Come muoversi a Bali

Bali è un’isola abbastanza grande ma essendo da tanti anni aperta al turismo, spostarsi qui non è un problema: l’isola offre infatti numerose opzioni che si adattano a tutte le necessità con mezzi pubblici, punti di noleggio di scooter e auto e tour guidati a cui prendere parte se non ci si vuole preoccupare troppo del trasporto.

Eccovi dunque tutte le soluzioni per muoversi a Bali.

Dall’aeroporto di Bali all’hotel

Raggiungere il proprio hotel è il primo pensiero una volta arrivati all’aeroporto internazionale di Ngurah Rai. I servizi di transfer in navette aeroportuali sono in questo caso la soluzione migliore per evitare di mettersi alla ricerca di taxi e autobus ed è possibile effettuare la prenotazione prima dell’arrivo per affrontare il viaggio con la massima tranquillità.

Alcuni hotel organizzano trasporti gratuiti dall’aeroporto, perciò è bene prima di tutto informarsi con la propria struttura. Per quanto riguarda il taxi, si paga una tariffa fissa dall’aeroporto: basta recarsi alla biglietteria apposita nell’area arrivi e prepagare la propria corsa.

È presente inoltre una linea di autobus dotata di aria condizionata chiamata Trans Sarbagita che segue il percorso Term. Batu Bulan (Gianyar) – Tohpati (DPS) – Sanur (DPS) – Kuta Central Park (Badung) – Jimbaran (Badung) – Nusa Dua (Badung) per poi fare tappa vicino all’aeroporto.

In autobus

La compagnia di autobus Perama serve in maniera capillare Bali offrendo prezzi economici: è la soluzione migliore se avete un budget limitato. È anche il modo più affidabile, con orari regolari e autobus comodi. Potete prenotare il tuo biglietto online e pagarlo presso l’ufficio autobus Perama locale, che si trova generalmente accanto al luogo in cui partirà l’autobus.

Ci sono altri autobus di linea che servono le destinazioni più popolari di Bali, tra cui ad esempio l’autobus Kura Kura, e anche in questo caso il servizio è economico e affidabile.

Taxi, Uber e Grab

I taxi a Bali sono facili da trovare, in particolare per quanto riguarda le maggiori località turistiche come Denpasar, Kuta, Sanur, Ubud e Nusa Dua. I taxi si possono fermare in giro per le strade delle cittadine e sono facili da avvistare in quanto di tanto in tanto emettono un segnale acustico per richiamare l’attenzione potenziali clienti. Esistono diverse compagnie di taxi affidabili, ma non sono sempre facili da identificare: cercate sempre di fare affidamento ai taxi che utilizzano il tassametro o, in caso contrario, concordate il prezzo prima di salire. C’è anche la possibilità di noleggiare un’auto privata con autista, ma in questo caso non ci sono tariffe fisse quindi è importante negoziare e accordarsi sul prezzo. Nelle principali aree urbane la concorrenza tra le compagnie fa sì che i prezzi siano competitivi, ma lontano dalle città probabilmente le tariffe saranno più alte. Fate attenzione ai truffatori che anche a Bali non mancano di approfittarsi di ingenui turisti: una delle truffe più diffuse consiste nell’affermare che il tassametro è rotto e quindi viene fatto un prezzo forfettario gonfiato. Chiedete sempre un costo approssimativo prima di salire in modo che non ci siano sorprese. I Blue Bird Taxis sono la compagnia più rinomata e sono riconoscibili dalle loro auto blu chiaro.

Bali offre anche servizi di trasporto come Grab e Uber che costano generalmente meno di un taxi, con il vantaggio che l’importo viene addebitato direttamente sulla carta di credito, quindi non avrete problemi per quanto riguarda la contrattazione del prezzo, sebbene alcuni tassisti scorretti potrebbero richiedervi di pagare un extra, ma naturalmente rifiutate.

In caso di escursioni giornaliere, ad esempio se volete visitare un tempo un po’ distante è spesso più economico e più conveniente pagare il taxi per attendervi e accompagnarvi al ritorno piuttosto che trovarne un altro al termine della visita.

