Cosa vedere a Bali

Bali è una delle isole turistiche più suggestive e popolari dell’intero arcipelago indonesiano e la sua ricchezza di bellezze naturali la rende perfetta per ogni viaggiatore: i surfisti si ritrovano qui per cavalcare onde leggendarie, gli escursionisti possono raggiungere vette vulcaniche e cascate e passeggiare attraverso paesaggi lussureggianti punteggiati da terrazzamenti di riso e villaggi tradizionali. Se il relax è la vostra priorità, lo shopping, le scuole di yoga e i trattamenti spa sono ottimi e convenienti. La spiritualità aggiunge un ulteriore livello al fascino di Bali e vedere i magnifici templi e le sacre cerimonie indù è tra le migliori esperienze da fare. Come avrete intuito Bali offre tante cose da vedere e da fare e in questo articolo vi elenco le principali attrazioni.

Pura Tanah Lot (Tempio Tanah Lot)

A circa 20 chilometri a nord-ovest di Kuta, Pura Tanah Lot (“Pura” significa tempio in balinese) è uno dei templi più famosi di Bali grazie alla sua spettacolare posizione: sorge su un piccolo isolotto roccioso circondato dal mare aperto. Ogni sera folle di turisti provenienti da Kuta, Legian e Sanur si fanno strada attraverso il percorso che lo collega alla terraferma per guardare il sole che tramonta dietro il tempio. Pura Tanah Lot fu costruito all’inizio del XVI secolo e si pensa che sia stato ispirato dal sacerdote Nirartha, che chiese ai pescatori locali di costruire un tempio qui, dopo aver trascorso la notte sull’affioramento roccioso.

La seconda parte del complesso si trova sulla terraferma ed è composto da santuari più piccoli e strutture come bancarelle e negozi, un parco culturale dove si svolgono regolarmente spettacoli di danza e ristoranti dove si può godere una cena al tramonto con vista sul tempio.

Monte Batur

Ogni giorno centinaia di visitatori si cimentano nel percorso di trekking verso la vetta del monte Batur a 1.700 metri per osservare il sole sorgere sopra il lussureggiante mosaico di montagne avvolte dalla nebbia. Questo sacro vulcano attivo si trova nel distretto di Kintamani, negli altopiani centrali di Bali, a circa un’ora di auto da Ubud, e l’escursione verso la cima per osservare l’alba è tra le cose migliori da fare a Bali. Il percorso di trekking è relativamente facile e di solito dura circa due o tre ore; è possibile percorrerlo in autonomia o prendere parte ad escursioni guidate.

Pura Luhur Uluwatu (Tempio Uluwatu)

Il Tempio di Uluwatu sovrasta le scogliere a picco sul mare sopra uno dei migliori luoghi per il surf di Bali ed è uno dei templi più famosi dell’isola, grazie anche alla sua magnifica vista sul mare. In balinese, “Ulu” significa “punta” o “fine della terra” e “Watu” significa roccia, un nome appropriato per la posizione del tempio sulla penisola di Bukit lungo la punta sud-occidentale dell’isola. Come nel caso del tempio Pura Tanah Lot, il tramonto è il momento migliore per una visita.

Il tempio, risalente al X secolo circa, viene considerato il protettore di Bali: si ritiene che protegga l’isola da malvagi spiriti marini, così come si pensa che le scimmie che abitano nella foresta vicino al suo ingresso proteggano questo luogo sacro da cattive influenze. Un percorso panoramico serpeggia dall’ingresso al tempio con punti panoramici mozzafiato lungo la strada. Solo i fedeli indù sono autorizzati ad entrare nel tempio, ma la splendida cornice merita sicuramente una visita.

Foresta delle scimmie di Ubud

A soli 10 minuti a piedi dal centro della città di Ubud, la Foresta delle Scimmie, conosciuta anche come Santuario della Foresta delle Scimmie Sacre, è una delle principali attrazioni turistiche di Bali e un must per gli amanti di animali e fotografi. Oltre alle giocose famiglie di macachi che gironzolano liberamente, gran parte del fascino è la suggestiva cornice della giungla: sentieri conducono attraverso fitte foreste di giganteschi alberi, dove statue ricoperte di muschio e antichi templi si profilano attraverso il folto fogliame, conferendo al luogo un’atmosfera quasi mistica.

Ubud e l’Ubud Art Market

Reso famosa dal libro e film hollywoodiano “Mangia, Prega, Ama” Ubud è anche l’epicentro dell’arte e della cultura balinese. Sede di una delle famiglie reali di Bali, qui è nato il moderno movimento artistico balinese, con i palazzi reali e antichi templi circostanti che arricchiscono il patrimonio storico e culturale della città. Oggi, diversi eccellenti musei e gallerie locali celebrano l’evoluzione e le tradizioni della città all’interno di edifici tradizionali balinesi circondati da sereni giardini tropicali.

