Cosa vedere in Polonia

La Polonia è un paese dell’Europa orientale dal passato non sempre roseo, segnato in particolare dalla Seconda Guerra Mondiale. La Polonia ha conservato però il suo spirito ed oggi è una delle destinazioni più in voga in Europa, grazie anche agli ottimi collegamenti aerei low cost. Il paese combina l’architettura medievale con vivaci attrattive culturali e incantevoli paesaggi naturali per soddisfare le esigenze di tutti i turisti. In questa guida trovate una panoramica dei migliori luoghi da visitare in Polonia.

Cracovia

Cracovia è passata dall’essere un piccolo villaggio nel settimo secolo alla seconda città più importante della Polonia, nota per le sue attività culturali, artistiche, accademiche ed economiche. Durante la Seconda Guerra Mondiale, i nazisti confinarono gli ebrei nel ghetto di Cracovia: il famoso film “Schindler’s List” fu ambientato proprio qui. Situata sul fiume Vistola, l’ex capitale polacca è facile da visitare, poiché le attrazioni si concentrano attorno al centro storico, considerato uno dei più belli del paese. Dalle guglie della Basilica di Santa Maria ai vicoli acciottolati, dalla grande Piazza del Mercato al municipio medievale, ci sono molte ragioni per cui questa storica area è stata designata Patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Varsavia

Fondata intorno al XII secolo, Varsavia fu praticamente distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale, ma la capitale della Polonia è completamente rinata diventando un fiorente centro storico e culturale. Soprannominata la “Parigi del Nord” per le sue atmosfere romantiche, è anche famosa come la città natale del compositore classico Fryderyk Chopin. I viaggiatori di tutte le età si divertiranno visitando il Copernicus Science Center, un centro scientifico con tante attività interattive.

Malbork

La città medievale di Malbork, conosciuta anche con il nome tedesco di Marienburg, è nota per il suo castello, costruito nel tredicesimo secolo dai Cavalieri dell’Ordine Teutonico come loro sede. Quando venne completato, dopo oltre 200 anni di lavori, era la più grande fortezza gotica d’Europa e nonostante sia stato in parte distrutto durante la guerra, resta un castello possente dominato da alte mura e torrette appuntite.

Foresta di Bialowieza

La foresta di Bialowieza è una lussureggiante eredità delle foreste primordiali che un tempo coprivano gran parte dell’Europa. La foresta si estende sul confine tra la Polonia e la Repubblica di Bielorussia e ci sono diversi valichi di frontiera per i turisti a piedi o in bicicletta. La foresta di Bialowieza è l’unico luogo in cui vive allo stato selvatico il bisonte europeo, uno degli “abitanti” dei boschi assieme a lupi, cervi, cinghiali, alci e caprioli. Sono disponibili visite guidate a piedi o in carrozze trainate da cavalli.

Torun

Torun, situata sul fiume Vistola, è forse più conosciuta come la città natale di Copernico, ma è altrettanto famosa per la sua storica piazza del mercato e il Municipio gotico inserito nella lista dei luoghi più belli nel mondo. Non essendo stata pesantemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, la città vanta ancora numerosi edifici che risalgono al Medioevo. La costruzione del Municipio risale al tredicesimo secolo, così come molte chiese, tra cui la Cattedrale dei SS. Giovanni Evangelista e Giovanni Battista. Questa chiesa è una tappa obbligata per i viaggiatori interessati a dipinti, sculture gotiche e altari barocchi.

Parco Nazionale dei Tatra

I viaggiatori amanti della natura e della bellezza paesaggistica la troveranno nel Parco Nazionale dei Tatra, situato nella Polonia centro-meridionale. Istituito nel 1954, il parco è uno scenario fatto di boschi, prati e numerose formazioni rocciose che avvolgono i Monti Tatra. Il parco comprende anche più di 600 grotte, di cui sei sono aperte al pubblico; altre meraviglie sono i numerosi laghi alpini e la cascata Wielka Siklawa, alta 70 metri. È il parco nazionale più visitato della Polonia e delizierà gli escursionisti con i suoi 270 km di percorsi.

Poznan

I giovani viaggiatori si troveranno a loro agio nella vivace Poznan, a lungo nota come centro accademico e sede della terza università più grande della Polonia. La città ospita numerosi eventi internazionali, tra cui un Festival Internazionale del Teatro che si tiene ogni estate. Le principali attrazioni sono facilmente accessibili passeggiando lungo la Royal-Imperial Route, una passeggiata creata appositamente per i turisti. I più sportivi possono godersi una visita al lago artificiale di Malta, sede di una pista da sci, una pista di pattinaggio e diverse piscine.

Breslavia

Adagiata sulle sponde del fiume Oder, Breslavia è la città più grande della Polonia occidentale. Nel corso dei secoli è passata sotto il dominio di Prussia, Polonia, Germania e Boemia, ma fa parte della Polonia dal 1945. È meno conosciuta di altri luoghi della Polonia, ma può sicuramente competere grazie ad un’architettura straordinaria. Le principali attrazioni includono la piazza centrale, l’imponente Municipio della Città Vecchia, la Chiesa di Santa Elisabetta con il suo osservatorio che domina la città e il più grande zoo della Polonia. Fare un tour in barca sul fiume Oder è senz’altro un’alternativa rilassante per esplorare questa città medievale.

Danzica

Danzica è la città più grande della Polonia settentrionale e il suo porto marittimo è uno dei più importanti del paese grazie alla posizione privilegiata sul Mar Baltico. Fondata intorno al X secolo, era uno stato libero prima di diventare definitivamente parte della Polonia dopo la Seconda Guerra Mondiale. La città si ricostruì dopo la guerra, ripristinando la sua Città Vecchia, che è famosa per la Strada Reale, percorsa dalla famiglia reale polacca durante una visita a questa città storica. Merita una citazione anche la Chiesa di Santa Maria, la più grande chiesa in mattoni del mondo.

Auschwitz

Auschwitz è forse la “finestra sul passato” più toccante della Polonia e fa riflettere sugli orrori del regime nazista in Europa. Con reperti che raccontano la sua evoluzione in un campo di sterminio e le atrocità subite dalle minoranze all’interno, è diventato non solo un museo ma un memoriale sull’Olocausto. È un luogo sicuramente da non perdere.

Lublino

Lublino, situata ad est del fiume Vistola, è un’altra antica città situata sul confine orientale della Polonia, una posizione che l’ha resa più volte una strategica base difensiva contro gli invasori ma che al tempo stesso l’ha arricchita di influenze straniere. Un elemento che emerge nella Cappella della Santissima Trinità dove si fonde uno stile cattolico a dettagli russi-bizantini. Prima della guerra ospitava anche una delle più grandi comunità ebraiche in Polonia. Tuttavia non lasciatevi ingannare dalle strade di ciottoli e dall’architettura medievale della Città Vecchia, in quanto Lublino vanta una vivace scena artistica e numerosi locali notturni.

Penisola di Hel

La Penisola di Hel è uno dei posti più belli di tutta la Polonia, specialmente per gli amanti della spiaggia e per chi viaggia in estate. Lunghe distese di sabbia dorata sono cinte da dune ricoperte di vegetazione. Il Mar Baltico lambisce le spiagge dove ci si ritrova per prendere il sole, mentre le piccole cittadine di pescatori permettono di scoprire lati insoliti della Polonia.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).