New Kowloon

L’area denominata “New Kowloon” fa parte del distretto di Kowloon, Hong Kong: è delimitata a sud da Boundary Street, a nord dai rilievi di Lion Rock, Beacon Hill, Tate’s Cairn e Kowloon Peak e ricopre i distretti di Kwun Tong e Wong Tai Sin.
Nel 1860, in base alla convenzione di Pechino, tutti i territori a sud di Boundary Street furono ceduti alla Gran Bretagna, mentre quelli a nord (l’attuale New Kowloon) rimasero alla Cina fino alla fine del secolo, quando passarono anch’essi sotto il controllo britannico nel 1898, con la Seconda Convenzione di Pechino.
Nel 1937 una legge ha permesso di definire con precisione l’area di New Kowloon, nell’ambito di un progetto di revisione urbanistica.
Oggi si sente raramente parlare di New Kowloon, molto più semplicemente ci si riferisce sempre e comunque a Kowloon, mentre New Kowloon diventa niente più che l’area al di là di Boundary Street. A livello giudico, invece, resta in vigore la distinzione tra Kowloon, New Kowloon e Nuovi Territori.
Il 1 ° luglio 1997, i territori situati su entrambi i lati di Boundary Street sono ritornati, come il resto della città, alla Repubblica popolare cinese.

L’area di Kowloon

Con il termine Kowloon si suole indicare un’area urbana di Hong Kong delimitata dallo stretto di Lei Yue Mun ad est, dal complesso residenziale di Mei Foo Sun Chuen, dall’Isola di Stonecutter ad ovest, dai monti Tate’s Cairn e Lion Rock a nord e dal Victoria Harbour a sud. Si tratta di uno dei luoghi più densamente popolati del pianeta: basti pensare che qui vive circa il 48% della popolazione totale di Hong Kong.
A differenza di altre zone della città, lo skyline di Kowloon non è caratterizzato da vertiginosi grattacieli, questo per permettere agli aerei di effettuare le operazioni di decollo e atterraggio quando era in funzione il vecchio aeroporto di Kai Tak.