10 giorni in Polonia

Questo grande e vasto paese dell’Europa centrale rivaleggia con molte più popolari destinazioni europee con la sua ricchezza di città, borghi, castelli e parchi nazionali. Con così tante opzioni può sembrare complicato riuscire a strutturare l’itinerario perfetto ma potete prendere spunto dal mio itinerario di 10 giorni in Polonia che vi farà scoprire il meglio di questa terra leggendaria. Il tragitto vi porterà in giro per il paese iniziando e finendo nella capitale Varsavia.

Giorno 1: arrivo a Varsavia

Gran parte dei visitatori atterrano nella capitale della Polonia. Dopo aver lasciato i bagagli in hotel, avventuratevi alla scoperta di questa grande grande città che ha davvero un po’ di tutto: storia, cultura e un’ottima scena gastronomica. Un luogo perfetto da cui iniziare è il Palazzo della Cultura e della Scienza, che offre ottimi panorami sulla città: dal suo osservatorio riuscirete ad orientarvi meglio identificando i punti di riferimento e di interesse della città.

Dal centro della città, una passeggiata lungo Nowy Świat vi porta davanti a dozzine di palazzi storici ed edifici eleganti, che includono il grande Palazzo Presidenziale, la sede del presidente della Polonia e numerose chiese e monumenti maestosi.

La strada conduce fino alla Piazza del Castello di Varsavia, vicino al Castello Reale, e conduce nel cuore del centro storico. Qui da non perdere ci sono la Piazza del Mercato della Città Vecchia e la statua della Sirena di Varsavia, il simbolo della città.

Giorno 2: Torun

In 2-3 ore di macchina o treno da Varsavia potete raggiungere Torun, patria del famoso astronomo Niccolò Copernico. Torun è una città non molto grande ma che vanta un centro storico pittoresco, adagiato sulle rive del fiume Vistola. Assicuratevi di visitare la Piazza del Mercato della Città Vecchia, circondata da splendidi edifici in mattoni, tra cui lo storico ufficio postale e il municipio che ospita un interessante museo cittadino e una torre con vista spettacolare sulla città. Altri luoghi da non perdere lungo le affascinanti strade medievali includono la Casa natale di Copernico, oltre a una serie di chiese e cattedrali.

Giorno 3: Danzica

Partite di buon’ora per raggiungere in circa 3 ore la costa baltica: qui si trova la meravigliosa città di Danzica. Il centro storico di questa città è stato quasi interamente ricostruito dopo la Seconda Guerra Mondiale anche se resta fedele a com’era in origine. Il luogo perfetto per iniziare la visita di Danzica è il pittoresco Vicolo Lungo che attraversa il centro della città: lungo il viale vi imbatterete nelle due porte, la Porta d’Oro e la Porta Verde, nonché numerose dimore interessanti. Da lì si diramano vari vicoli di negozi e caffè dove fare una pausa.

Giorno 4: Danzica

A seconda della stagione in cui viaggiate e dei vostri interessi, rimanere un’altra giornata a Danzica vi aprirà tante opportunità. Gli appassionati di storia possono fare una crociera sul fiume fino a Westerplatte, il sito costiero dove sbarcarono i nazisti all’inizio della guerra o visitare il Museo della Seconda Guerra Mondiale di Danzica. Se viaggiate in estate, con un breve tragitto in treno potete raggiungere le spiagge di Sopot e Gdynia, dove prendere il sole e nuotare. Un altro spunto è un tour al Castello di Malbork, uno dei più grandi castelli al mondo: rimarrete sbalorditi dalla vastità dell’edificio!

Giorno 5: Breslavia

Salutate il nord della Polonia e intraprendete un viaggio in auto o in treno di 4-5 ore fino all’elegante città di Breslavia. Breslavia ospita alcune attrazioni interessanti e non avendo un centro di grandi dimensioni è bellissima da esplorare a piedi. Il posto migliore da cui iniziare è la Piazza del Mercato della città, incentrata sull’elaborato municipio gotico. Da qui potete passeggiare ammirando il Palazzo Reale di Breslavia, il Teatro dell’Opera e la cattedrale della città. Se avete ancora un po’ di energia, fate una passeggiata lungo la parte meridionale del canale che scorre intorno al centro storico della città.

Giorno 6: Breslavia

Trascorrete un’altra giornata a Breslavia: è l’occasione giusta per saperne di più su questa città speciale e… andare a caccia di gnomi! Il centro storico di Breslavia, infatti, è punteggiato da piccoli gnomi in bronzo che spuntano qua e là nelle strade: ce ne sono più di 300! Queste minuscole statue sono diventate un’attrazione popolare, tanto che sono nati appositi tour turistici. Prendetevi il pomeriggio per rilassarvi, ammirare il grandioso campus dell’antica università della città e assaggiare le delizie locali del mercato.

Giorno 7: Cracovia

In meno di 3 ore di treno potete raggiungere la squisita città di Cracovia. Una volta lasciati i bagagli in hotel, recatevi nella piazza principale della città, nel cuore del centro storico meravigliosamente conservato. Qui vi ritroverete di fronte ad alcuni degli edifici più superbi della città, come il grande Palazzo dei Tessuti e la Basilica di Santa Maria. Girovagando per il centro storico a piedi, raggiungete la Porta di San Floriano e il Barbacane di Cracovia, i resti delle mura della città. Attraversate il centro storico percorrendo la strada pedonale Grodzka per raggiungere il possente Castello di Wawel, una vera bellezza.

Giorno 8: Cracovia

Ci sono due modi in cui potete trascorrere questo secondo giorno a Cracovia: dedicare un altro giorno all’esplorazione di Cracovia o scegliere di fare una gita di un giorno. Questo dipenderà soprattutto dai vostri interessi. Alcune delle opzioni di tour più popolari sono quello a Auschwitz Birkenau, il famigerato campo di sterminio nazista, e i tour legati alla storia ebraica che includono la visita alla fabbrica di Oskar Schindler. Per chi predilige un contesto naturale e le attività all’aperto, altre escursioni interessanti possono essere una gita alla miniera di sale di Wieliczka, dichiarata patrimonio dell’UNESCO, e alla località di villeggiatura di Zakopane, ai piedi dei Monti Tatra, dove in inverno si possono praticare sci e snowboard, mentre in estate qui si danno appuntamento tanti appassionati di trekking.

Giorni 9 e 10: ritorno a Varsavia e rientro

Ritornate alla capitale della nazione e punto di partenza per un ultimo giorno a Varsavia. Avendo trascorso soltanto una giornata all’arrivo sicuramente vi saranno rimaste tante cose da vedere.

Un’opzione è quella di avventurarsi sull’estrema riva del fiume Vistola ed esplorare il quartiere bohémien di Praga. Per paesaggi romantici prendete un tram fino al Parco Lazienki, perfetto per un picnic romantico o una passeggiata. Non dimenticatevi di fare incetta di souvenir prima del volo di ritorno.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).