Isole Perhentian

Se Langkawi è la destinazione tropicale più popolare per i turisti in Malesia, dall’altra parte della penisola ci sono le isole Perhentian, ancora poco conosciute al turismo di massa e per questo perfette per chi è in cerca di natura incontaminata e tranquillità.

Le Isole Perhentian in Malesia sono composte da due isole, Perhentian Kecil (Piccola Perhentian) e Perhentian Besar (Grande Perhentian). Entrambe sono estremamente popolari tra gli amanti dello snorkeling e delle immersioni, poiché le acque che le circondano ospitano un’ampia varietà di coralli, tartarughe marine, squali e pesci di barriera. Chi vista queste isole bellissime lo fa perlopiù per rilassarsi, godersi la spiaggia e i ritmi lenti.

Le due isole Perhentian

Una delle cose più piacevoli delle Isole Perhentian è che non ci sono strade, il che significa che non c’è nemmeno un grande sviluppo.

L’isola più grande, Perhentian Besar, è la più costosa delle due. È famosa per ospitare resort e ville di lusso frequentate da coppie in viaggio di nozze e visitatori facoltosi.

L’isola più piccola, Perhentian Kecil, è invece indicata per chi ha un budget un po’ più limitato e offre sistemazioni un po’ più modeste e rustiche che soddisfano le esigenze di viaggiatori zaino in spalla e famiglie locali.

Cosa fare e cosa vedere alle Isole Perhentian

Rilassarsi in spiaggia

Le isole Perhentian vantano alcune delle spiagge più belle della Malesia: prendete un libro, l’asciugamano e rilassatevi in spiaggia o noleggiate maschera e boccaglio per nuotare ed esplorare il fondale. Su Perhentian Kecil, Long Beach è la distesa di sabbia bianca più popolare, mentre Coral Bay ha un’atmosfera più rilassata. A nord, troverete Adam and Eve Beach, Turtle Beach e D’Lagoon a cui è possibile accedere tramite un sentiero roccioso in salita che parte da Long Beach. Romantic Beach è un altro luogo incantevole, appena a nord di Coral Bay, che richiede una camminata lungo la costa o un tragitto in barca.

Su Perhentian Besar, Teluk Dalam è la spiaggia preferita da chi cerca un po’ di tranquillità, mentre Love Beach è un po’ più attiva. Su quest’isola molte delle spiagge sono proprietà privata dei resort, ma alcune sono accessibili a tutti. Turtle Beach a nord dell’isola è un ottimo posto per vedere le tartarughe. Su molte spiagge potete noleggiare ombrelloni per proteggervi dal sole.

Immersioni

Le isole Perhentian offrono eccellenti punti di immersione grazie alle loro acque ricche di coralli e pesci, tartarughe marine e molte specie di squali. Sulle isole ci sono inoltre molte scuole che offrono corsi di immersione con certificazione PADI riconosciuti a livello internazionale. I tour e corsi di immersione qui sono tra i più economici al mondo, con una singola immersione dal costo di circa 75 ringgit (16euro circa) quindi è ottimo se siete aspiranti sub e non volete spendere tanto per provare questa esperienza.

Snorkelling

Se non volete fare immersioni, lo snorkeling è un altro modo fantastico di trascorrere la giornata esplorando le barriere coralline non lontane dalla costa. Tutti i resort noleggiano attrezzatura per lo snorkeling e organizzano tour di snorkeling intorno alle isole ma potete anche acquistare l’attrezzatura a prezzi economici dai negozietti locali. I luoghi più famosi per lo snorkeling a Besar includono Teluk Pauh, Shark Point e Tanjung Basi. Per vedere le tartarughe, il posto migliore è al largo della spiaggia di fronte al Perhentian Island Resort. Sull’isola Kecil si trovano buoni punti per lo snorkeling a D’Lagoon (estremità settentrionale della costa occidentale dell’isola), a Long Beach, dove avrete la possibilità di vedere molti pesci tropicali, e a Turtle Bay.

