Come muoversi a Seoul

Volete sfruttare al meglio la vostra vacanza a Seoul? Bene, allora dovrete necessariamente riuscire a destreggiarvi nel sistema di trasporto pubblico della capitale coreana che fortunatamente è uno dei migliori al mondo. Sarete assolutamente sorpresi di quanto sia facile ed economico spostarsi in questa estesa città, dove il mezzo in assoluto migliore è la metropolitana. Potete alternare la metro ad un giro in taxi se ad esempio avete intenzione di rimanere fuori fino a tardi, oppure in autobus se la vostra destinazione è troppo lontana per arrivarci camminando. Seoul è troppo grande per essere esplorata solo a piedi, ma ci sono alcuni quartieri che sono stati perfetti per belle passeggiate: un esempio è il Bukchon Village. Poiché il trasporto pubblico di Seoul è così economico, efficiente ed esteso, vi sconsiglio di noleggiare un’auto, tenendo conto che si tratta di una città molto trafficata. In questa guida su come muoversi a Seoul, troverete tutte le informazioni necessarie per orientarvi nella capitale coreana, partendo dall’arrivo in aeroporto.

Dall’aeroporto al centro

La maggior parte dei visitatori atterra all’Aeroporto Internazionale di Incheon, situato sull’isola di Yeongjong, nella vicina città di Incheon.

All’arrivo, vale la pena fermarsi in un minimarket per acquistare la carta ricaricabile per i trasporti T-Money, che può essere utilizzata su metropolitane, autobus urbani, alcuni taxi e persino per effettuare acquisti nei minimarket.

Per arrivare a Seoul dall’aeroporto di Incheon avete tre opzioni:

  • treno AREX che collega l’aeroporto con la stazione centrale di Seoul e l’aeroporto di Gimpo (che serve la maggior parte dei voli nazionali e alcuni voli internazionali da / per Giappone, Cina e Taiwan), operando dalle 5:00 fino a mezzanotte. Esistono due tipologie di treni: i servizi express per la città (ogni mezz’ora) impiegano 43 minuti e costano 9.000won (6,84euro), mentre i treni locali (ogni 6-12 minuti) impiegano circa un’ora e costano 4.000won (3euro). Alcune linee della metropolitana di Seoul sono collegate direttamente con il treno, quindi potrebbe essere comodo se la vostra sistemazione si trova vicino ad una delle fermate della metro.
  • Bus Airport Limousine. Se avete molti bagagli i bus-limousine sono una buona opzione. Gli autobus limousine viaggiano direttamente verso le principali aree e i grandi hotel di Seoul, ad un costo di 10.000 – 15.000won (7,60-11,40euro) a tratta. Sono un po’ più costosi rispetto agli autobus pubblici ma se state visitando Seoul per la prima volta, vale la pena pagare un po’ di più per l’autobus limousine, soprattutto se alloggiate in un hotel prestigioso o particolarmente centrale, in modo da arrivare direttamente a destinazione in maniera confortevole. È meglio acquistare i biglietti presso una delle biglietterie vicino all’area di partenza dell’autobus, ma potete anche pagare la tariffa usando la carta T-Money.
  • Taxi. Il taxi è l’alternativa più costosa per raggiungere il centro dall’aeroporto. Un taxi diretto al centro della città avrà un costo di circa 60.000-90.000won (46-69euro) a seconda della vostra destinazione. Avere la destinazione scritta in coreano sarà molto utile per comunicare meglio con il tassista. Dato che sia gli autobus che i taxi sono soggetti al traffico, tenete presente che nelle ore di punta impiegherete tanto tempo per arrivare.

Spostarsi in città

Biglietti e pass per il trasporto

Per risparmiare tempo e spostarvi in modo più comodo quando viaggiate con i mezzi pubblici a Seoul, vi consiglio di acquistare la tessera dei trasporti (T-Money) o un pass, anche se avete intenzione di trascorrere solo un giorno a Seoul.

È indubbiamente un modo conveniente per pagare i viaggi su metropolitane e autobus senza dover fare la fila alle biglietterie o alle macchinette automatiche. Alcune carte come la T-money Card e il Seoul City Pass Plus possono anche essere utilizzate in negozi come minimarket, librerie, grandi magazzini, distributori automatici e telefoni pubblici.

