4 giorni in Belgio

Volete trascorrere 4 giorni in Belgio e non sapete cosa vedere? Il Belgio è un paese ricco di cittadine incantevoli con centri storici medievali e scorci romantici affacciati su piccoli canali. In questo itinerario ho inserito quattro città da visitare in quattro giorni, considerata la vicinanza tra le cittadine e le loro dimensioni contenute che le rendono ottime da esplorare in un giorno senza andare troppo di fretta.

Giorno 1: Bruxelles

Poiché la capitale del Belgio è una città abbastanza compatta, ci si può fare un’idea generale della città e visitarne i luoghi principali anche solo in una giornata.

La Grand-Place

La Grand-Place (Grote Markt) è il cuore di Bruxelles e il luogo da cui iniziare la visita. La piazza è circondata da alcuni degli edifici più belli della città, tra cui il famoso Hotel de la Ville, il Municipio. È perfetta per sedersi al tavolino di un caffè e fare colazione guardando il via vai di gente che passa.

Manneken Pis e Street Art

Dalla piazza potete raggiungere in pochi passi la fontana The Manneken Pis, con la celebre statua di un bambino che fa la pipì diventata una delle attrazioni più famose di Brussels, tanto che lo troverete raffigurato in moltissimi souvenir. Nelle strade attorno al Manneken Pis e in altre zone della città si possono ammirare diverse opere di street art a cui sono dedicati anche dei tour a piedi con tanto di mappe disponibili nel centro visitatori. Potete divertirvi a cercarle e scattare bellissime foto.

Bourse de Bruxelles

Dirigetevi verso il grande edificio neoclassico della Borsa che si affaccia sulla piazza Place de la Bourse. Chi lo desidera può visitare il palazzo della borsa all’interno scoprendone i ricchi ed elaborati dettagli architettonici in stile gotico e classico.

Jeanneke Pis e Galeries Royales Saint-Hubert

Proseguendo verso la parte opposta della Grand-Place rispetto a Manneken Pis si trova invece Jeanneke Pis, che rappresenta invece la versione femminile di Manneken Pis. Accanto alla statua si trova la Galeries Royales Saint-Hubert, un’elegante galleria di negozi nel centro di Bruxelles. È bello passeggiare per dare un’occhiata alle vetrine ed è un’ottima occasione per fare shopping di abbigliamento, cioccolatini e altre golosità.

Museo delle Belle Arti e Palazzo Reale

Uscendo dal centro, dirigetevi verso la zona del Museo delle Belle Arti, accanto al Palazzo Reale di Bruxelles. Se siete appassionati d’arte potete concedervi una visita al museo per scoprire le collezioni di arte fiamminga ed europea, altrimenti potete fermarvi a dare un’occhiata al Palazzo Reale e farvi una passeggiata nel verde al Parc de Bruxelles.

Parlamentarium

Non molto distante si trova la zona moderna che ospita la sede del Parlamento Europeo e il Parlamentarium, un centro interattivo dedicato alla storia della Comunità Europea dove potete approfondire meglio alcune tematiche legate ai valori dell’Unione Europea.

Sablon

Accanto alla zona del Parlamento troverete il quartiere Sablon, un quartiere elegante di ristoranti alla moda, gallerie e negozi di antiquariato. Qui potete concludere la giornata facendo un po’ di shopping e mangiando qualcosa nei locali.

Giorno 2: Bruges

Il secondo giorno partite alla volta di Bruges, una romantica cittadina raggiungibile in treno da Brussels in meno di un’ora.

Centro storico e Rozenhoedkaai

Dalla stazione addentratevi per il centro esplorando i piccoli vicoli, le casette in pietra e gli scorci su canali che danno a Bruges l’aspetto di una cittadina fiabesca. Tra le piccole stradine si nascondono pub, negozietti e brasserie, mentre nella piazza centrale si elevano i profili della Cattedrale e del Municipio. Passeggiando lungo i canali arrivate fino a Rozenhoedkaai, un piccolo angolo incantevole che è il luogo più fotografato della città. Con le sue case medievali in mattoni e il campanile Belfort sullo sfondo, offre la perfetta foto da “cartolina”.

Un giro in battello sui canali di Bruges

Un modo romantico e bellissimo di visitare Bruges è fare una gita in barca lungo i canali. Questo vi darà una prospettiva diversa sulla città e solitamente la guida vi darà informazioni sui luoghi principali che si vedono lungo il percorso.

Chiesa di Nostra Signora

Dopo il giro in barca dirigetevi verso la Chiesa di Nostra Signora. Oltre al suo esterno spettacolare (la sua torre è la seconda torre in mattoni più alta del mondo), all’interno potete anche vedere la Madonna di Bruges, una delle poche sculture di Michelangelo che si trovano oggi fuori dall’Italia.

