Cosa vedere a Livorno

Fervente città dallo spirito toscano, Livorno ha uno dei più grandi porti d’Italia, meta anche di tante navi da crociera e che in passato ha dato alla città un ruolo importante. Durante il Rinascimento e il dominio della famiglia de’ Medici, Livorno fu fortificata e cinta da torri e mura di protezione e molti di questi sistemi di difesa restano ancora oggi assieme ad altre testimonianze del passato. Città natale di artisti come il pittore Amedeo Modigliani e il compositore Pietro Mascagni, Livorno oggi ha un bellissimo contrasto tra vecchio e nuovo e sebbene molte persone approdino a Livorno per arrivare a Pisa, distante appena 20km, resta una destinazione fantastica da esplorare. Eccovi una guida alle migliori cose da fare e da vedere a Livorno.

Terrazza Mascagni

Terrazza Mascagni al tramonto, a Livorno.
Terrazza Mascagni al tramonto, a Livorno.
Questa ampia passeggiata sul lungomare nella parte meridionale della città è il luogo preferito dalla gente del posto per passeggiare, correre o andare in bicicletta e perdersi nelle viste del Mar Tirreno. Lungo la Terrazza Mascagni si trova l’Acquario di Livorno e l’Accademia Navale.

Acquario di Livorno

Questo moderno acquario offre un fantastico viaggio nella vita marina del Mediterraneo e di altri habitat oceanici. Le vasche ospitano una grande varietà di pesci e mammiferi marini, ma gli “ospiti” più famosi sono gli squali, i pesci Napoleone, le tartarughe marine e i cavallucci marini. Una sezione interessante riguarda i mari esotici, popolati di meduse, pesci tropicali dai colori brillanti e coralli.

Porto

Il porto, all’estremità occidentale della città vecchia, è uno dei più grandi e trafficati del Mediterraneo. Qui avrete modo di vedere un via vai continuo di navi da crociera e servizi di barche e traghetti per l’isola d’Elba e altre isole dell’Arcipelago Toscano, nonché per la Sardegna e l’isola della Corsica. La parte vecchia del porto è conosciuta come Porto Mediceo dal nome della famiglia de’ Medici.

Venezia Nuova

Nel 1620 quando si rese necessario ampliare la città di Livorno, fu pianificato un nuovo distretto per l’area compresa tra la vecchia e la nuova fortezza. Tuttavia questa zona era piena di fossati e canali che circondavano le antiche mura della città e che ne tempo erano diventati importanti corsi d’acqua per trasportare le merci tra il porto e la città. Quindi si decise di lasciare i canali, ispirandosi alla conformazione di Venezia, ribattezzando così il quartiere Venezia Nuova. Potete visitare questo pittoresco quartiere in un tour in barca per una gita romantica oppure a piedi per raggiungere anche angoli non visibili con una crociera.

“Fossi” Medicei

I fossi medicei sono appunto i fossati e canali che un tempo circondavano la città vecchia con vari utilizzi, dal trasporto di merci all’irrigazione. La realizzazione di questi fossi fu un’impresa enorme per l’epoca e oggi i canali di Livorno sono inseriti tra i siti Patrimonio UNESCO. Uno dei modi migliori e certamente più comodi per esplorarli è con un tour in battello in partenza dal porto.

Mercato Centrale

Lo storico mercato al coperto a Livorno.
Lo storico mercato al coperto a Livorno.
Per immergervi un po’ nella vita locale, non perdetevi il ​​Mercato Centrale di Livorno, vicino a Piazza Cavour, collocato in un edificio di fine 1800 in ferro e vetro progettato da Angiolo Badaloni. Ogni mattina, tranne la domenica, la sala principale è un brulicare di attività con i residenti che fanno spesa curiosando presso le oltre 200 bancarelle e negozi. Potete acquistare formaggi e salumi locali e ci sono anche stand che servono caffè, dolci e street food, nonché bar e ristoranti che offrono pasti deliziosi e happy hour. 

