Jonker Street

Nel cuore di Malacca, Jonker Street, conosciuta anche come Jonker Walk, è la via centrale di Chinatown. Lunga circa 500 metri, è fiancheggiata da vecchie case risalenti al 1600 che sin dal passato hanno ospitato famiglie e botteghe cinesi. Un tempo la strada era rinomata per i suoi negozi di antiquariato e anche se sulla strada ci sono ancora delle botteghe artigianali e di antiquariato, negli ultimi decenni Jonker Street ha subito una certa trasformazione. Oggi Jonker Street conta diversi a negozi di abbigliamento vintage e souvenir, nonché locali e ristoranti che animano le notti di Chinatown. La parte migliore di Jonker Street è il mercato notturno che si svolge il venerdì e il sabato sera.

L’evoluzione di Jonker Street

La storia di Jonker Street risale alla fine del periodo olandese di Malacca, quando i ricchi commercianti cinesi cominciarono a vivere e commerciare in questa strada, conferendole un tono etnico e culturale molto distintivo. Sin dagli albori la strada è divenuta popolare tra gli appassionati collezionisti di antichità per via dei molti negozi che abbondavano di tesori risalenti al Medioevo e a diversi periodi del dominio coloniale in Malesia. Questo ha dato al viale il soprannome di “Antique Street”, ovvero “strada delle antichità”.

Se avete abbastanza tempo per passeggiare e fare shopping potete facilmente scovare unici e preziosi mobili antichi, porcellane cinesi, oggetti in ottone, letti in ghisa, lampade, monete e banconote, nonché diverse statue religiose.

Lungo la strada o nelle vicinanze si concentrano anche diverse attrazioni che testimoniano la colorata storia della Malesia e della sua società multiculturale.

Cosa fare e cosa vedere lungo Jonker Street

Trascorrere la serata al mercato notturno

Uno dei più famosi mercati del paese, il Jonker Walk Night Market si svolge ogni venerdì e sabato sera. Troverete una vasta gamma di bancarelle che vendono di tutto, spettacoli di musica dal vivo, stand gastronomici e un’atmosfera frizzante. In questa occasione i bar e ristoranti lungo il viale ne approfittano per allestire tavolini all’aperto sui marciapiedi offrendo così l’opportunità di sedersi a mangiare o a bere qualcosa.

Scoprire la storia nei musei

Nei viali che si diramano da Jonker Street si nascondono diversi musei interessanti che aiutano a conoscere meglio la storia degli immigrati cinesi a Malacca. Tra questi il più famoso è il Baba-Nyonya Heritage Museum, ospitato in tre case a schiera di fine 1800 ben restaurate in cui abitavano famiglie di ricchi commercianti cinesi.

Molto interessante è anche il Cheng Ho’s Cultural Museum che ospita mostre sulla vita dell’ammiraglio cinese della dinastia Ming, il quale nel 1400 accompagnò in Malesia la figlia dell’imperatore, la Principessa Hang Li Po, destinata a sposare il Sultano di Malacca. Da questa unione si originò la cultura Baba-Nyonya, che mescola tradizioni cinesi e malesi.

Templi e moschee

Essendo Jonker Street il centro della comunità cinese non sorprende che proprio qui si trovi il più antico tempio cinese tradizionale della Malesia, il Tempio Cheng Hoon Teng, che resta un luogo di culto centrale per la comunità buddista di Malacca. Il tempio merita una visita per i suoi dettagli decorativi, che includono diverse opere in legno intagliato visibili in particolare nella sala principale.

A testimonianza della storia multiculturale di Malacca e della Malesia, nelle vicinanze si possono visitare anche luoghi di culto di altre religioni, come il tempio Sri Poyyatha Vinayagar Moorthi, uno dei primi templi indù costruiti in Malesia. Si trova lungo il viale Jalan Tokong Emas, nelle immediate vicinanze della Moschea Kampung Kling e del Tempio di Cheng Hoon Teng.

Trascorrere la serata nei bar di Jonker Street

Per chi ama uscire alla sera, Jonker Street è la meta ideale: troverete tanti ottimi posticini con un ambiente eccezionale, buon cibo e talvolta esibizioni di musica dal vivo. Tra i locali più popolari della zona c’è l’Hard Rock Cafe Malacca, dallo stile simile a quello degli altri locali della catena, con l’immancabile negozio di merchandising e un menù di cucina tex-mex.

Se cercate un’atmosfera particolare allora il Geographer Cafe fa al caso vostro: ospitato in una storica bottega, questo locale è un’istituzione di Malacca. Offre buon cibo locale, drink e spettacoli di musica dal vivo in alcune serate.

Rilassarsi in biblioteca

Spesso passa inosservata allo sguardo dei turisti, tuttavia la Jonker Street Library è un’incantevole biblioteca decorata con mobili tradizionali cinesi e oggetti artigianali. Caratterizzata da ampi angoli lettura illuminati naturalmente, la biblioteca vanta un’impressionante collezione di volumi e scritture buddiste. Potrebbe essere il luogo perfetto per coloro che desiderano una pausa temporanea dalla folla e dai rumori di Jonker Street.

Fare incetta di snack e dolciumi

Lungo il viale Jonker Street, tra i vari negozi che vendono abbigliamento e artigianato, troverete anche un paio di famose botteghe di prodotti alimentari, snack e dolci locali che vi consiglio di visitare.

Il negozio “San Shu Gong Food Industries Sdn. Bhd” si trova proprio all’ingresso di Jonker Street e si sviluppa su quattro piani offrendo una grande varietà di prodotti alimentari, che vanno dai biscotti aromatizzati alle bevande salutari, dalle caratteristiche caramelle dodol ai dolcetti ripieni di crema di fagioli e molto altro ancora. L’altro negozio è “Lucy Wee Nyonya Pineapple Tarts House” popolare per le sue crostatine di ananas sfornate fresche ogni giorno.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).