Sanuki Udon

I giapponesi amano i piatti a base di noodle udon, di cui esistono tantissime varianti regionali: la più famosa è la “Sanuki-udon” tipica della Prefettura di Kagawa. La ricetta è semplicissima e si basa su tre ingredienti, farina, sale e acqua, ma gli udon sanuki si contraddistinguono per la forma quadrata degli “spaghetti” che presentano estremità piatte.

Il termine “sanuki” deriva dall’antico nome della Prefettura di Kagawa e il piatto è particolarmente apprezzato per la sua consistenza e il sapore gustoso, nonché per i tanti abbinamenti che si possono realizzare con i noodle: nella maggioranza dei ristoranti è possibile scegliere tra vari ingredienti, tra cui anche la tempura, da accompagnare agli udon. Se ne avete l’occasione vi consiglio di provare questa famosa specialità regionale, che si può trovare anche in tante altre zone del Giappone ed è piuttosto economica, con prezzi che partono da 100 a 200 yen per una porzione di udon.

Cottura e condimenti: come ordinare i sanuki udon

I noodle sanuki udon possono essere preparati in due modi: “al dente” quando vengono passati in acqua fredda dopo la cottura per mantenerne la consistenza oppure morbidi se invece vengono serviti subito al termine della cottura.

Nel primo caso i noodle udon “al dente” possono essere conditi in tre varianti: “Kake-udon” ovvero immersi in un’abbondante dose di zuppa a base di salsa di soia e brodo di pesce, “Bukkake-udon” quando i noodle vengono cosparsi da una salsa mista a base di salsa di soia e brodo e infine “Shoyu-udon”, che consiste semplicemente nell’aggiungere la sola salsa di soia. Questo ultimo metodo è considerato il migliore se volete gustare pienamente il vero sapore degli udon.

Nel caso invece di udon “morbidi” ci sono due alternative per servirli: “Kamaage”, ovvero in una zuppa a base di brodo e salsa di soia e “Kamatama” in cui i noodle sono conditi con una salsa fatta di uova fresche, salsa di soia e brodo.

Ogni ristorante propone inoltre la propria specialità della casa, ad esempio i sanuki udon al curry, o il kitsune udone, che prevede del tofu fritto. In ogni caso in gran parte delle attività, soprattutto quelle che offrono un servizio self-service, troverete una sorta di guida in inglese che vi spiega come ordinare i sanuki udon e quali tipologie di condimenti e ingredienti extra sono presenti.

I ristoranti di sanuki udon

Solo nella prefettura di Kagawa si contano circa 700 ristoranti di sanuki udon. Alcuni di questi offrono un servizio standard, con personale che serve i piatti, ma lo stile più popolare nella Prefettura di Kagawa è il self-service: i clienti possono in questo modo scegliere gli abbinamenti e i condimenti preferiti. Oltre ai ristoranti a conduzione indipendente troverete catene specializzate in sanuki udon in tutto il Giappone: le più famose sono “Sanuki Udon Hanamaru” e “Marugame Seimen”.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).