3 giorni a Copenhagen

Se non siete mai stati a Copenaghen e non conoscete bene la città, sarete sorpresi dalle tante attrattive e cose da fare che offre. È una destinazione perfetta in ogni stagione e adatta anche ad una breve vacanza di 3 o 4 giorni, date le sue dimensioni compatte rispetto ad altre capitali europee, le numerose piste ciclabili e i canali che la rendono facilmente esplorabile in poco tempo. Se avete in programma di trascorrere 3 giorni nella capitale danese, eccovi un itinerario completo che racchiude le principali attrattive della città.

Giorno 1: centro storico, porto e tour dei canali

Centro storico

Iniziate la scoperta della capitale danese con una passeggiata nel centro storico dove potete ammirare e visitare tantissimi edifici storici: tra questi c’è il Palazzo di Christiansborg, che ospita il Parlamento danese, e la sede della Borsa di Copenaghen, situata sull’isola di Slotsholmen. Højbro Plads è la piazza centrale di Copenaghen e si trova accanto al Palazzo di Christianborg: qui in inverno si svolgono i mercatini di Natale, ma l’atmosfera è sempre vivace grazie alla presenza di numerosi negozi e ristorantini. Altri luoghi che noterete passeggiando tra i vicoli acciottolati del centro sono il Rådhuset (Municipio), biblioteche, teatri e chiese. Tra i luoghi più significativi c’è la Biblioteca Reale Black Diamond Library, un bellissimo mix di architettura moderna e fascino antico: una metà della biblioteca risale al 1648, mentre l’altra metà è più recente e sfoggia alti soffitti in vetro. Inoltre, sul retro c’è un bellissimo cortile dove potete godervi un po’ di tranquillità nel mezzo della città. Impossibile non notare la Rundetaarn, la “torre rotonda”, uno dei più antichi osservatori funzionanti in Europa: dalla cima si ha un’incredibile vista a 360° della città.

Nyhavn

Raggiungete Nyhavn, il pittoresco porto di Copenaghen, che offre uno scenario da cartolina con le sue tipiche case colorate e molti ristoranti e cafè che si nascondono tra i vicoli. Le origini del porto risalgono al 1671 e rimase attivo come porto commerciale fino al 1950. L’area è da sempre molto frequentata da scrittori e artisti di ogni genere e persino la casa del famoso scrittore Hans Christian Andersen si trova qui.

Tour in barca tra i canali

Oggi da Nyhavn salpano emozionanti tour in barca tra i canali della durata di un’ora che vi regaleranno viste splendide sulla città e sui suoi principali edifici. A bordo dell’imbarcazione potrete ammirare lo storico edificio della Borsa, il Teatro dell’Opera, la famosa statua della Sirenetta, il Palazzo di Amalienborg, il Palazzo di Christiansborg, il quartiere di Christianshavn con Christiania, la Vor Frelsers Kirke (Chiesa del nostro Salvatore), il Museo Nazionale di Danimarca, la Biblioteca reale (chiamata il “diamante nero”) e altri ancora. Alla fine del tour potete fare una passeggiata lungo le strade principali di Strøget e Strædet.

Strøget e Strædet

Strøget è la via pedonale più lunga d’Europa (1,8 km) e su di essa si affacciano boutique di marche prestigiose come Chanel, Cartier o Gucci, centri commerciali, e negozi di designer danesi che vendono articoli particolari e unici, perfetti come souvenir.

A sud di Strøget si trova il viale Strædet, un’altra famosa tappa per lo shopping: è una via più stretta e serpeggiante, con piccoli vicoli di negozietti che si diramano da essa, cafè, ristorantini e scorci romantici.

Kødbyen

Se viaggiate in estate e volete trascorrere una serata fuori dirigetevi verso il quartiere Kødbyen. Questa zona è un’ex area industriale dove le vecchie fabbriche sono state convertite in ristoranti alla moda che servono vari tipi di cucina, locale e internazionale, e birrifici artigianali. Tutta questa zona è molto frequentata dai giovani del posto che si ritrovano nel fine settimana e nelle serate estive.

