Sweet Sugar Bakery

Metti due amiche senza un grande budget a disposizione ma con una sconfinata passione per la pasticceria ed ecco che il risultato è una delle bakery più bizzarre e amate di New York. Peg e Deb volevano creare un luogo dall’atmosfera calda e accogliente, che richiamasse alle atmosfere casalinghe degli anni ’60 e ’70 e ci sono pienamente riuscite: alla Sweet Sugar Sunshine i clienti si sentono come a casa. L’ambiente è arredato con mobili che le due fondatrici hanno portato direttamente dal loro appartamento, oggetti di seconda mano scovati nei negozietti vintage o regalati da amici e persino decorazioni trovate per strada. Basta solo guardare l’esterno della pasticceria per accorgersene: davanti alla vetrina ci sono due panchine dove i clienti possono sedersi a mangiare che sono completamente diverse tra loro e che non c’entrano nulla l’una con l’altra, ma che al tempo stesso esprimono la forte personalità di questo posto. E l’interno non è molto diverso: le pareti sono rivestite da vernici di colori diversi che si alternano alla carta da parati, ci sono sgabelli e vecchi mobili di legno colorati, foto, poster e disegni appesi qua e là e poi, al centro, il bancone della pasticceria ricolmo di tante golosità. Golosità che vengono preparate proprio nella zona retrostante il balcone e aperta a tutti perché sin dalla nascita della bakery nel 2003 i clienti possono curiosare nella cucina a vista e assistere alla preparazione dei prodotti. Una politica di trasparenza che dice molto sulla qualità dei dolcetti di Sweet Sugar Sunshine.

Affacciata su Rivington Street, nel Lower East Side, questa bakery è davvero, come promette il nome, come un raggio di sole (zuccheroso) che riscalda e regala un sorriso a chiunque entri ad assaggiare i suoi deliziosi cupcake: una tappa perfetta in qualsiasi momento della giornata per una merenda, un dessert dopo-pranzo o una colazione golosa.

I cupcake di Sweet Sugar Sunshine

Il fatto che la Sweet Sugar Sunshine sia una pasticceria non convenzionale lo si intuisce anche dai nomi stravaganti dei cupcake: c’è il Sunshine, con una crema di vaniglia rosa, l’Holla Back Girl, preparato con la banana e una crema di formaggio e decorazioni con palline arancioni, il Pumpink con zucca e formaggio e noci a decorazione, il Goodie Goodie, con cioccolato e burro d’arachidi, il Sexy Red Velvet dove le decorazioni sono piccoli cuoricini rossi, il Bob ricoperto da una crema di cioccolato e mandorle, e così via. La lista continua con abbinamenti classici e altri più insoliti, ma tutti davvero buonissimi, grazie ad un impasto sofficissimo e ad un topping cremoso e gustoso, dolce al punto giusto.

Un cupcake costa 2,25 dollari, mentre la versione mini costa 1,25 dollari.

Ma un’altra specialità della casa sono i pudding, ovvero dei dolci al bicchiere, una sorta di budino, preparati con diversi ingredienti. Il più famoso è il Banana Pudding, fatto con banane, wafer e crema alla vaniglia, ma poi ci sono il Chocolate Chip Deliciousness, con pezzetti di cookie alle gocce di cioccolato, il Chocolate Bomb, fatto con torta e crema al cioccolato, l’Awesome che contiene invece burro d’arachidi e cioccolato, e tanti altri ancora. Un pudding small costa 3 dollari.

Oltre a queste specialità troverete tanti altri prodotti, tra cui torte, cookies, barrette fatte in casa, brownie e minicheesecake.

Galleria Foto


Informazioni e mappa

Nome: Sweet Sugar Bakery

Nelle vicinanze:

L'ingresso del negozio Economy Candy.A 75 metri
Una cliente guarda le cose in vendita da Object_ify 139.A 81 metri
melt-9A 185 metri
Spaghetti con polpette di carne da The Meatball Shop.A 254 metri
Il Tenement Museum.A 280 metri
Donut al cioccolato da Erin McKenna Bakery.A 300 metri

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).