Torrente Oirase

Il suo “serpeggiare” elegante tra imponenti gole e una fittissima vegetazione che si riflette nelle sue acque, ha ispirato poeti e pittori per secoli. Passeggiando a piedi o in bicicletta accanto alle sue rive non è difficile capire il perché di tanta notorietà: il torrente Oirase sembra proprio uscito da un dipinto o dalla scena di un film fantasy.

È un pittoresco torrente di montagna che nasce lungo la riva orientale del Lago Towada, al confine tra le prefetture di Aomori e Akita, e scorre ai piedi della gola Oirase, facendosi spazio tra la rigogliosa foresta, tra formazioni rocciose, alberi e cascate.  È uno dei luoghi più popolari per ammirare i colori autunnali, con gli alberi che si accendono di tonalità fiammeggianti sui toni del rosso e del giallo, regalando uno degli scenari più belli e nostalgici della regione, meta di tanti appassionati di natura e fotografia.

Passeggiare lungo il Torrente Oirase

Il modo migliore per assaporare la magia di questo luogo è passeggiare a piedi o in bicicletta sul percorso che costeggia le rive del torrente.  Proseguendo a ritmo lento avrete infatti modo di immergervi nelle atmosfere poetiche di questo luogo, cogliendo le più piccole sfumature e fermandovi di tanto in tanto per scattare delle foto.

C’è chi sostiene che camminare accanto al torrente Oirase, tra imponenti alberi di cedro, aceri e querce, sia un’ottima opportunità per meditare e riconnettersi con la natura e sentirla “viva”, attraverso i suoni e i profumi che emana.

Ogni stagione regala emozioni incredibili: in estate il torrente è avvolto da una tonalità verde brillante che in autunno si trasforma in accesi colori dorati e rossastri, mentre in inverno il paesaggio si immobilizza, avvolto dalla neve, mentre il torrente continua a scorrere.

Se optate per la bicicletta, potete noleggiarne una a Yakeyama per poi depositarla a Nenokuchi.

Il percorso

Il percorso escursionistico è in totale di 14 km con partenza vicino alla fermata del bus di Yakayama, sebbene il tratto più scenografico sia il tratto compreso tra Ishigedo e Nenokochi, la cittadina che segna la fine del percorso. Lungo il tragitto troverete ponticelli e cascate dove fermarsi a fare delle foto. Tra le cascate più famose c’è Chioshi, una spettacolare discesa d’acqua di 20 metri che impedisce ai pesci di risalire il torrente, e la cascata Shiraito, il cui nome fa riferimento ai fili bianchi della seta per il modo particolare dell’acqua di scendere come un intreccio di piccoli fili.

Non molto distante dal torrente si snoda una strada accessibile ai veicoli, con varie fermate dei bus che consentono di spostarsi comodamente da un tratto all’altro del torrente e di ritornare indietro con i mezzi ottimizzando così i tempi, sebbene nel periodo di maggiore affluenza il trambusto dei mezzi potrebbe togliere un po’ di magia e silenzio a questo luogo. In totale il percorso richiede circa 4-5 ore di camminata piacevole e per chi ha intenzione di completarlo è consigliabile portarsi un pranzo al sacco per un fantastico picnic in mezzo alla natura.

Come arrivare

Fatta eccezione per la stagione invernale, quando il trasporto pubblico viene sospeso per le abbondanti nevicate, sono disponibili diverse corse giornaliere in autobus sia da Yasumiya che da Aomori diretti al torrente Oirase; le varie linee fanno tappa in tutte le fermate lungo il percorso, tra cui anche Nenokuchi e Ishigedo. In alternativa è possibile arrivare in barca dai moli di Yasumiya e raggiungere Nenokuchi, per poi intraprendere il percorso in direzione opposta.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!