Cosa vedere a Mumbai

Con numerosi siti storici, mercati vivaci e istituzioni culturali, Mumbai è una città ricca di luoghi interessante da scoprire. Per aiutarvi a sfruttare al meglio il tempo trascorso in questa città, eccovi una guida sulle attrazioni da non perdere.

Gateway of India (Porta dell’India)

Commemorando la visita di re Giorgio V e della regina Maria in città, la Porta dell’India è forse il più noto tra i monumenti storici di Mumbai. È anche il luogo da cui è partita l’ultima delle truppe britanniche, segnando la fine del dominio britannico quando l’India ottenne l’indipendenza nel 1947.

La struttura, affacciata sul porto, è posizionata in modo tale da essere la prima cosa che i visitatori vedono arrivando a Mumbai in barca ed è un luogo popolare da cui iniziare a visitare la città.

Kala Ghoda Art Precinct

Kala Ghoda, che significa “cavallo nero” in riferimento a una statua che un tempo sorgeva in questo quartiere, è il centro culturale di Mumbai. Questa zona a forma di mezzaluna ospita le migliori gallerie d’arte e musei di Mumbai, con diversi spazi culturali che attirano gli appassionati di arte e storia. È un bellissimo quartiere anche solo per una passeggiata ma assicuratevi di non perdere l’acclamata galleria d’arte Jehangir Art Gallery. Ogni anno a febbraio qui si svolge il Kala Ghoda Arts Festival, un evento di nove giorni tutto dedicato all’arte che ha luogo nell’oasi verde conosciuta come Horniman Circle Garden.

Chhatrapati Shivaji Terminus

Oltre ad essere la stazione ferroviaria più famosa del paese e uno degli edifici più iconici di Mumbai, la Chhatrapati Shivaji Terminus è uno dei luoghi che meglio testimonia il passato e il presente della città. Questo sito patrimonio mondiale dell’UNESCO è anche tra le stazioni ferroviarie più trafficate del paese e parte integrante della vita quotidiana dei cittadini di Mumbai. Ammiratela dall’esterno e all’interno per apprezzarne il mix di elementi architettonici vittoriani e indiani. 

Moschea Haji Ali

La straordinaria Moschea Haji Ali, risalente al 1431, è una delle strutture architettoniche più iconiche di Mumbai, costruita in memoria di Sayyed Peer Jaji Ali Shah Bukhari, un ricco mercante musulmano dell’Uzbekistan che rinunciò a tutto i suoi possedimenti per fare un pellegrinaggio alla Mecca. Situato su un’isola al largo della costa di Worli, l’edificio bianco-incontaminato in stile Mughal si collega alla terraferma da uno stretto sentiero che affiora durante la bassa marea.

Chor Bazaar

Questo storico mercato delle pulci è uno dei più grandi del paese e vende alcuni degli articoli più singolari che potete trovare in un mercato di Mumbai, spaziando da oggetti d’antiquariato unici a parti di auto usate. Secondo una leggenda locale, Chor Bazaar, che in lingua locale significa “mercato dei ladri” è dove andare se si viene derubati a Mumbai. Il mercato, presente da oltre 150 anni, presumibilmente prese questo nome dopo che alcuni beni della regina Vittoria, scomparsi quando una delle sue navi era in visita a Mumbai, furono trovati in vendita al mercato.

Colaba Causeway Market

Affiancato da bancarelle che vendono una grande varietà di articoli, da gioielli economici a vestiti e libri usati, questo tratto storico e famoso di Colaba Causeway offre innegabilmente un’esperienza unica. Dai caffè, bar e ristoranti popolari in tutto il paese ai negozi storici che vendono articoli stravaganti, c’è molto da vedere in questa area.

Banganga Tank

Banganga Tank è il più antico luogo continuamente abitato di Mumbai e offre un’eccezionale opportunità per immergersi nella storia della città. Questo serbatoio di acqua sacra è fiancheggiato da una stradina di templi, case e dharamsala (case di riposo religiose). Gli indù credono che camminare intorno alla vasca abbia immensi benefici purificanti, ma vale comunque la pena trascorrere un po’ di tempo semplicemente seduti sui gradini, assistendo a scene di vita quotidiana.