In bemos

I bemos sono dei minivan che fungono da servizio di autobus flessibile chiamato anche navetta-bus. Rappresentano la forma di trasporto “tradizionale” di Bali e sono economici e presenti un po’ dappertutto, in particolare nelle località turistiche, sebbene tenete presente che spesso tendono ad applicare tariffe maggiorate ai turisti. Inoltre i bemos partono solo quando sono pieni, quindi questo implica a volte dover attendere un po’ prima di poter partire. Denpasar è il centro di questa forma di trasporto mentre le località di Gilimanuk, Singaraja, Amlapura e Gianyar ospitano i principali terminal regionali, quindi da qui potete spostarvi verso le varie zone di Bali.

In auto o in scooter

Noleggiare un’auto o uno scooter è il modo più comodo e pratico per spostarsi a Bali. Guidare in maniera autonoma non solo vi consente di esplorare l’isola seguendo i vostri ritmi, ma anche di risparmiare rispetto ad un taxi. Per poter guidare è necessario avere una patente di guida internazionale, fondamentale per potersi avvalere della copertura assicurativa e non incorrere in multe.

I noleggi di auto e moto sono disponibili in numerose località, ma prima di decidere per il noleggio valutate alcune cose, ad esempio il fatto che a Bali si guida sul lato sinistro, l’eccessivo traffico in alta stagione e le pessime abitudini di guida dei locali può spaventare un po’ chi non ha mai guidato in questo luogo. Se non siete pienamente convinti, prendete in considerazione l’ipotesi di noleggiare un’auto con conducente per rilassarvi. Si trovano auto a diversi prezzi in generale affittare un veicolo standard senza troppi accessori può costare 200.000-250.000 rupie al giorno (circa 13-16euro). Molto più economico è noleggiare uno scooter che vi può costare dalle 40.000 alle 100.000 rupie al giorno (3-7euro); se optate per questa soluzione ricordatevi che viaggiare sullo scooter senza casco, oltre che essere pericolo, è vietato in tutta l’Indonesia perciò assicuratevi che vi venga fornito e di indossarlo per evitare multe. Nelle aree al di fuori delle località turistiche del sud di Bali, girare in moto o scooter è un modo meraviglioso per vedere l’isola, ma nel sud di Bali, con la sua confusione e il traffico, le possibilità di essere coinvolti in un incidente aumentano notevolmente.

Noleggio di auto con conducente

I servizi di noleggio auto con conducente sono facili da trovare a Bali e questa è l’opzione migliore per i visitatori alle prime armi e per coloro che non se la sentono di guidare. È un’opzione sicuramente più economica dei taxi e molto più efficiente dei mezzi pubblici. I conducenti parlano generalmente in lingua inglese e possono anche fungere da guide turistiche informali in grado di offrire consigli su buone destinazioni e ristoranti. Potete chiedere allo staff dell’hotel in cui alloggiate consigli su una buona agenzia di auto a noleggio con un autista esperto nella località in cui vi trovate. Il prezzo generalmente varia tra 300.000 e 600.000 rupie al giorno (19-38euro) a seconda del tipo di auto noleggiata. Assicuratevi che il prezzo includa benzina e autista per la giornata.

In bicicletta

Viaggiare in bicicletta è del tutto possibile e offre un’esperienza molto diversa rispetto ad altri mezzi di trasporto, permettendo di esplorare le aree attorno alle città a ritmo lento. Ci sono vari punti di noleggio in tutte le cittadineBali è un’isola abbastanza grande ma essendo da tanti anni aperta al turismo, spostarsi qui non è un problema: l’isola offre infatti numerose opzioni che si adattano a tutte le necessità con mezzi pubblici, punti di noleggio di scooter e auto e tour guidati a cui prendere parte se non ci si vuole preoccupare troppo del trasporto.

Eccovi dunque tutte le soluzioni per muoversi a Bali.

Dall’aeroporto di Bali all’hotel

Raggiungere il proprio hotel è il primo pensiero una volta arrivati all’aeroporto internazionale di Ngurah Rai. I servizi di transfer in navette aeroportuali sono in questo caso la soluzione migliore per evitare di mettersi alla ricerca di taxi e autobus ed è possibile effettuare la prenotazione prima dell’arrivo per affrontare il viaggio con la massima tranquillità.