Se amate lo shopping artistico, non perdete il mercato dell’arte di Ubud: questo labirinto di bancarelle traboccanti di sculture, gioielli, parei, dipinti e oggetti decorativi per la casa è una delle principali attrazioni turistiche della città. Un breve viaggio fuori Ubud vi permetterà di raggiungere la cascata di Tegenungan, la foresta delle scimmie di Ubud e i fotogenici terrazzamenti del riso di Tegallalang.

Bali Safari & Marine Park

Avventura in Jeep nella natura.
Avventura in Jeep nella natura.
Il Bali Safari & Marine Park è il più grande parco tematico e zoo di Bali, in cui sono ospitate oltre 60 specie di animali in sezioni che riproducono fedelmente i vari habitat naturali. I safari in autobus portano i visitatori in giro tra i vari “paesaggi del mondo”, mentre una sezione è dedicata agli animali acquatici, con acquari popolati di pesci esotici come i piranha. Parte del complesso è anche un parco dei divertimenti con una grande varietà di giostre, un teatro e sezioni con piscine e giochi d’acqua per tutte le età.

Terrazzamenti di riso di Tegallalang o Jatiluwih

Se volete ammirare le splendide risaie color smeraldo di Bali, i terrazzamenti di riso di Tegallalang o Jatiluwih sono assolutamente da non perdere. A circa 30 minuti di auto a nord di Ubud, i terrazzamenti di riso di Tegallalang sono una delle aree più famose per fotografare questi paesaggi meravigliosi e lasciarsi avvolgere dalla loro bellezza senza tempo. Ci sono sentieri che attraversano le risaie e numerosi ristoranti e caffè che si affacciano sui campi.

A circa 90 minuti di auto da Ubud, i terrazzamenti di riso di Jatiluwih si estendono su un’ampia superficie di più di 600 ettari lungo le colline della catena montuosa Batukaru e tendono ad essere meno affollati di Tegallalang. Ciò significa che è più facile passeggiare ed esplorare l’area in un’atmosfera tranquilla.

Spiagge

Bali vanta numerose spiagge perfette per ogni esigenza. Kuta Beach è la spiaggia più famosa di Bali e, insieme alle vicine spiagge di Legian e Seminyak a nord, è perfetta per una giornata di divertimento e relax. È possibile prenotare lezioni di surf o semplicemente noleggiare tavole da surf, lettini e ombrelloni direttamente dai chioschi presenti in spiaggia. Numerosi bar e ristoranti si affacciano sulla distesa di sabbia offrendo la giusta occasione per fermarsi a mangiare qualcosa. Le spiagge di Nusa Dua e Sanur regalano atmosfere più tranquille così come le calette “nascoste” di Uluwatu, Padang Padang, Dreamland e Bingin.

Cascate Sekumpul

Le cascate di Sekumpul a Bali.
Le cascate di Sekumpul a Bali.
Nella regione di Singaraja, nel nord di Bali, Sekumpul è una serie di sette cascate considerate le più belle di Bali. La maggior parte degli escursionisti assume una guida locale per affrontare il percorso di trekking della durata di tre-quattro ore (compreso il ritorno) che conduce alle cascate passando tra terrazzamenti di riso, villaggi e una fitta foresta tropicale. Può essere un po’ faticoso in alcuni tratti, in quanto è necessario salire i gradini scivolosi e attraversare un fiume, ma una volta arrivati, potete rinfrescarvi con una nuotata alla base delle cascate. È l’ideale per gli amanti della natura che vogliono un assaggio della Bali selvaggia, lontano dalle località turistiche.

Tirta Gangga

I giardini acquatici di Tirta Gangga offrono un incantevole e fresco rifugio tra gli altopiani ad est di Bali. Si trova sul versante sud-orientale della montagna più alta dell’isola, il Monte Agung e fu voluto dalla famiglia reale Karangasem. I sontuosi giardini si sviluppano tra piscine, stagni e fontane circondati da prati curatissimi arricchiti da piante tropicali e sculture ornamentali.

Gili Islands

Le isole Gili sono un gruppo di tre piccole isole (Gili Trawangan, Gili Meno e Gili Air) situate a nord ovest di Bali. Sono molto popolari tra i subacquei poiché le acque che le circondano vantano una ricca biodiversità marina tropicale e offrono una buona visibilità tutto l’anno: per questo motivo sono presenti scuole e centri di immersione su tutte e tre. Ci sono inoltre ottime spiagge tranquille, punti di ristoro e vivaci bar dove fermarsi a sorseggiare una bevanda fresca.

Tempio Besakih

Il tempio Besakih è considerato il “tempio madre” di Bali e si trova sul versante sud-occidentale del Monte Agung, la vetta più alta dell’isola. Besakih è il più grande di tutti i templi di Bali e comprende 18 santuari separati che circondano un complesso centrale composto da tre sale principali dedicate alla trinità indù, ovvero Shiva, Brahma e Vishnu. In questo luogo sacro si tengono almeno 70 cerimonie e celebrazioni religiose ogni anno, ma per il resto del tempo il complesso è molto tranquillo, in particolare al mattina presto e alla sera.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).