Fortezza Vecchia

All’estremità nord della vecchia area portuale, la Fortezza Vecchia fu commissionata dal cardinale Giulio de’ Medici tra il 1521 e il 1534. È dominata da una torre rotonda nota come Mastio di Matilde, parte di un precedente castello e la più antica struttura rimasta di Livorno dal primo Medioevo. La fortezza è aperta per le visite ed è possibile salire fino alla cima del Mastio di Matilde per ammirare il porto e la città. 

Via Grande e Monumento dei Quattro Mori

Il Monumento dei Quattro Mori a Livorno.
Il Monumento dei Quattro Mori a Livorno.
La via principale di Livorno, Via Grande, disegna un’ampia linea retta dal porto, attraverso Piazza Grande fino all’ampia Piazza della Repubblica. In Piazza Micheli, che si apre sul porto, si trova un monumento al Granduca Ferdinando I, noto come il Monumento dei Quattro Mori per via delle quattro figure in bronzo alla base. Lungo la via si alternano una serie di negozi e ristoranti, ma questa strada consente anche di ammirare alcune delle attrazioni di Livorno come il Duomo che sorge in Piazza Grande: entrate all’interno per ammirarne i meravigliosi affreschi.

Piazza Della Repubblica

Piazza della Repubblica a Livorno.
Piazza della Repubblica a Livorno.
Livorno ha diverse imponenti piazze storiche, ma la Piazza della Repubblica è di gran lunga la più spettacolare. Si trova ai margini del canale della Fortezza Nuova che corre parallelo a Via Giuseppe Garibaldi e presenta una forma ovale, con due statue in marmo rappresentanti Ferdinando III e Leopoldo II, collocate alle due estremità della piazza mentre tutt’intorno sorgono edifici eleganti. Nella piazza si concentrano alcune affascinanti gallerie d’arte, insieme a una serie di ristoranti e sedute per godersi il paesaggio.

L’Acquedotto Leopoldino e Cisternino di Livorno

Conosciuto anche come Acquedotto di Colognole, l’Acquedotto Leopoldino fu iniziato alla fine del ‘700 per fornire un maggiore approvvigionamento di acqua alla città. Il percorso dell’acquedotto si sviluppa per 18km tra le colline partendo da Colognole, dove si trovano le fonti d’acqua, e arrivando fino a Livorno dopo essere stata filtrata da tre grandi cisterne. Oggi una di queste è ancora in uso, mentre il Cisternino di città è stato trasformato in uno spazio per eventi culturali. L’intero percorso dell’acquedotto resta un bellissimo connubio di architettura e vegetazione delle colline toscane e lungo il percorso sono stati realizzati sentieri di trekking e ciclabili che permettono di scorgere qua e là archi, tunnel e cisterne.

Costiera di Calafuria

Dalla fine del lungomare di Livorno, il bellissimo Viale Italia corre a sud lungo la costa con una successione di parchi e bellissime spiagge, che iniziano alla periferia della città. Circa 25-30 minuti a sud di Livorno si trova l’affascinante città costiera di Calafuria, famosa per il suo tratto di splendida costa ricca di deliziose calette e spiagge nascoste.

Funicolare di Montenero

Sulle colline a circa 30 minuti a sud del centro di Livorno, si trova il piccolo borgo di Montenero dove una delle esperienze più belle da fare è un giro in funicolare fino al Santuario della Madonna della Grazie, che oltre alla sua architettura meravigliosa regala una vista fantastica sulla costa. Nella cittadina si trovano alcuni ristoranti, bar e botteghe dove acquistare prodotti del posto.

Museo Civico Giovanni Fattori

Il Museo Civico ha sede presso Villa Mimbelli, nella parte meridionale della città, ed espone una bella collezione di opere dei Macchiaioli, un gruppo di pittori toscani nato a metà del XIX secolo. Questo movimento è stato guidato da Giovanni Fattori, i cui dipinti compongono una parte importante della collezione: il più noto è “Mandrie Maremmane” in cui sono raffigurati i bovini della Maremma. Ci sono anche opere di Amedeo Modigliani, un altro nativo livornese.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).