Castello Takato

Con alle spalle 700 anni di storia che lo ha visto teatro di scontri tra clan, il Castello Takato resta una dei luoghi più importanti della città di Ina, nella Prefettura di Nagano, a circa 60 km a sud di Matsumoto. Sebbene oggi dell’antica fortezza rimangano solo pochi resti, il parco che la circonda è diventato uno dei luoghi più amati da residenti e turisti, soprattutto in primavera quando i circa 1500 alberi di ciliegio fioriscono inondando l’area con la loro bellezza romantica e malinconica: il parco del Castello Takato è considerato uno dei tre migliori luoghi del Giappone in cui ammirare la fioritura.

Gli edifici e i resti del Castello Takato

Come anticipato oggi non resta molto del Castello Takato, se non per qualche piccolo dettaglio da cui si può soltanto percepire l’antico splendore. Situato sulla cima di una collina, è possibile osservare ancora l’antico fossato che circonda l’area dando un’idea di come dovesse essere ampio il complesso di strutture che formava il castello. Camminando sui sentieri si possono scorgere delle fondamenta di alcuni edifici mentre le strutture che vedete oggi sono delle aggiunte fatte nel periodo successivo alla fine dell’epoca feudale, quando il castello e gli edifici rimasti vennero demoliti per opera del governo. Accanto all’ingresso a nord del parco ci si imbatte nel più grande edificio del parco, Takatokaku, costruito negli anni ’30 del Novecento come centro culturale e sociale e oggi divenuto uno spazio per residenti e turisti per rilassarsi e ritrovarsi. La struttura sfoggia uno stile tipico del periodo di costruzione, con un mix di elementi occidentali e orientali che riflette i cambiamenti della società giapponese del tempo. Tra le altre strutture che vale la pena vedere c’è il ponte Ounkyo, che occupa il cuore del parco con la sua arcata romantica: è uno dei posti migliori per ammirare i fiori di ciliegio e fermarsi a scattare delle foto.

Taikoyagura è una torre dal profilo particolare che si colloca invece nella parte occidentale del parco; si trova in un punto privilegiato dal quale si hanno viste meravigliose sulla città e in lontananza si possono scorgere anche le Alpi nelle giornate di cielo limpido. Per gli appassionati di arte, la parte meridionale del parco ospita il museo Shinshu Takato Art Museum, dove sono esposte bellissime opere d’arte contemporanea e hanno luogo numerose mostre speciali durante l’anno.

Infine passeggiando nel parco noterete anche diversi monumenti e statue che punteggiano i prati: si tratta di omaggi dedicati a personaggi storici della città o a poemi giapponesi famosi.

Il festival della fioritura dei ciliegi

Per coloro che viaggiano in primavera, il Castello Takato è una tappa da non perdere. Le migliaia di alberi di ciliegio cominciano a fiorire tra la fine di marzo e i primi giorni di aprile, sebbene il periodo migliore per ammirarli al massimo del loro splendore sia tra la metà e la fine del mese di aprile. Gli alberi furono piantati sul finire del 1800 quindi alcuni di quelli che potete vedere oggi hanno più di 100 anni e tra le loro peculiarità ci sono i petali di colore tendente al rosso che rende il paesaggio del parco ancora più acceso. Ogni anno, durante tutto il mese di aprile si svolge un festival dedicato proprio alla fioritura che prevede la presenza di bancarelle di street food e artigianato in tutto il parco e l’illuminazione serale dal tramonto fino alle 22:00 nelle due settimane del boom della fioritura.

Essendo un punto molto popolare in tutto il paese, visitandolo nei weekend potreste trovarlo piuttosto affollato perciò se preferite un’atmosfera più tranquilla vi consiglio di optare per un giorno nella settimana.

Nelle altre stagioni…

Anche se non viaggiate in primavera, non lasciatevi scoraggiare dal non poter vedere la fioritura dei ciliegi. Il parco del Castello Takato è comunque bellissimo in ogni stagione: in estate i prati fioriti e la vegetazione verdeggiante offrono un riparo fresco dal caldo, mentre in autunno i protagonisti della stagione sono i 250 aceri che avvolgono di sfumature fiammeggianti e nostalgiche questo luogo.

Come arrivare

Il parco del Castello Takato è accessibile dalla stazione di Inashi. Per chi parte da Tokyo è disponibile la linea ferroviaria JR Azusa che collega la stazione di Shinjuku a quella di Inashi, con un cambio alla stazione di Okaya: da qui proseguite su un treno locale della linea JR Iida Line. In totale il viaggio dura quasi 3 ore e mezza e una volta giunti alla stazione di Inashi proseguite per 20 minuti circa su un autobus della compagnia JR verso il terminal degli autobus di Takato, che dista una breve passeggiata dal parco. Se avete il Japan Rail Pass potete coprire sia il viaggio in treno che quello in autobus.

Nel periodo della fioritura dei ciliegi il servizio di trasporto viene integrato con altre linee e un’alternativa ottima è quella di raggiungere la stazione di Chino da Tokyo sempre utilizzando la linea JR Azusa. Il viaggio dura 2 ore e da qui potete proseguire su un autobus della compagnia JR fino al terminal degli autobus di Takato per un viaggio di 50 minuti. Anche in questo caso potete sfruttare il Japan Rail Pass.

Informazioni generali per la visita

Al di fuori del periodo della fioritura dei ciliegi (tutto il mese di aprile) l’ingresso è gratuito e il parco resta aperto 24 ore su 24, mentre in aprile è richiesto un biglietto di ingresso di 500 yen e gli orari di apertura sono dalle 8:00 alle 17:00 (dalle 6:00 alle 22:00 durante il picco della fioritura).

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).