Cosa vedere in Romania

La Romania ha una cultura ricca di influenze romane, ungheresi e ottomane date dalle varie occupazioni ed è una meta turistica sempre più in voga. Le pittoresche città antiche, le località montane e una fiorente comunità artistica rendono questo paese adatto ad ogni tipo di viaggiatore, anche tra chi è appassionato di storia e leggende: il cittadino più famoso è il vampiro Dracula. Fiabeschi castelli medievali punteggiano il paese ma non mancano sfumature moderne, soprattutto nella capitale Bucarest. Se siete curiosi di sapere cosa vedere in Romania, eccovi una panoramica dei luoghi migliori da visitare. 

Bucarest

Iniziamo questo elenco dalla capitale Bucarest, una città che unisce il vecchio al nuovo: il paesaggio urbano è un mix tra grattacieli moderni, edifici storici e strutture in stile comunista.

La capitale della Romania vanta tante attrattive interessanti, tra cui il secondo più grande palazzo del Parlamento al mondo, musei dell’arte, un meraviglioso centro storico con strette stradine acciottolate e chiese medievali, e un villaggio che riproduce la vita rurale nella Romania del passato.

Delta del Danubio

La maggior parte del delta del Danubio, il secondo delta fluviale più grande d’Europa, si trova in Romania. Originariamente parte del Mar Nero, il Delta del Danubio è un buon posto per osservare la natura: ospita molte specie di piante e animali uniche in Europa, oltre a 23 diversi ecosistemi. Vi consiglio di ammirare un tramonto per godervi un panorama spettacolare e fare una crociera turistica sul fiume.

Timisoara

Situata nella Romania occidentale, Timisoara è una delle città più grandi del paese e le sue origini risalgono all’inizio del XIII secolo. Un tempo fiorente comune parte dell’Impero Ottomano, fu anche la prima città europea ad avere lampioni elettrici, ma subì pesanti danni durante la Seconda Guerra Mondiale. Attrazione principale di Timisoara è la sua Cattedrale ortodossa costruita nel 1900 e nota per le sue 11 torri; all’interno custodisce molti oggetti religiosi storici e dipinti preziosi.

Sighisoara

Situata in Transilvania, Sighisoara è uno dei posti migliori da visitare in Romania grazie alla sua bellissima cittadella fortificata. Durante il XII secolo artigiani e mercanti tedeschi furono invitati a stabilirsi qui dal re d’Ungheria e diedero vita ad una fiorente città commerciale che prosperò e si ampliò nel corso dei secoli. Ogni luglio si svolge un festival medievale nella vecchia cittadella con rivisitazioni storiche che consentono di respirare le atmosfere del passato. Il fiore all’occhiello della città è la Torre dell’Orologio, una torre alta 64 metri costruita nel 1556.

Cluj-Napoca

Sede della più grande università del paese, Cluj-Napoca è considerata la capitale non ufficiale della regione storica della Transilvania. La città, che precede la colonizzazione romana, è uno dei principali centri artistici e culturali della Romania. Sede di una grande comunità ungherese, Cluj-Napoca sfoggia una statua in onore di un re ungherese nel centro della città, ma l’attrazione principale qui è la chiesa gotica di San Michele, che vanta il campanile più alto del paese. Il Museo Nazionale d’Arte, ospitato in un antico palazzo, ha una grande collezione di opere di artisti rumeni.

Brasov

Situato nella Romania centrale, Brasov offre di tutto, dalla dinamica vita moderna della città al fascino di luoghi storici, il tutto circondato da paesaggi strepitosi. Circondata dai Monti Carpazi, la città è una meta montana per eccellenza, con strutture per lo sci e il pattinaggio su ghiaccio. L’attrazione simbolo della città è la Chiesa Nera, una cattedrale gotica che prende il nome dalle sue pietre nere, divenute così in seguito ad un incendio. Vi consiglio anche di fare una passeggiata lungo Rope Street, la strada più stretta del paese.

Sibiu

Sibiu, un tempo parte dell’Ungheria, ebbe origine agli inizi del XII secolo. La città si trova in Transilvania, un’area che è associata ai vampiri e al famoso Conte Dracula. Il centro della città è particolarmente bello, con la piazza centrale Grand Square e numerosi edifici barocchi, tra cui il Palazzo Brukenthal, sede di uno dei musei più antichi del mondo.

La Sfinge (Monti Bucegi)

La Sfinge è una formazione rocciosa naturale situata nei Monti Bucegi, a un’altitudine di 2.216 metri. Modellata dall’erosione del vento e dagli agenti atmosferici nel corso di migliaia di anni, il suo profilo ricorda molto la Grande Sfinge di Giza ed è una delle attrazioni più misteriose e popolari: si ritiene che sia circondata da un campo di energia molto potente e ci sono varie leggende legate alla sua origine.

Castello di Peleș

Costruito nel XIX secolo con uno stile neo-rinascimentale tedesco, il Castello di Peleș si compone di 160 camere lussuosamente decorate, ricche di tesori d’arte e una vasta collezione di 4.000 armi medievali. Gli amanti dell’arte apprezzeranno la possibilità di vedere affreschi realizzati da Gustav Klimt, mentre gli appassionati di storia saranno sorpresi di sapere che il palazzo ha ospitato la prima proiezione cinematografica nel paese.

Castello di Bran

Con il suo tetto di tegole rosse e molte torrette di forma irregolare, il Castello di Bran è uno dei monumenti più pittoreschi della Romania. Conosciuto anche come il “Castello di Dracula”, è arroccato su una formazione rocciosa circondata da fitte foreste. Il suo aspetto e la posizione evocano immediatamente lo spettro del Conte, attirando così tutti gli appassionati di questo mito.

Mamaia

Situata sul Mar Nero, Mamaia è la località balneare più famosa della Romania. Pur essendo una cittadina di dimensioni contenute, Mamaia offre lunghe distese di sabbia bianca, fatte apposta per prendere il sole, nuotare, praticare sport acquatici e rilassarsi. La città vanta anche un parco acquatico destinato principalmente ai piccoli visitatori. È ideale se viaggiate in estate e non volete rinunciare ad un pomeriggio al mare.

Parco Nazionale Retezat

Il Parco Nazionale Retezat è un must per escursionisti e amanti della natura selvaggia. È una vera fortezza rocciosa dei Carpazi con 20 cime oltre i 2000 metri e un’altitudine massima di 2.509 metri sul picco Peleaga, il terzo più alto della Romania. L’escursionismo nel Parco Nazionale di Retezat è un’esperienza unica in quanto i suoi sentieri sono delimitati da oltre 80 laghi glaciali e laghetti, tra cui il più grande di questo tipo in Romania, Bucura, e il più profondo, Zanoaga (29 metri). È il luogo ideale anche per gli appassionati di birdwatching poiché qui si trovano metà delle specie di uccelli del paese, insieme a quasi 1.200 specie di piante e un’ampia varietà di fauna selvatica spettacolare. Rappresenta il primo parco nazionale della Romania, una riserva della Biosfera dell’UNESCO e una delle aree selvagge meglio conservate dei Carpazi.

Transfăgărăşan Road

Considerata una delle strade migliori al mondo, Transfăgărăşan Road collega il sud della Romania con la Transilvania, attraversando le imponenti montagne di Fagaras attraverso cinque tunnel e strade tortuose. Lunga 90 km, raggiunge un’altitudine di 2.042 metri: una vera strada tra le nuvole che regala una straordinaria esperienza di guida.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).