Cosa vedere in India

L’India è una destinazione enorme e diversificata, che offre una grande varietà di attrattive, cucine, culture e paesaggi. Gli appassionati di cultura avranno la possibilità di visitare siti sacri e palazzi, mentre chi ama la natura apprezzerà le sue spiagge baciate dal sole, i lussureggianti parchi nazionali e le riserve naturali ricche di fauna selvatica. Per aiutarvi a sfruttare al meglio la vacanza in questo fantastico paese, eccovi una guida ai migliori luoghi da vedere in India.

Taj Mahal, Agra

Agra è una delle città più visitate di tutta l’India. Un tempo capitale dell’Impero Mughal, oggi è la sede della struttura conosciuta come Taj Mahal (foto in alto), simbolo del paese. Il mausoleo fu costruito nel diciassettesimo secolo ed è considerato un inno all’amore: prende il nome da Mumtaz Mahal, la moglie preferita dell’imperatore Shah Jahan. Incorporando molti elementi del design islamico tra cui minareti, una cupola a forma di cipolla e dettagli calligrafici attorno all’ingresso, il Taj Mahal è in gran parte costruito in marmo bianco decorato con delicati motivi floreali intarsiati e pietre preziose come la giada, lapislazzuli, diamanti e madreperla. Il momento migliore per visitarlo è all’alba o al tramonto. 

Delhi

Se trascorrete del tempo nell’India del Nord, quasi sicuramente visiterete la capitale Delhi, considerata una delle città più antiche del mondo. Questa gigantesca metropoli ospita diversi quartieri e numerose attrattive, tra cui la principale è il Forte Rosso, o Lal Qila, costruito nel diciassettesimo secolo. Il forte rosso è una struttura di arenaria di cui potete visitare vari luoghi come il bazar, il palazzo dei gioielli e persino l’antica residenza del sultano. Vi consiglio anche di approfittarne per visitare i numerosi musei e le strutture religiose che punteggiano la città.

Rajasthan e Jaipur

L’India nord-occidentale è il luogo in cui si trova lo Stato del Rajasthan, che confina con il Pakistan e ospita il deserto del Thar. Sia che siate appassionati di storia o natura, il Rajasthan contiene alcuni dei migliori posti da visitare in India. Jaipur, la “Città Rosa”, è la capitale del Rajasthan e un posto meraviglioso da cui iniziare iniziare il viaggio: ospita una serie di incredibili gemme architettoniche, tra cui tre forti, molti templi e lo straordinario palazzo fortificato Amer Fort (spesso anche scritto “Amber”). Arroccato in cima alla collina, il palazzo vanta sale finemente decorate, un cortile e un tempio.

Sempre in Rajasthan merita una visita Jodhpur, la “Città Blu” che è la porta di accesso al deserto del Thar, nonché la sede dello spettacolare Forte Mehrangarh.

Udaipur

Il complesso di edifici City Palace ad Udaipur.
Il complesso di edifici City Palace ad Udaipur.
Sempre nello Stato del Rajasthan si trova la città di Udaipur che sorge accanto al tranquillo lago Pichola. Palazzi fantastici, templi, residenze tradizionali e un labirinto di stradine strette e tortuose aggiungono fascino alla città. Qui potete godervi romantiche gite in barca sul lago, il trambusto e il colore dei bazar, una vivace scena artistica, la pittoresca atmosfera dei suoi hotel storici e negozi di qualità.

Varanasi – fiume Gange

Vista notturna di Varanasi dal fiume Gange.
Vista notturna di Varanasi dal fiume Gange.
Sulle rive del fiume Gange si estende Varanasi, un’antica città considerata la capitale spirituale dell’India e le cui origini risalgono a più di 3000 anni fa. Gli edifici religiosi sono sicuramente una delle principali attrazioni di Varanasi, e tra i più importanti ci sono la moschea Alamagir, il tempio Shri Kashi Vishwanth e il tempio Sankat Mochan. All’alba, raggiungete le rive del Gange per osservare oltre 60.000 persone che fanno il bagno nel fiume: è un evento veramente indimenticabile.

Kerala

Lo stato sud-occidentale dell’India, noto come Kerala, è un luogo dalla bellezza tropicale: spiagge di sabbia bianca ornate da palme e foreste rigogliose sono tra i motivi per esplorare la regione. Oltre ai suoi corsi d’acqua, eleganti case galleggianti e festival, Kerala ospita anche Thekkady, una riserva di tigri che permette di ammirare flora e fauna locale. Il centro principale di Kerala è la città di Kochi, dove è possibile vedere un volto nuovo dell’India, fatto di un bellissimo mix di grattacieli moderni e architettura coloniale. La storia multiculturale di Kochi fa sì che tra le sue attrazioni ci siano una sinagoga ebraica, un palazzo olandese, il forte portoghese Pallipuram e il tempio indù di Thrikkakara.