Alcuni hotel organizzano trasporti gratuiti dall’aeroporto, perciò è bene prima di tutto informarsi con la propria struttura. Per quanto riguarda il taxi, si paga una tariffa fissa dall’aeroporto: basta recarsi alla biglietteria apposita nell’area arrivi e prepagare la propria corsa.

È presente inoltre una linea di autobus dotata di aria condizionata chiamata Trans Sarbagita che segue il percorso Term. Batu Bulan (Gianyar) – Tohpati (DPS) – Sanur (DPS) – Kuta Central Park (Badung) – Jimbaran (Badung) – Nusa Dua (Badung) per poi fare tappa vicino all’aeroporto.

In autobus

La compagnia di autobus Perama serve in maniera capillare Bali offrendo prezzi economici: è la soluzione migliore se avete un budget limitato. È anche il modo più affidabile, con orari regolari e autobus comodi. Potete prenotare il tuo biglietto online e pagarlo presso l’ufficio autobus Perama locale, che si trova generalmente accanto al luogo in cui partirà l’autobus.

Ci sono altri autobus di linea che servono le destinazioni più popolari di Bali, tra cui ad esempio l’autobus Kura Kura, e anche in questo caso il servizio è economico e affidabile.

Taxi, Uber e Grab

I taxi a Bali sono facili da trovare, in particolare per quanto riguarda le maggiori località turistiche come Denpasar, Kuta, Sanur, Ubud e Nusa Dua. I taxi si possono fermare in giro per le strade delle cittadine e sono facili da avvistare in quanto di tanto in tanto emettono un segnale acustico per richiamare l’attenzione potenziali clienti. Esistono diverse compagnie di taxi affidabili, ma non sono sempre facili da identificare: cercate sempre di fare affidamento ai taxi che utilizzano il tassametro o, in caso contrario, concordate il prezzo prima di salire. C’è anche la possibilità di noleggiare un’auto privata con autista, ma in questo caso non ci sono tariffe fisse quindi è importante negoziare e accordarsi sul prezzo. Nelle principali aree urbane la concorrenza tra le compagnie fa sì che i prezzi siano competitivi, ma lontano dalle città probabilmente le tariffe saranno più alte. Fate attenzione ai truffatori che anche a Bali non mancano di approfittarsi di ingenui turisti: una delle truffe più diffuse consiste nell’affermare che il tassametro è rotto e quindi viene fatto un prezzo forfettario gonfiato. Chiedete sempre un costo approssimativo prima di salire in modo che non ci siano sorprese. I Blue Bird Taxis sono la compagnia più rinomata e sono riconoscibili dalle loro auto blu chiaro.

Bali offre anche servizi di trasporto come Grab e Uber che costano generalmente meno di un taxi, con il vantaggio che l’importo viene addebitato direttamente sulla carta di credito, quindi non avrete problemi per quanto riguarda la contrattazione del prezzo, sebbene alcuni tassisti scorretti potrebbero richiedervi di pagare un extra, ma naturalmente rifiutate.

In caso di escursioni giornaliere, ad esempio se volete visitare un tempo un po’ distante è spesso più economico e più conveniente pagare il taxi per attendervi e accompagnarvi al ritorno piuttosto che trovarne un altro al termine della visita.

In bemos

I bemos sono dei minivan che fungono da servizio di autobus flessibile chiamato anche navetta-bus. Rappresentano la forma di trasporto “tradizionale” di Bali e sono economici e presenti un po’ dappertutto, in particolare nelle località turistiche, sebbene tenete presente che spesso tendono ad applicare tariffe maggiorate ai turisti. Inoltre i bemos partono solo quando sono pieni, quindi questo implica a volte dover attendere un po’ prima di poter partire. Denpasar è il centro di questa forma di trasporto mentre le località di Gilimanuk, Singaraja, Amlapura e Gianyar ospitano i principali terminal regionali, quindi da qui potete spostarvi verso le varie zone di Bali.

In auto o in scooter

Noleggiare un’auto o uno scooter è il modo più comodo e pratico per spostarsi a Bali. Guidare in maniera autonoma non solo vi consente di esplorare l’isola seguendo i vostri ritmi, ma anche di risparmiare rispetto ad un taxi. Per poter guidare è necessario avere una patente di guida internazionale, fondamentale per potersi avvalere della copertura assicurativa e non incorrere in multe.