Esistono tre carte / pass principali che vale la pena considerare a Seoul:

  • T-money card: Questa carta ricaricabile dal costo di 3.000won (2,28euro) può essere utilizzata su tutti i trasporti pubblici permettendo di risparmiare sul costo delle corse rispetto al biglietto singolo. Basta toccare la carta sul sensore di pagamento all’entrata e all’uscita dalle stazioni della metropolitana e degli autobus. Prima di lasciare Seoul potete restituire la carta in qualsiasi biglietteria della metropolitana per recuperare il saldo residuo.
  • Seoul City Pass: un pass concepito per i turisti che consente di viaggiare su autobus o metropolitana fino ad un massimo di 20 viaggio al giorno e include inoltre l’utilizzo dei bus turistici hop-on hop-off che fanno il tour della città. I pass sono disponibili nella versione 1, 2 o 3 giorni ad un costo rispettivamente di 15.000won (11,40euro), 25.000won (19euro) e 30.000won (22,80euro).
  • Seoul City Pass Plus: questa tessera per turisti funziona esattamente come una T-money card e ha un costo di 3.000won (2,28euro). È ricaricabile, permettendovi di aggiungere l’importo desiderato, e può essere usata in molti negozi e convenience store, ma il vantaggio rispetto al normale T-Money è che il Seoul City Pass Plus offre sconti in varie attrazioni turistiche. 

Seoul in metropolitana

La rete della metropolitana di Seoul è molto estesa e capillare, il che la rende un modo efficace per raggiungere qualsiasi punto della città. Se si evita l’ora di punta (dalle 8 alle 9 e dalle 18 alle 19 nei giorni feriali) quando i vagoni sono molto affollati e non si ha necessità di girare dopo la mezzanotte quando il sistema è sospeso, la metropolitana rappresenta il modo più comodo ed economico per spostarsi a Seoul.

Le stazioni della metropolitana di Seoul punteggiano ogni zona della città e non dovrete mai camminare molto per raggiungerne una; inoltre tutti i maggiori luoghi visitati dai turisti a Seoul sono a pochi passi da una stazione della metropolitana.

Ci sono attualmente un totale di 18 linee (nove linee numerate, la linea AREX express dell’aeroporto, e una serie di linee suburbane), tutte distinte da colori diversi, e tutte le indicazioni e mappe sono tradotte anche in inglese, quindi non avrete difficoltà ad orientarvi. Le stazioni sono piuttosto ampie e talvolta il trasferimento tra le linee potrebbe comportare lunghe camminate sotterranee e molte scale o scale mobili. Per questo stesso motivo è importante verificare in anticipo l’uscita esatta della stazione, per evitare di fare lunghe deviazioni che vi faranno perdere tempo.

Tenete presente che Seoul è una metropoli in continua espansione e molte mappe potrebbero non essere le versioni completamente aggiornate, quindi vi consiglio di scaricare l’app KakaoMetro sul vostro smartphone per consultare orari e percorsi aggiornati, facilitandovi così gli spostamenti a Seoul.

I treni della metropolitana di Seoul iniziano a funzionare alle 5:30 circa e continuano fino a mezzanotte. Un viaggio in metro è anche piuttosto economico, con una tariffa base di soli 1.350won (1euro circa) per un viaggio fino a 10 chilometri acquistando un biglietto per una corsa singola alla stazione oppure 1.250won con la T-money card (0,95euro).

Seoul in autobus

Come la metropolitana, la rete di autobus di Seoul è estesa ed offre un servizio economico. Tuttavia se il sistema della metropolitana è facile da comprendere per un turista, orientarsi tra le linee di autobus può essere un po’ più complicato per i viaggiatori stranieri: la maggior parte delle mappe degli autobus non sono tradotte in inglese, gli annunci sono solitamente in coreano e la maggior parte dei conducenti di autobus parla solo coreano. D’altra parte c’è da considerare però che per alcuni percorsi, arrivare a destinazione potrebbe effettivamente essere un po’ più veloce su un autobus rispetto alla metropolitana.

La rete si compone di quattro tipologie di autobus, che si distinguono per il loro colore ed è importante conoscerli per orientarsi meglio.

