Quanti giorni in Vietnam

Per via dell’alto costo della tratta aerea e della durata del volo per chi parte da Europa e America, gran parte dei viaggiatori si concedono vacanze abbastanza lunghe in Vietnam: il modo migliore per immergersi negli splendidi paesaggi di questo paese e sfruttare tempo e denaro spesi nel viaggio. Una volta arrivati a destinazione, la vacanza si rivela poi molto economica: nel paese i prezzi di alloggi, cibo e spostamenti sono molto bassi e convenienti rispetto agli standard europei e occidentali in generale, quindi questo è un altro motivo che spinge tante persone a fermarsi più a lungo.

Non sono rare vacanze di un mese o di più settimane in Vietnam, ma quanti giorni servono per visitare questo paese? In realtà non esiste una risposta unica in quanto il tempo necessario per vedere il Vietnam può variare molto da una persona all’altra a seconda di ciò che si vuole fare e vedere: per alcuni viaggiatori è sufficiente visitare solo le località principali, mentre altri vorranno prendersi del tempo per esplorare i luoghi più remoti, rilassarsi in spiaggia e allontanarsi dai classici circuiti turistici. Nel considerare quanti giorni vi serviranno per la vacanza è importante inoltre pensare al tempo richiesto dagli spostamenti e al mezzo di trasporto che utilizzerete, se autobus o treno. In generale comunque vi consiglio di avere almeno 10 giorni per poter avere una visione generale del paese e riuscire a visitare alcune delle principali località, ma sarebbe bene disporre di un periodo tra 2-3 settimane per vivere al meglio la propria vacanza in Vietnam.

Dieci giorni in Vietnam

Dieci giorni in Vietnam sono a mio avviso un tempo minimo indispensabile per visitare il paese, pur non essendo abbastanza per vedere tutto, ma potrete comunque riuscire a dedicare qualche giornata all’esplorazione di Hanoi, la capitale del Vietnam, che a dispetto del suo traffico e della frenesia, presenta quartieri e siti storici interessanti, nonché ottimi posticini per mangiare e fare shopping. Data la vicinanza potete poi visitare Sapa, una località famosa per i suoi terrazzamenti di coltivazioni di riso che danno al paesaggio un colore verde smeraldo; si trova poco a nord dalla capitale ed è ottima per una gita fuori città. Potete poi aggiungere al programma di visita alcuni giorni in una delle località più famose, a seconda dei vostri interessi: la baia di Halong è perfetta se amate i paesaggi marini, la città di Hue è l’antica capitale ed è ricca di edifici storici, la città di Hoi An è ideale per le famiglie, mentre la vivace Ho Chi Minh City, famosa per lo street food e la vita notturna, e il Delta del Mekong, spesso abbinati insieme, sono un’altra opzione molto scelta dai turisti.

Due settimane in Vietnam

Se avete due settimane potreste anche pensare di fare un itinerario più completo che attraversi il paese da nord a sud, avendo tempo a sufficienza anche per rilassarsi e anche fare qualche deviazione in luoghi meno turistici per chi lo desidera.

Di solito l’itinerario classico di due settimane prevede le stesse tappe che vi ho citato in precedenza, tenendo conto che ogni località richiede almeno un paio di giornate.

Tre o quattro settimane in Vietnam

Un itinerario di tre settimane o un mese in Vietnam vi permette di esplorare il paese da nord a sud, comprendendo i luoghi di maggiore interesse nonché alcune tappe meno conosciute che offrono uno sguardo sullo stile di vita rurale e delle piccole cittadine.

Se avete tutto questo tempo a disposizione vi consiglio di sfruttarlo al massimo, poiché non andrete a incidere troppo sul budget e avrete modo di apprezzare i paesaggi del Vietnam a ritmo lento.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).