresso del centro storico. Il castello risale al XIV secolo quando venne costruito come la dimora ufficiale dei Duchi di Masovia e nella sua storia fu più volte conquistata dagli invasori, ma viene tutt’oggi ricordata come il luogo in cui fu redatta la prima costituzione in Europa nel 1791. Questa imponente struttura, dominata da una torre al centro, è oggi un museo che permette di conoscere meglio la storia dell’edificio e della città.

Museo della Rivolta di Varsavia

Varsavia divenne famosa per la sua resistenza ai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Il ghetto ebraico della città, dove gli ebrei erano confinati, era il più grande d’Europa. La rivolta, tuttavia, non si limitò ai soli ebrei: l’intera città si unì alla lotta nel 1944. Il Museo della Rivolta di Varsavia fu aperto nel 2004 in occasione del 60° anniversario dell’insurrezione. I visitatori troveranno un racconto di quell’evento storico durato circa 2 mesi, con sezioni interessanti e toccanti. Una parte della mostra è dedicata ai bambini che hanno partecipato alla rivolta e sono state realizzate riproduzioni realistiche delle fogne e della torre di osservazione usate dagli insorti per spostarsi e controllare la città.

Copernicus Science Center

Copernico, che visse dal 1473 al 1543, è uno dei più famosi scienziati e matematici originari della Polonia. È quindi in suo onore che è nato il Copernicus Science Center, che ospita una mostra planetaria dedicata allo spazio e al modo in cui influisce sulla nostra vita. È il più grande museo della scienza in Polonia e ospita sezioni interattive, con esperimenti pratici per scienziati in erba di tutte le età, eventi e seminari regolari e mostre stagionali.

POLIN – Museo della Storia degli Ebrei Polacchi

Il Museo della Storia degli Ebrei Polacchi si trova in un sito importante per gli ebrei: il ghetto ebraico di Varsavia, dove furono confinati durante l’occupazione tedesca. Inaugurato nel 70° anniversario della Rivolta del Ghetto di Varsavia, il museo onora i 1.000 anni della comunità ebraica in Polonia. È nato come un progetto educativo, per far conoscere meglio alle persone la fede e la cultura ebraica attraverso una mostra temporale che inizia narrando l’arrivo degli ebrei in Polonia. La storia della comunità ebraica in Polonia è raccontata anche attraverso testimonianze di numerosi ebrei.

Nowy Swiat

Nowy Swiat si traduce come “Via del Nuovo Mondo”, ma è una delle strade più storiche di Varsavia. Corre da Piazza delle Tre Croci a nord verso il Castello Reale, diventando parte della Strada Reale nel suo percorso. Nel sedicesimo secolo era la strada principale che conduceva ai vari castelli e villaggi rurali, diventando poi nel 1900 una delle più importanti vie commerciali di Varsavia, fiancheggiata ai lati da edifici neoclassici che spesso ospitano cafè e negozi. Fu quasi completamente distrutta durante l’insurrezione di Varsavia della Seconda Guerra Mondiale, ma venne restaurata ricreando la stessa strada di ciottoli originale. 

Krakowskie Przedmiescie

Una passeggiata per Krakowskie Przedmiescie è un ottimo modo per ripercorrere la storia di Varsavia. Situata alla fine della Strada Reale, camminando lungo questo prestigioso viale si possono ammirare il Palazzo Presidenziale, l’Università di Varsavia e alcune chiese barocche. La strada, nata nel quindicesimo secolo come via commerciale, è una delle più antiche ed eleganti di Varsavia e collega la Città Vecchia e il Castello Reale con un percorso lungo circa 1,5 km.

Palazzo della Cultura e della Scienza

Il Palazzo della Cultura e della Scienza è un edificio multifunzionale che ospita di tutto, dagli uffici delle aziende ai luoghi di intrattenimento. Costruito negli anni ’50, il grattacielo, il più alto della Polonia, presenta una guglia che si innalza verso il cielo che lo rende un simbolo da non perdere. I turisti lo apprezzano per la vista sublime della città che regala dalla sua piattaforma panoramica al 30° piano. Nel palazzo si trovano anche un teatro e un cinema con eventi regolari e concerti tutto l’anno.

Palazzo Wilanow

Palazzo Wilanow è uno dei monumenti più importanti in Polonia, poiché rappresenta com’era la Polonia prima del 1700. Il palazzo fu costruito come dimora per il re Giovanni III Sobieski. Dopo la sua morte il palazzo divenne di proprietà di famiglie aristocratiche, ciascuna delle quali apportò dei cambiamenti al design e agli arredi delle sale. A differenza del resto di Varsavia, Palazzo Wilanow sopravvisse quasi indenne alla Seconda Guerra Mondiale e la maggior parte dei suoi arredi e opere d’arte sono dunque originali. Oggi è un museo che ospita il prezioso patrimonio artistico e reale del paese ed è la cornice di numerosi festival musicali, tra cui i concerti estivi nel giardino. Palazzo Wilanow ospita anche il Poster Museum, il museo dei poster più antico del mondo.

Trakt Królewski (Strada Reale)

Trakt Królewski (Strada Reale) è senza dubbio la parte più bella della città: si compone di diverse strade sulle quali si affacciano molti edifici e monumenti culturalmente importanti. Inizia ai margini del centro storico e si estende per più di 1,5 km. Dopo aver visitato il centro storico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, dirigetevi lungo la via Krakowskie Przedmieście, quindi sulla via Nowy Świat per fare una sosta in un caffè, lungo Aleje Ujazdowskie, che passa attraverso la Piazza delle Tre Croci con la Chiesa di Sant’Alessandro, e terminate il tour nel famoso Parco Łazienki.

Fiume Vistola

Negli ultimi anni le sponde del fiume Vistola sono diventate un luogo d’incontro e uno spazio culturale. Il nuovo complesso sulla spiaggia Plażowa ospita un ciclo di concerti gratuiti che portano in scena i migliori giovani musicisti polacchi. Plażowa offre anche un teatro e un cinema all’aperto in estate, una piscina per bambini, un punto di noleggio per accessori sportivi e da spiaggia, oltre a numerosi bar e caffetterie.

Chopin Monument & Museum

Esistono vari modi per avvicinarsi alla musica di Frédéric Chopin, il famoso compositore polacco. Quando passeggiate per la città, noterete molte panchine “musicali” nere che permettono di ascoltare la musica di Chopin semplicemente premendo dei pulsanti. Per conoscere meglio la vita dell’uomo e compositore, visitate il Museo Chopin su Okolnik Street. Una statua di Chopin si trova vicino all’ingresso del Parco Łazienki.

Quartiere Praga

Per secoli Praga è stato il quartiere multiculturale e multietnico per eccellenza. Non essendo stato pesantemente danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale è considerato la parte più autentica della città. Iniziate la visita andando al Museo Praga di Varsavia, dove puoi conoscere la storia del quartiere, poi passeggiate per le strade storiche, dove si fanno spazio templi e santuari e gli edifici sono colorati da splendide opere di street art. Fate una pausa nello storico Parco Skaryszewski o allo zoo. Terminate visitando Saska Kępa, una zona ricca di architettura modernista e ristoranti con sapori provenienti da tutto il mondo.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).