  • Autobus blu: coprono le linee principali dell’intera città di Seoul, viaggiando su lunghe tratte. Un biglietto per un viaggio di sola andata costa 1.300won (1euro).
  • Autobus verdi: autobus di linea che effettuano corse brevi tra le principali stazioni e sulle stesse tratte degli autobus blu ma con tragitti più corti. I prezzi dei biglietti costano 1.000won (0,76euro).
  • Autobus gialli: servono le principali aree del centro di Seoul con percorsi circolari. Un biglietto di sola andata costa 1.100won (0,84euro).
  • Autobus rossi: si dirigono verso destinazioni periferiche al di fuori dei confini della città e il costo di una corsa è di 2.400won (1,82euro).

Oltre al servizio giornaliero sono disponibili autobus notturni su regolari percorsi urbani che operano tutta la notte. Tutte le rotte notturne sono precedute dalla lettera “N.”

Potete pagare il viaggio direttamente a bordo all’autista, avendo cura di avere la cifra esatta, oppure sfruttando la T-money, che offre anche un cambio di linea gratuito per un ulteriore viaggio di massimo 30 minuti.

Seoul in taxi

Rispetto a molte altre città del mondo, i taxi a Seoul sono relativamente economici e se dovete percorrere un breve tragitto, la convenienza e la velocità nel trovare un taxi in strada rende questo mezzo utile e pratico.

Ci sono molti tipi di taxi a Seoul, ma ne esistono essenzialmente due categorie principali:

  • Taxi Ilban (regolari): è il tipo più comune di taxi e si contraddistingue per il colore argento, arancione, blu o bianco della vettura e l’insegna “Taxi” sul tetto. Questi taxi generalmente costano tra 2.800-3.000won (2,13-2,28euro) per i primi due chilometri a cui si aggiungono poi 100won (0,08euro) per ogni 144 metri. I taxi regolari aumentano le tariffe di circa il 20% dopo la mezzanotte fino all’alba.
  • Taxi Mobeum (deluxe): questa categoria di taxi si distingue dai taxi regolari per il colore nero della vettura, decorato con una striscia gialla. I prezzi sono leggermente più alti, con una tariffa tra 3.200-5.000won (2,43-3,80euro) per i primi tre chilometri e 200won (0,15euro) ogni 144 metri successivi. I taxi deluxe sono generalmente più comodi e spaziosi e offrono servizi extra e vantaggi come il pagamento con carta di credito e nessun supplemento notturno.

Una cosa da tenere a mente in merito ai taxi di Seoul è che la maggior parte dei tassisti non parla inglese quindi è una buona idea avere l’indirizzo di destinazione scritto in coreano da consegnare all’autista per riuscire a fargli comprendere meglio dove siete diretti.

La maggior parte dei taxi accetta carte di credito e T-Money card e in questo caso vedrete un adesivo arancione a forma di V sul tetto del taxi vicino al finestrino del sedile del passeggero anteriore. Tuttavia, i conducenti generalmente preferiscono pagamenti in contanti, soprattutto per le corse brevi.

Seoul in bicicletta o a piedi

Passeggiare a Seoul in totale autonomia può essere dispersivo se non si conosce la città: fiumi, montagne, linee ferroviarie e le strade irregolari spesso possono disorientare, per questo è bene familiarizzare con alcuni punti di riferimento e con le stazioni della metropolitana più vicine ai luoghi di interesse.

Tenete presente che Google Maps non funziona in Corea del Sud, ma potete ripiegare su un’app di navigazione per smartphone molto utile e precisa chiamata “Naver Map” molto usata assieme all’app “Kakao Maps”. Qui trovate tutti i principali punti di riferimento aggiornati, mappe e indicazioni utili per orientarsi.

In ogni caso alcune zone della città sono molto belle da esplorare in bicicletta o a piedi, sfuggendo al traffico e all’affollamento sui mezzi. Il fiume Han e la maggior parte dei corsi d’acqua della città sono fiancheggiati da enormi aree verdi con palestre all’aperto, piste ciclabili a più corsie e vari servizi che offrono i giusti spazi per rilassarsi lontano dal trambusto del centro.

A breve distanza dal centro si possono inoltre raggiungere le montagne dove vi attendono sentieri escursionistici ideali per belle passeggiate.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).