Takaoka

Seconda città più grande della Prefettura di Toyama, Takaoka è un luogo dove nonostante lo sviluppo moderno della città, si respirano le atmosfere del Giappone più tradizionale, tra antichi templi e quartieri di mercanti e artigiani dove si percepisce ancora l’antico splendore della città.

Nata come una cittadella attorno al proprio castello, Takaoka perse la sua fortezza durante il periodo Edo, ma questo non fermò lo sviluppo della città, divenuto un centro artigianale rinomato per la lavorazione dei metalli, in particolare rame e acciaio.

A soli 20 minuti di treno dalla città di Toyama, Takaoka è una meta sempre più popolare tra i turisti che desiderano scoprire luoghi al di fuori dei classici itinerari turistici. E non solo: se siete appassionati di anime e manga, sarete felici di sapere che Takaoka è anche la città natale di Fujiko F. Fujio, creatore della popolare serie “Doraemon”: molti luoghi rappresentati nelle scene si ispirano proprio a Takaoka. Se siete curiosi di scoprire Takaoka, vediamo insieme cosa fare e cosa vedere in città!

Cosa vedere

Passeggiare nei quartieri storici

Sin da epoche lontane, Takaoka è stata un centro artigianale particolarmente apprezzato, soprattutto per quanto riguarda la produzione e lavorazione di metalli e della lacca.  Altri settori importanti per l’economia locale sono la tessitura e la tintura delle stoffe, senza trascurare la gastronomia: Takaoka è famosa anche per i suoi dolcetti tradizionali.

Nonostante la modernizzazione della città, due aree di Takaoka conservano l’aspetto e il fascino di una volta, permettendo ai visitatori di fare un tuffo indietro nel tempo, passeggiando tra vicoli di botteghe di artigiani e mercanti.

Basta dirigersi verso la via Yamachosuji per scoprire infatti un volto diverso della cittadina:  in origine questa era la strada principale e più trafficata di Takaoka e collegava la città con Kyoto. Per questo molti mercanti aprirono le loro case-bottega in questo viale, dove ancora oggi si conservano antichi edifici da cui emerge chiaramente la prosperità di questo luogo nel passato.  Una particolarità che di certo noterete sono le mura costruite tra gli edifici, un’aggiunta realizzata nei primi anni del ‘900 dopo che un violento incendio distrusse parte delle strutture: le mura furono progettate proprio per evitare il dilagare delle fiamme in caso di un nuovo incendio. Sul tetto degli edifici vedrete sicuramente anche alcune statue di shachihoko, una figura mitologica giapponese metà leone e metà delfino che secondo la cultura popolare proteggerebbe dal fuoco.

Una delle più famose residenze della zona è la Residenza Sugano, divenuta oggi un museo aperto al pubblico in cui si possono visitare ambienti raffinati arricchiti da decori preziosi e oggetti appartenuti ai proprietari, e giardini molto curati. Un tempo la dimora era abitata da un ricco mercante.

Ad appena cinque minuti a piedi dal viale Yamachosuji si trova il distretto Kanayamachi, l’antico quartiere degli artigiani di Takaoka in cui si concentrano i laboratori di lavorazione del metallo. La posizione del distretto rispetto alla città, dalla quale è separata dal fiume, cela un motivo prettamente pratico:  ridurre il rischio che un possibile incendio proveniente da uno dei laboratori si diffonda nel centro abitato.  Sebbene gli edifici del distretto non siano aperti al pubblico, è piacevole passeggiare in questo luogo per ammirare dall’esterno le strutture tradizionali in legno ben conservate e immergersi nelle atmosfere storiche del distretto che appare come l’immagine di una cartolina dal passato.

Il quartiere ospita inoltre il Takaoka Casting Museum, un piccolo e affascinante museo che ripercorre e racconta la storia della lavorazione del metallo nella città attraverso una serie di strumenti e oggetti utilizzati nei laboratori e una collezione di opere e lavori artigianali realizzati, tra cui ci sono anche alcune campane costruite per i templi.

Parchi e musei

Il castello di Takaoka, voluto dal clan Maeda che all’epoca era tra i più potenti del paese, venne demolito nel 1625 per via di una nuova legge che consentiva la presenza di una sola fortezza per ogni dominio feudale. Sebbene oggi quindi il castello di Takaoka non esista più, alcune rovine e fondamenta sono ancora visibili nel parco della città, il Takaoka Kojo Park che si estende attorno al punto in cui sorgeva il castello. Gli antichi fossati che un tempo cingevano la fortezza oggi sono diventati dei canali solcati dalle imbarcazioni di turisti che possono esplorare questa area verde con una breve crociera, passando così tra distese di prati fioriti ideali per un picnic e aree boschive attraversate da sentieri perfetti per una passeggiata a piedi o in bicicletta. Il parco ospita oltre mille alberi di ciliegio che lo rendono una delle mete preferite durante il tradizionale hanami primaverile. Il boom della fioritura dei ciliegi è nelle prime due settimane di aprile.

