Gay in Malesia

La Malesia è un paese prevalentemente musulmano e il livello di tolleranza per l’omosessualità è molto diverso dagli altri paesi asiatici limitrofi. È illegale per persone di qualsiasi età avere rapporti con persone dello stesso sesso e le leggi islamiche della Shari’a (che si applicano solo ai musulmani) vietano la sodomia e il travestimento considerandoli al pari di un crimine sin dall’epoca coloniale. Anche se la legge religiosa non si applica ai non musulmani, l’Islam è la religione di Stato ai sensi della costituzione della Malesia e quindi tutti i cittadini omosessuali possono essere arrestati e condannati.

Come comportarsi quando si viaggia nel paese

È importante per questo evitare qualsiasi comportamento che possa attirare attenzioni indesiderate, comprese manifestazioni pubbliche di affetto, che non sono ben viste nemmeno tra coppie etero. I malesi sono infatti conservatori riguardo tutte le manifestazioni di affetto in pubblico, indipendentemente dall’orientamento sessuale. La polizia può arrestare qualsiasi persona (musulmana o meno) per atti indecenti in un luogo pubblico, quindi si consiglia ai visitatori di rispettare la legge e le abitudini malesi mentre si è ospiti nel paese. Detto questo, la polizia generalmente non ha arrestato gli stranieri durante i raid contro le attività e i locali gay, concentrandosi invece sui clienti di etnia malese, il 100% dei quali sono considerati musulmani alla nascita per legge.

Locali e attività LGBT

Nonostante le leggi e divieti, in realtà c’è una scena LGBT abbastanza attiva a Kuala Lumpur e una scena leggermente più discreta a George Town. Ci sono locali, spa e centri massaggio rivolti a uomini e alla comunità LGBT ma si consiglia di evitare questi luoghi per non avere problemi con la giustizia locale in quanto spesso ci sono ispezioni da parte della polizia.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).