Toyama Glass Art Museum

Solamente a guardare l’edificio Kirari Building che ospita il Toyama Glass Art Museum si rimane incantati di fronte al suo profilo contemporaneo e molto particolare che porta la firma prestigiosa dell’architetto Kuma Kengo. All’interno della struttura realizzata in vetro e legno è possibile conoscere meglio una delle tradizioni artigianali locali che resta il vanto di Toyama, soprannominata la “città del vetro”. Visitando il museo potrete approfondire meglio il legame tra la lavorazione del vetro e la città attraverso un percorso che espone le opere di numerosi artisti giapponesi e stranieri.

Nell’edificio trova spazio anche la biblioteca pubblica di Toyama, un negozio dove acquistare oggetti e souvenir artistici e un ristorante/cafè dove fare una pausa al termine della visita.

Visitare il Museo dell’Arte del Vetro

Il museo occupa sei piani con sezioni dedicate alla collezione permanente e altre invece riservate a mostre temporanee. Anche all’interno la struttura presenta un design davvero unico nel suo genere, con le scale mobili che salgono creando una sorta di spirale, tanto che guardando giù dagli ultimi piani sembra quasi ci sia un solo unico piano, senza alcun tipo di barriera. I pavimenti e gli elementi decorativi in legno rompono la freddezza del vetro dando vita ad ambienti accoglienti e con un rimando alla tradizione giapponese.

La collezione permanente trova spazio al quarto piano, dove sono esposti i lavori in vetro di artisti giapponesi e internazionali degli ultimi decenni: si spazia da vasi e bottiglie in vetro a opere astratte. In contrasto con gli ambienti luminosi dell’edificio, gli oggetti in vetro sono collocati in sale dalle pareti di colore scuro e illuminate con luci soffuse per mettere ancora più in risalto le singole opere. Al sesto piano potrete vivere un’emozione unica passeggiando in un giardino interamente creato con il vetro: piante, fiori colorati e alberi prendono vita dal genio dell’artista americano Dale Chihuly, da sempre appassionato di cultura giapponese.

Fa parte della collezione permanente anche la mostra intitolata “Glass Art Passage” che include circa 50 pezzi creati da 20 artisti che hanno un legame con la città di Toyama. Le opere sono distribuite tra il secondo e il quarto piano e sono collocate in modo tale da integrarsi totalmente con gli ambienti: troverete sculture a forma di fiore, statue, quadri in vetro e molto altro che decorano pareti e sale.

Dopo esservi immersi nel mondo dell’arte del vetro, visitate il negozio del museo al secondo piano, dove troverete repliche di alcune opere in vetro, cataloghi e bellissime idee regalo dal tocco artistico, tra cui borse, carta decorata e persino penne che sembrano fatte di vetro.

Il cafè posto accanto al negozio offre spazi tranquilli per sorseggiare un tè o assaggiare le specialità locali.

Informazioni generali per la visita

Il museo resta aperto dalle 9:30 alle 18:00, con chiusura alle 20:00 tutti i venerdì e sabato. Resta chiuso il primo e terzo mercoledì di ogni mese. Il costo di ingresso alla collezione permanente è di 200 yen, mentre se si volesse accedere alle mostre temporanee viene richiesto un supplemento di 700-1.000 yen.

Come arrivare

Il Toyama Glass Art Museum si trova a poche centinaia di metri a sud dal Castello di Toyama e potete raggiungerlo a piedi se partite da qui oppure con la linea di tram numero 3 dalla stazione ferroviaria della città, scendendo alla fermata Grandplaza-mae.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).