Esplorare le isole a bordo di un kayak

Per una giornata più movimentata che vi consenta di visitare gli angoli più belli delle isole, potete noleggiare un kayak. Le acque intorno alle isole offrono alcune eccellenti opportunità per fare kayak in mare, arrivando così a scoprire luoghi non facilmente raggiungibili a piedi. Ammirare le isole dal mare è una meraviglia, potrete osservare le foreste da lontano, fermandovi nelle calette nascoste per fare snorkeling ogni qual volta lo desideriate. In particolare Perhentian Kecil è molto gettonata per questo tipo di esperienza perché è possibile fare il giro completo dell’isola in 3-5 ore. Molti resort noleggiano l’attrezzatura oppure potete prenotare un tour guidato: mettete in conto di pagare 30-70 ringgit (6-15euro) per un noleggio a seconda della durata.

Fare trekking nella foresta

Entrambe le isole Besar e Kecil offrono l’opportunità di avventurarsi nelle foreste dell’entroterra. Una rete di sentieri attraversa la fitta vegetazione portando a spiagge, punti panoramici e cascate. Per un trekking adatto a tutti, su Kecil potete passeggiare da Long Beach a Coral Bay in poco meno di 20 minuti oppure salire da Long Beach alla piattaforma panoramica Windmill Point, situata sulla collina a circa 30 minuti dalla spiaggia: da qui avrete una visuale magnifica delle isole. Ci sono anche percorsi più lunghi che passano attraverso foreste, spiagge deserte e piccoli villaggi. Il trekking nelle foreste è un ottimo modo per sfuggire alla folla turistica delle isola e viverle da una prospettiva molto diversa. Portate con voi acqua a sufficienza e un repellente per insetti. Nei percorsi avrete l’occasione di ammirare una moltitudine di animali, come lucertole, scimmie e uccelli che rallegrano con i loro suoni un contesto altrimenti silenzioso.

Visitare il Fisherman Village

Sebbene molti visitatori non si avventurano oltre Coral Bay e Long Beach, il sud dell’isola Kecil offre un’esperienza completamente diversa. Il Fisherman Village è un villaggio che regala un’esperienza di autentica vita isolana, dove i bambini vanno in bicicletta lungo sentieri sabbiosi, le barche di pescatori sono ormeggiate ai moli e in riva al mare, si erge una moschea. Piccoli caffè e ristoranti a conduzione familiare si alternano lungo la via principale del villaggio e i prezzi qui sono più bassi rispetto alle altre zone dell’isola. Non c’è molto da vedere o da fare qui, ma una visita offre una nuova prospettiva diversa e uno sguardo su com’erano le isole Perhentian prima del turismo.

Godersi il tramonto da un bar sulla spiaggia

Anche se le Isole Perhentian hanno una vita notturna molto tranquilla e senza dei veri e propri locali notturni fatta eccezione per quale bar nei resort, ci sono un paio di bar sulla spiaggia lungo la Long Beach di Kecil. Quando il sole inizia a tramontare, i bar si riempiono di backpackers e giovani creando un ambiente amichevole e socievole.

Quando visitare le isole Perhentian

Per via della stagione monsonica il periodo migliore per visitare le isole Perhentian e tutte le altre isole della costa orientale, è tra l’inizio di febbraio e la fine di ottobre. Al di fuori di questo periodo i mari possono essere molto agitati e mossi, con correnti che rendono il nuoto pericoloso. Inoltre la maggior parte (anche se non tutte) delle sistemazioni chiude in bassa stagione, così come molti ristoranti e negozi.

Muoversi sulle isole

Non ci sono strade sulle isole, ma ci sono molti percorsi a piedi, quindi preparatevi a raggiungere a piedi o in bicicletta gran parte delle destinazioni. Per distanze leggermente più lunghe i taxi d’acqua sono la principale forma di trasporto.

Come arrivare

Raggiungere le Isole Perhentian è semplice, ma ci sono un paio di opzioni diverse a seconda del tempo e del budget a disposizione. Di solito si prende un autobus da Kuala Lumpur o da altre città della Malesia fino a Kuala Besut, dove si trova il terminal dei traghetti. Da qui si salpa verso le isole.

In alternativa, è anche possibile volare fino a Kota Bharu e da qui prendere un autobus o un taxi per Kuala Besut, situata a solo un’ora di distanza.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).