Tempio d’Oro e Amritsar

Nella provincia settentrionale del Punjab si trova Amritsar, una città santa e una mecca per la religione sikh. L’attrazione principale di Amritsar è il Tempio d’Oro, noto anche come Harmandir Sahib. Costruito più di 400 anni fa, questo tempio dorato è da sempre meta di pellegrini e sebbene sia aperto a tutti i visitatori è importante vestirsi in maniera adeguata, coprendo anche il capo. Attrazione principale del tempio è l’Amrit Sarovar, una piscina che circonda l’edificio, dove i pellegrini fanno il bagno.

Mumbai

Città più grande del paese, Mumbai è anche il centro finanziario e cinematografico dell’India. La grande metropoli offre tante cose da fare e da vedere, tra cui il famoso Portale dell’India (Gateway of India) un arco in pietra che si affaccia sul Mumbai Harbour.

La città è famosa per i suoi mercati specializzati in tessuti e oggetti d’antiquariato, ma non perdetevi la stazione ferroviaria Chhatrapati Shivaji con i suoi ricchi decori e la passeggiata sul mare Marine Drive che termina nella popolare spiaggia di Chaupati.

Pangong Tso

Una bella tonalità di acqua al lago Pangong, a Ladakh.
Una bella tonalità di acqua al lago Pangong, a Ladakh.
Guardando l’incontaminato lago Pangong Tso quasi ci si dimentica di essere in India. Ad un’altitudine di 4.350 metri sul livello del mare, il lago offre uno spettacolo surreale, oltre ad essere uno dei laghi d’acqua salata più alti del mondo. Creato presumibilmente dall’erosione glaciale, inizialmente Pangong Tso era un lago d’acqua dolce, divenuta negli anni salata a causa della formazione di depositi minerali. Attira ogni anno tanti studiosi e turisti ed è spesso ripreso in tanti film di Bollywood.

Tea Gardens (Munnar)

Situata tra le montagne del Ghats Occidentale nello stato del Kerala, Munnar è una località collinare circondata da alcune delle piantagioni di tè più scenografiche dell’India. Fondati alla fine del diciannovesimo secolo, “i giardini del tè” si sviluppano su un terreno ondulato, che appare come un brillante tappeto di colore verde. Qui viene prodotto il tè della migliore qualità, motivo della fama internazionale di Munnar che recentemente ha istituito anche un museo del tè nell’area per fornire ai turisti informazioni sulla regione e sul processo di coltivazione e produzione del tè. Ci sono tour guidati in tutta l’area.

Calcutta

La terza città più grande dell’India, Calcutta evoca facilmente immagini di povertà e sofferenza umana per la maggior parte degli occidentali, tuttavia a livello locale è considerata la capitale intellettuale, artistica e culturale dell’India, con le sue gallerie d’arte e i festival culturali. La città ha una nascente cultura hipster che dilaga tra i giovani e numerosi club esclusivi dell’era coloniale, ma la sua attrattiva principale è la sede dell’ordine religioso fondato da Madre Teresa di Calcutta, la cui tomba si trova proprio qui.

Spiagge di Goa

Una delle spiagge di Goa.
Una delle spiagge di Goa.
Sulla costa occidentale dell’India c’è Goa, un’antica colonia del Portogallo che fonde la cultura indiana con influenze straniere. Meta del turismo internazionale, Goa è famosa soprattutto per le sue spiagge spettacolari, tra cui la più popolare di tutte è la spiaggia di Candolim, molto affollata in alta stagione. Anjuna Beach, al contrario, è più tranquilla e permette di passeggiare fino al Forte Chapora ammirando la costa. Palolem è considerata una delle spiagge più belle di tutta Goa con la sua baia naturale circondata da alti promontori su entrambi i lati.

Ladakh

Una bella tonalità di acqua al lago Pangong, a Ladakh.
Una bella tonalità di acqua al lago Pangong, a Ladakh.
Nell’India più settentrionale, nella regione del Kashmir, si trova la destinazione montuosa di Ladakh. Questa regione pur essendo molto vasta ha una bassa densità di popolazione e proprio per questo conserva uno scenario mozzafiato e incontaminato. Città principale della zona è Leh che sorge ad un’altitudine molto elevata ed è sede del Palazzo del Re di Ladakh. La cultura buddista è importante in questi luoghi e chi lo desidera può visitare alcuni dei numerosi monasteri e templi buddisti nella Città Vecchia.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).