Juhu Beach e Marine Drive

Alla fine di una faticosa giornata di visite turistiche, rilassatevi con la gente del posto sulla spiaggia di Juhu, ammirando il tramonto sul Mar Arabico e gustando un piccolo spuntino acquistato nelle bancarelle in zona. La spiaggia di Juhu è la più famosa della città ed è una destinazione chiave per i locali che vogliono rilassarsi, fare jogging o semplicemente passeggiare. Se amate le camminate, Marine Drive è un lungomare di quasi 4 km che si snoda parallelo alla costa nel sud di Mumbai, da Nariman Point a Babulnath.

Tempio di Babulnath

Il Tempio di Babulnath è tra i più antichi della città. Dedicato alla divinità indù Shiva, lo straordinario tempio risale al XII secolo e fu commissionato dal sovrano locale Bhimdev o Bhima. Tuttavia nel corso degli anni fu abbandonato e infine sepolto fino a che venne riportato alla luce nel XVIII secolo.

Film City

Mumbai è il centro dell’industria cinematografica indiana “Bollywood”, in forte espansione in tutto il paese. Se volete fare un tour nel cuore dell’azione, il posto da visitare è Film City costruito nel 1978 per aiutare l’industria cinematografica di Bollywood fornendo location e studi cinematografici. Il complesso si estende su un’area molto vasta ed è completamente attrezzato con studi e set per riprese interne e ambientazioni all’aperto. Potete visitare Film City con un tour guidato che vi fornirà informazioni e curiosità sul mondo del cinema indiano.

Ponte Bandra Worli Sealink

Il ponte Bandra Worli Sealink, lungo 5,6 km attraversa il Mar Arabico collegando Bandra, nella periferia occidentale di Mumbai, con Worli nella parte meridionale della città. È considerato una meraviglia ingegneristica e sebbene non sia accessibile ai pedoni, il suo design contemporaneo ed elegante, caratterizzato da cavi in acciaio, lo rendono un bellissimo soggetto fotografico soprattutto al tramonto o di notte, quando viene illuminato.

Mumbay University

L’Università di Mumbai (ex Università di Bombay), una delle prime università moderne dell’India, fondata dagli inglesi nel 1857. Se originariamente era un ente affiliato che rilasciava titoli e aveva poche altre funzioni, l’università aggiunse l’insegnamento solo agli inizi del ‘900. Oggi è una delle università più prestigiose del paese, con facoltà di arte, scienza, tecnologia, diritto, medicina, commercio, belle arti e medicina indiana. Vi consiglio se ne avete l’occasione di fare una tappa in questo bellissimo campus per ammirare gli edifici storici, tra cui spicca la torre dell’orologio Rajabai Clock Tower, risalente al 1870, che oggi ospita la biblioteca universitaria.

Taj Mahal Palace Hotel

Nessun tour di Mumbai è completo senza un po’ di tempo trascorso nel Taj Mahal Palace Hotel, una meraviglia storica e architettonica: costruito nel 1903, l’hotel affacciato sul Mar Arabico è tra i più celebri del paese. L’iconica cupola dell’edificio è stata il primo chiaro simbolo del porto di Mumbai fino alla costruzione della Porta dell’India.

Isola di Elephanta

Situata nel porto di Mumbai, questa lussureggiante isola coperta di foreste si trova a circa 10 chilometri dalla Porta dell’India. L’isola conta appena 1.200 abitanti e non offre alloggi per turisti, tuttavia ospita gli storici templi delle Grotte di Elephanta. Risalenti al V secolo d.C., le cinque grotte indù e due grotte buddiste sono state luoghi di culto fino al 1500 e oggi restano una delle attrazioni storiche principali di Mumbai.

Sanjay Gandhi National Park

Considerato il più grande parco del mondo situato all’interno dei confini della città, il Sanjay Gandhi National Park è tra le attrazioni più popolari di Mumbai. Ospita una grande varietà di piante e animali, tra cui anche una colonia di tigri. Tra le attrazioni del parco ci sono anche le antiche grotte di Kanheri, 109 templi rupestri scavati nella roccia risalenti al I secolo a.C. usati in passato come luoghi di culto e meditazione.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).