Come comportarsi in Malesia

La Malesia è uno stato islamico ma ha anche una società estremamente multiculturale in cui le culture predominanti sono malese, indiana e cinese. Nonostante l’ovvia apertura alle culture di tutto il mondo e la modernità di Kuala Lumpur la società resta piuttosto conservatrice e conformista ed è importante conoscere qualche regola su come comportarsi durante un viaggio per evitare atteggiamenti che possono essere considerati offensivi.

Saluti

Il tradizionale saluto malese è “salam”, talvolta accompagnato dalla stretta di mano che è sempre più comune soprattutto nelle grandi metropoli come Kuala Lumpur dove molte abitudini occidentali stanno prendendo sempre più piede. Tuttavia non allungate mai la mano per una stretta di mano tradizionale se non prima offerta dalla controparte ed è sempre sconsigliato quando si incontra una persona di sesso opposto o una persona anziana a meno che, appunto, l’iniziativa non parta dall’interlocutore. In questo caso sarà sufficiente un sorriso e un cenno del capo.

L’abbigliamento

Sia per gli uomini che per le donne è sempre consigliabile vestirsi in maniera modesta, in particolare nelle zone rurali e sempre quando si entra in una moschea. Le donne dovrebbero indossare abiti larghi che coprano gambe, braccia e spalle. Le scarpe devono sempre essere tolte quando si entra in una moschea o in un qualsiasi altro luogo di culto e anche quando si entra nella casa di un ospite malese. Le regole per quanto riguarda l’abbigliamento sono più liberali nella maggior parte delle grandi città, in spiaggia e quando si svolgono attività sportive.

Nomi e titoli

Come regola generale, ci si rivolge alle persone in base al loro titolo e cognome in quanto l’uso del nome non è molto comune. Molti malesi, tuttavia, non hanno un vero e proprio cognome: spesso usano il nome del padre aggiungendolo al cognome con il termine “bin” che significa “figlio di”. Il termine che si applica alle donne è “binti”. Se non sapete il cognome potete utilizzare il nome insieme a un “Mr.” o “Mrs.”

In pubblico: gesti e linguaggio del corpo

Due cose da evitare in questa nazione musulmana moderatamente conservatrice sono le dimostrazioni pubbliche di affetto, come ad esempio abbracciarsi e baciarsi. In generale esprimere emozioni in pubblico non è ben visto, in particolare rabbia e collera. È sconsigliato bere alcolici al di fuori dei bar o dei club designati, anche se si tratta di aree turistiche frequentate da stranieri, ed è preferibile non mangiare per strada. 

Tra gli altri consigli che riguardano il linguaggio del corpo, è importante evitare di toccare la testa di qualcuno, che sia musulmano o meno, poiché la testa è considerata sacra nella cultura orientale. Musulmani e indiani evitano anche di usare la mano sinistra per il contatto umano o per mangiare e se siete a cena o ad un incontro di lavoro o personale con persone del posto cercate sempre di usare la mano destra per passare gli oggetti, il cibo, mangiare o toccare qualcuno.  Non date pacche sulle spalle.

Indicare con il dito indice è considerato maleducato in Malesia, quindi le indicazioni sono spesso date usando una mano aperta o con il pollice. È anche considerato maleducato sedersi di fronte a un ospite con le gambe incrociate (specialmente per le donne) e mostrare la parte inferiore dei piedi a chiunque.

Visitare luoghi di culto

È comune vedere vari templi cinesi e indiani convivere pacificamente accanto alle moschee in tutto il paese. Quando si visitano le moschee, gli uomini dovrebbero indossare pantaloni lunghi e una camicia o una maglia con maniche preferibilmente lunghe. Le donne dovranno anche indossare un lungo mantello e un copricapo, forniti dalla maggior parte delle moschee. Vi verrà inoltre richiesto di rimuovere le scarpe prima di entrare. A nessun non musulmano è permesso di entrare in una moschea durante il tempo di preghiera o di andare nella sala di preghiera in qualsiasi momento, anche se è possibile posizionarsi appena fuori dalla sala per osservarla all’interno. Anche nell’ingresso di templi indù e buddisti viene richiesto di togliersi le scarpe per entrare nelle sale di preghiera.

Incontri di lavoro

Se viaggiate in Malesia per affari e dovete prendere parte a riunioni e incontri di lavoro, portate con voi dei bigliettini da visita in quanto è una prassi scambiarli quando ci si presenta. Se vi viene dato un biglietto da visita, prendetelo con due mani e dedicate qualche momento a leggerlo prima di riporlo: è un segno di rispetto.

È altrettanto importante vestirsi in maniera professionale ed essere puntuali, sia per occasioni sociali che per incontri d’affari e avvertire nel caso si fosse in ritardo. Evitate di fissare appuntamenti il venerdì perché è il giorno più sacro per i malesi musulmani. Le decisioni vengono prese lentamente perciò è necessario avere pazienza e spesso si conversa a lungo prima di affrontare questioni lavorative. Negli incontri di lavoro non indossate abiti di colore giallo perché è un colore riservato ai reali.

I regali

I regali non vengono scambiati al primo incontro o ad un meeting di lavoro, ma nel caso ne riceveste uno è buona educazione ricambiare con un altro regalo o un invito a cena. È invece consigliato portare sempre un piccolo regalo quando si viene invitati a casa di qualcuno. Alcune ottime idee regalo possono essere frutta, dolci, profumi o artigianato, meglio ancora se si tratta di un prodotto del proprio paese; ricordate invece di non regalare mai soldi, liquori, coltelli, carne di maiale e immagini di cani. Dare o ricevere regali con entrambe le mani è segno di rispetto, ma in ogni caso non usate mai solo la mano sinistra. Non aprite un regalo in presenza del donatore in quanto non è buona educazione.

Ristoranti

Come già premesso, quando uscite a cena con persone del posto e dovete passate qualcosa, usate sempre la mano destra. Inoltre è sempre opportuno accertarsi dell’orientamento religioso della persona, evitando posti che servono alcolici e optando per un ristorante halal se l’ospite è musulmano o scegliendo un ristorante vegetariano se la persona con voi è indù.

La mancia non è necessariamente consuetudine in Malesia poiché la maggior parte degli stabilimenti include un costo di servizio, ma se ritenete di aver ricevuto un ottimo servizio, sarà sempre apprezzata dal cameriere.

Conclusione

Come sempre tenete presente che la maggior parte delle regole si riduce al buon senso, indipendentemente dal paese in cui vi trovate. Osservare la gente del posto e praticare un rispetto genuino per la cultura locale vi aiuterà a determinare ciò che può essere giusto o sbagliato.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).