Nel parco si trovano anche altre attrattive culturali, come il piccolo Santuario Imizu, con la sua porta torii in bronzo che rende omaggio al passato industriale della città e il Museo Municipale che racconta la storia di Takaoka, compresi alcuni aneddoti sul castello, sul settore artigianale e sui personaggi illustri originari della città; il museo è accessibile con ingresso gratuito.

Con una breve passeggiata dal parco si raggiunge il Museo d’Arte di Takaoka, il quale ospita varie mostre con opere di talenti locali e anche una sezione dedicata all’artista di anime Fujiko F. Fujio con alcuni dei suoi lavori più famosi.

Visitare i luoghi di Doraemon

Se siete appassionati di questo anime e manga, allora Takaoka è la città perfetta per voi: essendo il luogo natale del creatore di Doraemon, ci sono tanti posti in città  che rendono omaggio alla famosa serie. Il primo che incontrerete è sicuramente la Doraemon Walking Road, una piccola stradina che si estende di fronte alla stazione, decorata con dodici statue di bronzo raffiguranti i personaggi principali dell’anime. Le sculture hanno tutte espressioni buffe e simpatiche che mettono subito allegria ai visitatori in arrivo.

Un altro luogo che merita di essere visitato soprattutto se si viaggia con dei bambini è il parco Takaoka Otogi Forest Park, nel quale si trova un’area giochi costellata dai vari personaggi di Doraemon.

Vedere il Takaoka Daibutsu

Il Takaoka Daibutsu è una delle attrazioni imperdibili della città: si tratta di una gigantesca statua del Buddha, uno dei tre Grandi Buddha del paese assieme a quello di Nara (presso il tempio Todaiji) e al Kamakura Daibutsu. La statua si trova a circa dieci minuti a piedi della stazione e fu completata nel 1933, sebbene l’originale, in legno, risalga al 1745 ma venne più volte danneggiata da un incendio. Per questo motivo si decise di ricostruirla in bronzo, un materiale più resistente, e approfittando anche delle abilità dei maestri artigiani della città.

Visitare il Tempio Zuiryuji

Sede del Buddismo Soto Zen, il Tempio Zuiryuji è inserito tra i tesori nazionali e si raggiunge in pochi minuti a piedi dalla stazione dei treni. Venne costruito nel 1600 in occasione della morte di Maeda Toshinaga, signore feudale della regione e il principale sostenitore dello sviluppo industriale della città. Per questo tra i vari edifici che compongono il complesso sacro, trova spazio anche il mausoleo a lui dedicato.

Tra le principali strutture del tempio ci sono la Sala Butsuden che ospita al suo interno una statua del Buddha e la Sala Hatto, un meraviglioso esempio di stile architettonico tipico del periodo Edo.

Prendere parte al Festival dei Tulipani

A Tonami, una cittadina che dista pochi minuti in treno da Takaoka, si tiene ogni anno un appuntamento imperdibile per gli amanti dei fiori: il festival dei tulipani.  La sede dell’evento è il Parco dei Tulipani, dove tra la fine di aprile e gli inizi di maggio sbocciano migliaia di tulipani di vari colori, inondando il parco di bellissimi colori. Per chi non potesse assistere all’evento, la Galleria dei Tulipani di Tonami è un museo aperto tutto l’anno che consente di ammirare tante varietà di questo fiore e conoscerne meglio le caratteristiche.

Come arrivare

Takaoka è raggiungibile facilmente in treno con la linea JR Hokuriku Shinkansen che collega la città a Tokyo, Kanazawa, Toyama e altre destinazioni giapponesi. Da Tokyo il viaggio dura circa 2 ore e può essere interamente coperto dal Japan Rail Pass o dall’ Hokuriku Arch Pass.

Come muoversi

Takaoka ha due stazioni ferroviarie, Takaoka e Shin-Takaoka, che distano circa un paio di chilometri l’una dall’altra. La stazione Takaoka è quella più centrale ed è servita da treni locali e regionali, mentre la stazione Shin-Takaoka è quella in cui si arriva a bordo della linea JR Hokuriku Shinkansen. Per spostarsi da una stazione all’altra è possibile farsi una bella passeggiata di circa 20-30 minuti oppure prendere la linea JR Johana Line che collega le due stazioni in pochi minuti.

Una volta giunti in città potete comodamente esplorarla a piedi, in quanto le principali attrazioni si concentrano nell’arco di 1-2 km al massimo dalla stazione centrale.

In alternativa, per chi ha difficoltà a camminare, è disponibile un’efficiente linea di tram che collega la stazione con i quartieri a nord fino al quartiere del porto, fermando anche nei pressi delle maggiori attrattive.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!