Serendipity 3

Se la parola “serendipity” significa fare per caso delle scoperte piacevoli e inattese mentre si sta cercando altro, entrando nel famoso ristorante dell’Upper East Side si scopre che mai un nome fu più azzeccato di questo! Quello che si trova all’interno è un mondo che non ci si aspetta, un universo che sprigiona una carica di colori, sapori e stravaganze, dove si pranza con una sfera da discoteca sopra la testa e tanti oblò a specchio in cui ci si può riflettere, dove il total white da fiaba della sala viene contrastato da lampade variopinte e sedie appese al soffitto. È un luogo dove entri per mangiare qualcosa ed esci con in mano tazze, magliette e altri souvenir. E nemmeno il menù è un classico menù perché ha la forma di un quotidiano e la miriade di disegni, scritte e ghirigori quasi distolgono l’attenzione dai piatti. Ma c’è una cosa invece che tutti si aspettano e che trovano solo al Serendipity: la Hot Frozen Chocolate, la specialità che ha reso famoso questo locale in tutto il mondo grazie alla scena in cui i protagonisti del film Serendipity si fermano a gustare una gigantesca hot frozen chocolate proprio in questo locale, nel tavolo oggi chiamato “Star Table”.

Ma a New York il ristorante Serendipity era già famoso prima del film. Fondato nel 1954 inizialmente era solo una caffetteria che serviva dolci ed espresso eppure la sua unicità era proprio questa: fu infatti la prima coffee house di New York. Fin dai primi anni a frequentare questo locale c’erano personaggi del calibro di Marilyn Monroe e Andy Warhol, che da subito si innamorarono della cioccolata calda-ghiacciata del Serendipity, la cui ricetta oggi la si può trovare nel libro Sweet Serendipity, venduto all’interno del ristorante insieme ad altri souvenir.

La sezione del negozio si trova subito appena dopo l’ingresso: qui troverete oggetti di ogni tipo, tra cui tazze, pupazzi, libri, gadget del ristorante e persino un preparato per fare la cioccolata calda a casa. Come ci si aspetta da un locale così famoso, c’è sempre un po’ di fila soprattutto nelle ore dei pasti, ma ne vale davvero la pena.

Mangiare al Serendipity

Anche se è famoso per la Hot Frozen Chocolate, il ristorante Serendipity offre un menù davvero ricco di proposte variegate, che comprende hamburger, hot dog, insalate, panini, pasta, carne alla griglia e anche pesce. Tutto servito con diversi contorni a base di verdure o patatine fritte. In particolare vi consiglio il Foot Long Hot Dog, ovvero l’hot dog in versione gigante che viene servito con diversi ingredienti a vostra scelta, tra cui bacon, formaggio e/o salsa chili. Per gli amanti delle specialità americane suggerisco anche l’hamburger per il gusto davvero ottimo della carne, che non è asciutta ma rimane morbida e succosa, da abbinare rigorosamente al formaggio e al bacon croccante.

Le porzioni sono abbondanti come vuole la tradizione americana e anche il servizio ai tavoli è davvero ottimo, grazie a uno staff giovane sempre cortese e sorridente, che si cimenta anche nel  cantare “Happy Birthday” se qualcuno al tavolo compie gli anni.

Non dimenticatevi poi di lasciare un po’ di spazio al dolce! Che ovviamente non può che essere la Hot Frozen Chocolate! Ne esistono diverse versioni, da quella classica con cioccolato e panna a quella alla menta, al burro d’arachidi e al caramello. Essendo un dessert freddo, perché in sostanza è cioccolata liquida unita al ghiaccio, forse è più appropriato per le calde giornate estive che per quelle invernali, ma vi consiglio comunque di provarlo, magari ordinandone una in due, considerate le dimensioni sempre esagerate.

Come ci si può immaginare da un locale così famoso i prezzi sono un po’ alti: un hamburger parte da circa 15 dollari comprese le patatine fritte, un hot dog da circa 11 dollari e la hot frozen chocolate da 10 dollari; ai prezzi vanno poi aggiunti le tasse e la mancia. Ma per gli appassionati del film Serendipity o per chi vuole cenare in un ambiente diverso dal solito ristorante, vale la pena spendere qualcosina in più.


Mappa:

Nome: Serendipity 3


Nelle vicinanze:

By: Danny HuizingaA 745 metri