Soka Gakkai

Se in Italia la Soka Gakkai è arrivata negli anni ’60, questa organizzazione ha però un lungo passato alle spalle e le sue origini sono profondamente radicate in Giappone. La Soka Gakkai è infatti un’associazione, talvolta definito anche un movimento religioso, nata negli anni ’30 che si ispira agli insegnamenti del Buddha storico, gli stessi diffusi dal famoso monaco buddista Nichiren.

Oggi la comunità di seguaci di questa associazione fondata da Tsunesaburo Makiguchi è sempre più numerosa anche all’estero, dove la Soka Gakkai opera con grande successo: un fattore che ha portato alla nascita nel 1975 della Soka Gakkai International.

Ma qual è la storia della Soka Gakkai e quali sono gli insegnamenti di questa scuola? Scopriamolo insieme.

Origini e sviluppo della Soka Gakkai

Il fondatore della Soka Gakkai fu l’educatore Tsunesaburo Makiguchi, il quale dedicò gran parte della sua vita a diffondere gli insegnamenti del Buddhismo di Nichiren e a riformare il sistema educativo giapponese integrandolo con i principi buddisti, una missione che presto condivise con l’insegnante Josei Toda. Il cuore della sua filosofia e del Buddismo Nichiren è il rispetto per la dignità della vita e per tutti gli esseri viventi e lo strumento principale usato per le preghiere e gli insegnamenti è il “Sutra del Loto”. Nel 1930 Tsunesaburo Makiguchi fondò la Soka Kyoiku Gakkai, di cui fu il presidente, che nacque dunque come un piccolo gruppo di educatori ed insegnanti che si sviluppò negli anni diventando un’associazione internazionale con tanti seguaci in tutto il mondo, sedi, incontri e pubblicazioni.

La scuola Soka Gakkai non ebbe però vita facile in particolare durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale, quando per questioni di sicurezza nazionale si cominciò ad esercitare un maggiore controllo sulle varie religioni del paese e il governo ordinò a tutte le varie scuole di unificarsi sotto i principi dello Shintoismo.

La Soka Gakkai continuò ad opporsi a questi ordini, rifiutando totalitarismo e l’appoggio alla guerra: di conseguenza nel 1943 Makiguchi, Toda e altri leader vennero arrestati e la società venne ufficialmente sciolta. Makiguchi, ormai anziano, morì in carcere nel 1944, mentre gli altri esponenti vennero rilasciati l’anno dopo, dopo lo scoppio delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki.

Terminata la guerra, Josei Toda rifondò la Soka Gakkai diventandone il secondo presidente e impegnandosi a promuovere la pace: ad oggi questa è una delle attività parallele principali della Soka Gakkai.

Gli insegnamenti e la filosofia della Soka Gakkai

Alla base della pratica della Soka Gakkai vi è la recitazione di quella che è l’essenza del Sutra del Loto, e che in giapponese è espressa come “nam myoho renge kyo”. Il Sutra del Loto è una delle più importanti scritture del Buddismo e il messaggio chiave lanciato in essa è che in Buddismo, inteso come uno stato supremo della vita caratterizzato da compassione, speranza e coraggio, sia innato in ogni persona senza alcuna distinzione.

Ma alla base del Sutra del Loto e della filosofia della Soka Gakkai c’è in primo luogo una rivoluzione dei valori e della visione della vita, ed è proprio questo che ha contribuito alla diffusione e al successo di questa scuola, il cui nome significa appunto “società per la creazione di valore”. In parole semplici, il Sutra del Loto e la Soka Gakkai incoraggiano una partecipazione attiva delle persone nella vita sociale e nelle sfide che presenta, affrontandole senza timore e senza scappare ma cercando di trasformare ogni problematica e sofferenza che si presenta in felicità. La determinazione che c’è in ognuno di noi, secondo quanto insegna il Sutra del Loto, è il più grande potere che abbiamo ed è in grado di trasformare ogni cosa: in ogni individuo esiste un potenziale illimitato e l’educazione stessa non è altro che la ricerca costante di autoconsapevolezza, saggezza e sviluppo di sé. L’educazione viene considerata fondamentale non solo per l’accrescimento dell’individuo ma anche per la costruzione di una società pacifica.

La Soka Gakkai mette in risalto anche la relazione tra l’individuo e “l’esterno”, ricordando come ogni gesto compiuto da una persona impatta anche sugli altri. Per questo la società si impegna anche nella promozione della pace, del rispetto e della tolleranza e della tutela ambientale, sebbene queste siano attività marginali al vero cuore della comunità, che è sempre l’insegnamento, fatto attraverso libri, lezioni, incontri e molto altro.

Il Gohonzon

Il Gohonzon è il principale oggetto sacro venerato dai fedeli della Soka Gakkai e viene ricevuto nel momento in cui si aderisce all’associazione in una sorta di cerimonia di iniziazione simile al nostro battesimo. Si tratta in sostanza di una pergamena con scritte in cinese antico che riproduce fedelmente il Gohonzon iscritto da Nichiren. Tutti i fedeli della Soka Gakkai pregano e svolgono le loro pratiche religiose dinanzi a questa pergamena.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!