Oshino Hakkai

Nella regione dei Cinque Laghi del Monte Fuji centinaia di anni fa i laghi non erano 5 bensì 6. Il sesto lago si prosciugò in seguito ad una serie di eruzioni del famoso vulcano e nacquero al suo posto otto piccoli stagni che oggi formano una popolare destinazione turistica, Oshino Hakkai. Oshino Hakkai si trova nei pressi di Oshino, un piccolo villaggio fatto di pittoresche case dal tetto in paglia, mulini e botteghe di souvenir e prodotti alimentari tipici della zona. Un luogo dove regnano antiche tradizioni e semplicità, e nonostante il turismo di massa si vive ancora seguendo i ritmi dettati dalla natura.

Gli otto stagni che formano l’area di Oshino Hakkai sono diventati il fiore all’occhiello di questa area, e se per tanti anni sono stati venerati dai locali e da coloro che si cimentavano nella scalata del Monte Fuji, oggi sono perlopiù un’attrattiva turistica.

Gli stagni sono alimentati dalla neve che si scioglie dal Monte Fuji e che filtra attraverso strati porosi di lava, con il risultato di un’acqua limpidissima ed estremamente pulita, tanto che nei pressi di uno degli otto stagni è possibile persino bere direttamente dalla sorgente.

Nell’antichità coloro che si avventuravano sul Monte Fuji usavano farsi il bagno in uno degli otto stagni come rituale di purificazione prima di avventurarsi nell’impresa, e sebbene oggi questa pratica sia meno diffusa e l’atmosfera sia diventata piuttosto turistica, è comunque piacevole visitare questo luogo per circondarsi di meravigliosi paesaggi naturali, splendidi in ogni stagione. In primavera i fiori di ciliegio sbocciano quando ancora la neve non si è completamente sciolta, offrendo un connubio di colori davvero romantico, mentre in autunno le sfumature dorate e rosse della vegetazione si riflettono nelle acque degli stagni creando uno scenario magnifico che lascia poi spazio a quello incredibilmente suggestivo dell’inverno, quando la neve ricopre i tetti in paglia delle case e sembra di essere stati catapultati sul set di un film.

Gli stagni di Ohino Hakkai

Gli otto stagni hanno ciascuno delle proprie caratteristiche da cui derivano i loro nomi.  Ad esempio, lo stagno Deguchi-ike, il più grande degli otto stagni, si trova in posizione un po’ defilata rispetto al villaggio, sostanzialmente “all’uscita” dell’area: “deguchi” significa proprio “uscita”.

Lo stagno Shobu-ike prende il nome dalla distesa di iris che abbraccia le sponde, mente lo stagno Kagami-ike è particolarmente popolare perché nelle belle giornate sulla sua superficie si riflette il profilo del Monte Fuji: “kigami” in giapponese significa, appunto, “specchio”. Le bolle che emergono sulla superficie di Okama-ike, invece, evocano l’immagine dell’acqua che bolle in una pentola e da qui deriva il nome “okama”, che tradotto è proprio “pentola”.  Presso lo stagno Waku, uno dei più popolari, è presente la sorgente da cui poter bere l’acqua. Durante la passeggiata tra gli stagni, soffermatevi dunque a coglierne le caratteristiche e le differenze, le sfumature di colori che variano dal blu turchese ad un azzurro quasi cristallino, e l’incredibile ricchezza di vita acquatica: grandi pesci popolano le acque, nuotando tra le piante che affiorano in superficie. Nelle giornate libere da foschia e nuvole riuscirete a scorgere in lontananza anche la cima del Monte Fuji.

Negozi e musei

Nel piccolo villaggio di Oshino e attorno agli stagni si trovano vari ristoranti, negozietti di souvenir e bancarelle che vendono frutta e verdura fresche, dolcetti, oggetti artigianali e altri prodotti tipici locali, ideali per un po’ di ristoro e per acquistare qualche regalo speciale.

Nei pressi dello stagno più grande di Oshino si trova un piccolo museo chiamato Hannoki Bayashi Shiryokan, ospitato all’interno di una tradizionale e storica dimora dal tetto in paglia. All’interno potrete ammirare i vari ambienti della casa e una collezione che racconta il passato di questa area e lo stile di vita degli abitanti, con  attrezzi per l’agricoltura, oggetti di uso quotidano, armi e armature di samurai.

Come arrivare

Ci sono numerose linee di autobus che conducono a Oshino Hakkai perciò non avrete difficoltà a raggiungere questa zona. Le linee che collegano la stazione Kawaguchiko alla stazione Gotemba, ad esempio, fanno tappa a Oshino Hakkai, così come gli autobus dalla stazione Fujisan diretti a Uchino e Hirano. In aggiunta potete anche optare per i bus turistici Fujikko e  Mount Fuji World Heritage Loop Bus che fermano anche a Oshino Hakkai.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!