Begijnhof e Minnewater

A sud della chiesa di Nostra Signora si trova il Begijnhof, un complesso dove vivevano le beghine, donne, generalmente vedove, che vivevano insieme e dedicavano la loro vita ad aiutare i malati e i poveri. Questa zona tranquilla è un complesso architettonico tipico dei Paesi Bassi e del Belgio.

Nei pressi di Begijnhof si trova il lago di Minnewater che significa “lago dell’amore”: basta ammirare i romantici ponti e i cigni nuotare nell’acqua per capire perché!

Giorno 3: Gand

Essendo ad appena 20 minuti di treno da Bruges, Gand è perfetta per trascorrere un’altra giornata. Questa cittadina assomiglia molto a Bruges per le atmosfere pittoresche e romantiche ed in più è meno turistica rispetto a Bruges. Essendo di piccole dimensioni si visita facilmente sia a piedi che in bicicletta qualora fosse una bella giornata.

Castello dei Conti

Il Castello dei Conti è una tappa obbligata a Gand. La storia del castello risale al IX secolo, quando Arnolfo I costruì una fortificazione in legno proprio in questo luogo. Da allora, l’edificio ha subito molte trasformazioni. L’attuale castello fu costruito da Filippo d’Alsazia per essere la residenza dei Conti delle Fiandre e lo fu per ben due secoli. Dalla fortezza si hanno anche splendide viste sulla città.

Korenlei

Il centro cittadino si sviluppa attorno alla banchina Korenlei, il luogo più pittoresco di Gand. Attorno al canale si concentra un nucleo di case storiche e numerosi caffè con vista sul fiume. Da qui partono anche le barche che fanno tour della città quindi potete eventualmente decidere di fare un giro lungo i canali per avere una visione più completa di Gand.

Ponte di San Michele

Il ponte di San Michele collega la banchina di Graslei con Korenlei. È un ottimo posto per scattare fotografie: da qui si possono vedere contemporaneamente la Cattedrale di Saint Bavon, la Chiesa di San Nicola e la Torre campanaria.

Cattedrale di Saint Bavon

Dirigetevi verso la Cattedrale di Saint Bavon, un gioiello architettonico gotico del XVI secolo che prende il nome dal santo patrono della città. La cattedrale ospita una famosa opera d’arte religiosa, “l’Adorazione dell’Agnello Mistico”, un dipinto a più pannelli del XV secolo considerato il più grande capolavoro di Jan van Eyck.

Giorno 4: Anversa

Raggiungibile in meno di un’ora in treno da Gand, Anversa vi catapulterà in un mondo completamente diverso: ha un centro moderno e cosmopolita ed è la seconda città più popolosa del Belgio dopo Bruxelles.

Stazione centrale di Anversa

Che arrivate o meno in treno, vi consiglio di fermarvi qualche istante a visitare la stazione ferroviaria principale della città, definita spesso il miglior esempio di architettura ferroviaria in Belgio. Fu progettata dall’architetto Louis Delacenserie che si è ispirato al Pantheon e alla vecchia stazione ferroviaria di Lucerna, in Svizzera. Sfoggia una massiccia cupola e una struttura in pietra.

Casa Museo di Peter Paul Rubens

La casa di Rubens (Rubenshuis) è l’ex casa di Peter Paul Rubens, pittore e uno dei “figli” più famosi di Anversa. Si trova a circa 1 km dalla stazione e già dall’esterno la dimora appare davvero speciale, con una facciata decorata ricoperta di splendidi rilievi. All’interno, oltre ai manufatti della vita del pittore, il museo espone molti dei suoi dipinti più famosi, tra cui “Adamo ed Eva” e un notevole autoritratto.

Hoogstraat e Cattedrale di Nostra Signora

Dirigetevi verso Hoogstraat, un’affascinante strada di ciottoli dove troverete negozi colorati e pittoreschi caffè e ristoranti per fare una sosta. La via conduce alla Cattedrale di Nostra Signora. Le imponenti guglie della cattedrale, alte 123 metri, svettano sullo skyline della città sin dal XIV secolo. Entrate per una visita.

Grote Markt (Grand Place)

Dopo aver visitato la cattedrale non dovrete camminare molto prima di arrivare a Grote Markt, una magnifica piazza nel centro della città e uno dei luoghi più importanti da visitare ad Anversa. Qui troverete il municipio e una splendida fontana ad occupare il centro della piazza. La piazza è particolarmente suggestiva in inverno, quando ospita un mercatino di Natale e tutti gli edifici circostanti sono illuminati e decorati.

Porto e lungomare

Se avete ancora tempo e volete passeggiare potete concludere la giornata al porto di Anversa, famoso per essere il secondo porto europeo più grande. La zona circostante al porto ospita anche diversi intrattenimenti, caffè e ristoranti. Potete fare un giro in bicicletta o in barca per esplorare meglio l’area del porto.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).