Giorno 2: giardini, palazzi e Christianshavn

Giardini Botanici

Incominciate la giornata con una bella passeggiata a piedi o in bicicletta attraverso i Botanisk Have, i giardini botanici di Copenaghen. L’ingresso è gratuito e sarete circondati da splendidi laghi, ponti e giardini profumati e variopinti.

Castello di Rosenborg

Non distante dai giardini botanici potete visitare il Castello di Rosenborg, un bellissimo palazzo del XVII secolo. Potete visitare le stanze elegantemente arredate e una mostra con i gioielli della corona, ma il vero fiore all’occhiello sono i giardini (Kongens Have) che circondano il castello.

Statua della Sirenetta

Se non avete visto la Statua della Sirenetta con il tour dei canali, o se volete osservarla meglio da vicino, dirigetevi a piedi verso la famosa scultura, passando accanto al Palazzo Amalienborg dove ad ogni scatto dell’ora è possibile assistere al cambio della guardia. La statua della Sirenetta è il simbolo di Copenaghen e merita sicuramente una visita.

Christianshavn e Christiania

Dopo pranzo, dirigetevi verso il distretto di Christianshavn. Lungo il canale che delimita il quartiere ci sono molte barche e case galleggianti, che compongono il tipico scenario nordico. Imboccate il viale Strandgade e ammirate le case tradizionali e gli incantevoli cortili. Se non soffrite di vertigini e volete godervi una vista mozzafiato, non perderti il panorama dal campanile della chiesa barocca Vor Frelsers Kirke. 

Chi lo desidera può fare una visita alla pittoresca “città libera” di Christiania, situata nelle vicinanze, che si dichiarò indipendente dalla Danimarca nel 1970, affermandosi come un piccolo stato all’interno dello stato. Gli abitanti di Christiania vivono ancora nelle vecchie caserme e negli edifici stravaganti che hanno costruito loro stessi. Tenete presente che non è possibile scattare foto in alcune aree all’interno.

Giorno 3. musei e parchi dei divertimenti

I musei

Nell’ultimo giorno a Copenaghen, potete decidere di visitare uno dei musei della città, a seconda dei vostri interessi. Ce ne sono tanti tra cui scegliere ma senza dubbio il più famoso è il museo d’arte Ny Carlsberg Glyptotek, dove potrete ammirare incredibili dipinti impressionisti e una magnifica collezione di manufatti egiziani e mummie. Il museo è ospitato in un imponente edificio del diciannovesimo secolo con un bellissimo giardino d’inverno, statue, fontane, e un giardino tropicale all’interno dell’atrio. Un altro museo interessante è il Museo Nazionale di Danimarca che copre migliaia di anni di storia culturale danese, dai cacciatori dell’età della pietra e i vichinghi fino ai giorni nostri. Oltre alla vasta collezione di manufatti archeologici danesi, il museo contiene anche antichità provenienti da tutto il mondo e un museo per bambini. 

Parco dei divertimenti Tivoli

Se invece viaggiate con i bambini o semplicemente volete rilassarvi, optate per una giornata ai Giardini di Tivoli, che è noto come il parco dei divertimenti più antico del mondo: risale al 1843. Giostre e attrazioni a parte, l’atmosfera è indimenticabile: gli spazi aperti sono addobbati con migliaia di luci e lanterne cinesi che danno vita ad un mondo fatato. In estate di solito organizzano quotidianamente fuochi d’artificio, spettacoli di luci e musica dal vivo.

Jægersborggade

Se invece non siete tipi da parchi tematici, potete concludere la giornata con una passeggiata a Jægersborggade conosciuta anche localmente come la “Piccola Berlino” di Copenaghen. È un’area che pullula di cafè, boutique vintage e pasticcerie, quindi un ottimo posto per una merenda pomeridiana.

Accanto a Jægersborggade si trova il “noto cimitero” di Copenaghen, Assistens Kirkegaard: molti famosi danesi sono stati sepolti qui, incluso l’amato autore delle fiabe Hans Christian Andersen. Questo cimitero è così bello che la gente del posto viene comunemente qui per passeggiare come se fosse un comune parco.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).