I noleggi di auto e moto sono disponibili in numerose località, ma prima di decidere per il noleggio valutate alcune cose, ad esempio il fatto che a Bali si guida sul lato sinistro, l’eccessivo traffico in alta stagione e le pessime abitudini di guida dei locali può spaventare un po’ chi non ha mai guidato in questo luogo. Se non siete pienamente convinti, prendete in considerazione l’ipotesi di noleggiare un’auto con conducente per rilassarvi. Si trovano auto a diversi prezzi in generale affittare un veicolo standard senza troppi accessori può costare 200.000-250.000 rupie al giorno (circa 13-16euro). Molto più economico è noleggiare uno scooter che vi può costare dalle 40.000 alle 100.000 rupie al giorno (3-7euro); se optate per questa soluzione ricordatevi che viaggiare sullo scooter senza casco, oltre che essere pericolo, è vietato in tutta l’Indonesia perciò assicuratevi che vi venga fornito e di indossarlo per evitare multe. Nelle aree al di fuori delle località turistiche del sud di Bali, girare in moto o scooter è un modo meraviglioso per vedere l’isola, ma nel sud di Bali, con la sua confusione e il traffico, le possibilità di essere coinvolti in un incidente aumentano notevolmente.

Noleggio di auto con conducente

I servizi di noleggio auto con conducente sono facili da trovare a Bali e questa è l’opzione migliore per i visitatori alle prime armi e per coloro che non se la sentono di guidare. È un’opzione sicuramente più economica dei taxi e molto più efficiente dei mezzi pubblici. I conducenti parlano generalmente in lingua inglese e possono anche fungere da guide turistiche informali in grado di offrire consigli su buone destinazioni e ristoranti. Potete chiedere allo staff dell’hotel in cui alloggiate consigli su una buona agenzia di auto a noleggio con un autista esperto nella località in cui vi trovate. Il prezzo generalmente varia tra 300.000 e 600.000 rupie al giorno (19-38euro) a seconda del tipo di auto noleggiata. Assicuratevi che il prezzo includa benzina e autista per la giornata.

In bicicletta

Viaggiare in bicicletta è del tutto possibile e offre un’esperienza molto diversa rispetto ad altri mezzi di trasporto, permettendo di esplorare le aree attorno alle città a ritmo lento. Ci sono vari punti di noleggio in tutte le cittadine e spesso anche le stesse strutture ricettive le forniscono gratuitamente agli ospiti.

In traghetto

I traghetti collegano Bali a varie isole nelle vicinanze e offrono un’ottima alternativa per esplorare altri luoghi o per arrivare a Bali. Ketapang, sull’isola di Giava, è collegata a Gilimanuk, nella parte occidentale di Bali, con traghetti disponibili tutti i giorni e partenze ogni 15 minuti; i prezzi sono molto economici e la traversata dura solo 30 minuti.

Numerosi motoscafi, catamarani e crociere giornaliere operano nel porto di Benoa, vicino a Kuta e Padangbai, con collegamenti per Nusa Lembongan e le Isole Gili, a Lombok. Si tratta di un mezzo conveniente e sicuramente piacevole, ma spesso il prezzo è più alto rispetto al volo interno: da Bali alle Isole Gili il costo è di 419.000rupie (26euro) solo andata in motoscafo.ont-weight: 400;”> e spesso anche le stesse strutture ricettive le forniscono gratuitamente agli ospiti.

In traghetto

I traghetti collegano Bali a varie isole nelle vicinanze e offrono un’ottima alternativa per esplorare altri luoghi o per arrivare a Bali. Ketapang, sull’isola di Giava, è collegata a Gilimanuk, nella parte occidentale di Bali, con traghetti disponibili tutti i giorni e partenze ogni 15 minuti; i prezzi sono molto economici e la traversata dura solo 30 minuti.

Numerosi motoscafi, catamarani e crociere giornaliere operano nel porto di Benoa, vicino a Kuta e Padangbai, con collegamenti per Nusa Lembongan e le Isole Gili, a Lombok. Si tratta di un mezzo conveniente e sicuramente piacevole, ma spesso il prezzo è più alto rispetto al volo interno: da Bali alle Isole Gili il costo è di 419.000rupie (26euro) solo andata in motoscafo.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).