Rovine del Castello di Fukuoka

Passeggiando dalla stazione di Ohorikoen, i suoni della città svaniscono e vi ritroverete ai margini del Parco Maizuru Park: al suo interno, le grandiose rovine di un antico castello evocano tempi ormai lontani e regalano viste spettacolari. Il parco, che si estende nel cuore della città di Fukuoka, prende il nome dallo pseudonimo del castello, Castello Maizuru che durante il periodo Edo (1603-1867) era il più grande castello di Kyushu, ma fu quasi completamente demolito con l’avvento del Rinnovamento Meiji in quanto simbolo indesiderato del passato feudale.

Al giorno d’oggi rimangono solo il fossato, le mura in rovina e alcune torrette, ma il parco attrae numerosi visitatori con i suoi sentieri silenziosi immersi nel verde e alcuni punti panoramici.

Le origini del castello

Il castello di Fukuoka fu costruito all’inizio del XVII secolo per volere del signore feudale Kuroda Nagamasa, posto al comando della regione di Chikuzen (parte della odierna prefettura di Fukuoka) per il suo sostegno a Tokugawa Ieyasu durante la battaglia di Sekigahara. Il clan Kuroda governò dal castello per oltre due secoli fino all’abolizione del sistema feudale nel 1870.

Il parco in primavera

Il momento migliore per visitare le rovine del castello è tra la fine di marzo e l’inizio di aprile, quando il Parco Maizuru diventa il luogo più bello della città per ammirare i fiori di ciliegio. I sentieri sono fiancheggiati da alberi di ciliegio dalla chioma folta che danno vita ad un tunnel romantico di petali rosa da attraversare a piedi con il naso all’insù; i prati in questo periodo sono affollati di famiglie che si ritrovano per festeggiare il tradizionale hanami, scattando foto, gustandosi un picnic all’ombra e godendosi questo spettacolo effimero.

Visitare le rovine del castello

Tra i pochi edifici del castello sopravvissuti o ricostruiti vi sono alcune porte e torrette di guardia sparse in vari punti del parco che creano un interessante contrasto con la natura circostante. Anche alcune parti della rete degli storici fossati rimangono, in particolare sul confine settentrionale del Parco Maizuru e davanti al grande lago che occupa il cuore del vicino Parco Ohori.

Le mura in pietra del castello di Fukuoka sono l’elemento che coglie maggiormente l’attenzione per le loro dimensioni e per i numerosi livelli concentrici che permettevano di avere una maggiore protezione dall’attacco dei nemici. Ciascun livello di mura conduce sempre più in alto sopra la città, e proprio al centro, dove un tempo si trovava l’edificio principale, oggi si trova una piattaforma panoramica che offre una vista a 360° della città e rivela la posizione estremamente strategica del castello.

La guest house dei diplomatici stranieri

Le rovine di un korokan, un’antica guest house per diplomatici stranieri, furono scoperte nel Parco Maizuru Park nel 1987, confermando ancora una volta il ruolo di Fukuoka come porto d’ingresso del Giappone e fulcro degli scambi con l’estero durante il periodo Heian (795-1185). Il korokan è l’unico del suo genere ad essere stato ritrovato in Giappone, ed è possibile visitarlo gratuitamente.

Come arrivare

Le rovine del Castello di Fukuoka sono raggiungibili in 10-15 minuti a piedi dalla stazione della metropolitana di Ohorikoen.

Informazioni generali per la visita

Il parco Maizuru è sempre aperto e accessibile gratuitamente tranne durante gli eventi di illuminazione stagionale e i festival.

 

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).