Cosa vedere a Reykjavík

Situata nel sud-ovest dell’Islanda, Reykjavik è una destinazione turistica popolare tra i viaggiatori amanti dei paesi freddi e della natura incontaminata. È generalmente il punto di partenza e di arrivo di ogni vacanza islandese e vale la pena dedicarle almeno un paio di giornate per visitare le sue attrattive principali: vediamo insieme quali sono.

Via Laugavegur

Laugavegur è la principale via dello shopping di Reykjavik. Situata nel cuore della città, Laugavegur è una delle strade più antiche della capitale. Il nome si traduce come “strada del lavaggio” in quanto porta a una sorgente termale dove un tempo le donne Reykjavik facevano il bucato. Laugavegur è ricca di negozi di marchi prestigiosi piuttosto costosi, ospitati spesso in edifici storici, e qui si trovano anche alcuni dei migliori ristoranti della città, club e locali che animano le notti del centro, in particolare nel fine settimana.

Museo delle Saghe

Il Museo delle Saghe è dove la storia islandese prende vita attraverso personaggi di cera e scenari che ricreano in maniera realistica vicende storiche, insediamenti e altri avvenimenti dal tempo dei primi coloni. Il museo ricrea intimamente momenti chiave della storia islandese che offrono una visione avvincente di come gli islandesi hanno vissuto per più di un millennio.

Árbaer Open Air Museum

Il Museo all’aperto di Árbaer è un ottimo posto per conoscere il passato di Reykjavik. È un villaggio costruito attorno ad una fattoria rimasta in funzione fino al 1957, quando venne trasformata in museo di storia. All’Árbaer Open Air Museum potete vedere come vivevano in passato i residenti di Reykjavik in maniera molto realistica, con il personale che indossa costumi d’epoca. Venti edifici sono stati trasferiti dal centro di Reykjavik per formare il museo. Le mostre offrono uno sguardo su varie epoche del passato, con regolari eventi, tra cui giornate artigianali e mostre di auto d’epoca, che forniscono ulteriori informazioni.

Harpa

Sebbene sia stato aperto solo nel 2011, Harpa è già considerato uno dei più grandi gioielli architettonici di Reykjavik. Si tratta di un centro conferenze e sala concerti conosciuto per il suo design contemporaneo: diversi pannelli di vetro colorato circondano la struttura in acciaio dell’edificio. Fu il primo edificio di Reykjavik costruito espressamente per ospitare concerti e oggi ospita diversi eventi che includono la Giornata internazionale del jazz e il Festival della cultura per bambini di Reykjavik.

Old Harbour (Porto Vecchio)

Con la presenza della sala da concerti e centro conferenze Harpa, nonché tanti luoghi e attività interessanti, il pittoresco Old Harbour, costruito tra il 1913 e il 1917, sta rapidamente diventando uno dei quartieri prominenti e più vivaci di Reykyavik. Oltre ad essere un bel posto per passeggiare con viste mozzafiato sulla baia fino al Monte Esja, dai moli partono crociere di osservazione delle balene e gite in barca; è anche sede dell’eccellente Museo Marittimo Víkin e dell’Icelandair Hotel Reykjavík Marina.

Perlan

Perlan è uno degli edifici simbolo di Reykjavik riconoscibile dalla sua cupola di vetro rotante. È una struttura polifunzionale: è sede di mostre e concerti, di un giardino d’inverno, ristoranti e cafè, un planetario e vanta una piattaforma panoramica dove godersi splendide viste di Reykjavik e della zona circostante. C’è anche un geyser artificiale all’esterno dell’edificio.

Settlement Exhibition

Coloro che sono interessati alle origini e alla storia di Reykjavik e dell’Islanda troveranno sicuramente interessante la mostra sull’insediamento curata dal Museo della città. La mostra si incentra su una sala che si pensa fosse una struttura abitata dall’anno 910 al 1000, e portata alla luce solo nel 2001. Si ritiene sia tra le più antiche strutture dell’Islanda. La mostra include anche manufatti e reperti usati dai vichinghi.

Chiesa Hallgrimskirkja

Hallgrimskirkja è una chiesa luterana nel centro di Reykjavik, ma non è una chiesa qualsiasi: è la chiesa più grande dell’Islanda e, con i suoi 75 metri di altezza, uno degli edifici più alti del paese. È un punto di riferimento inconfondibile con il suo design modernista che ricorda la vetta di una montagna ed è proprio ai monti, alle rocce e ai ghiacciai dell’Islanda che si ispira il progetto.

Scultura Solfar (Sun Voyager)

Progettata da Jon Gunnar Arnason nel 1990, la scultura Solfar, nota anche come Sun Voyager, si trova lungo la via Saebraut Road, affacciata sul mare. È un’enorme scultura astratta in acciaio che ricorda una nave ed è considerata un’ode al sole.

Museo Nazionale d’Islanda

Il Museo Nazionale d’Islanda mette in mostra la storia del paese dall’insediamento dei Vichinghi ad oggi. Il museo, istituito nel 1863, narra nei dettagli l’era degli insediamenti, raccontando come governarono i capi vichinghi e mettendo in mostra una bella collezione di oltre 2.000 reperti, tra cui spade, una statua in bronzo di Thor (il dio norvegese del tuono) e tanti altri oggetti. Tuttavia il pezzo più prezioso è l’elaborata porta della chiesa di Valþjófsstaðir, risalente al tredicesimo secolo.

Videy Island

Un’isola dove arte, storia e natura si incontrano al largo della costa della città. La combinazione di viste mozzafiato, rovine storiche e opere d’arte contemporanea rendono l’isola di Videy qualcosa di speciale. Una breve gita in barca dal molo di Skarfabakki permette di raggiungere l’isola e una volta arrivati troverete una vasta rete di sentieri per esplorarla a piedi o in bicicletta.

Lago Tjörnin

Che si presenti come uno specchio ghiacciato o vestito delle tonalità brillanti dell’estate, il piccolo lago Tjörnin è incantevole in ogni stagione ed è una delle attrazioni più fotografate di Reykjavík. Incorniciato dall’imponente Municipio di Reykjavík e da numerose case storiche splendidamente colorate, è un lago naturale, dimora di varie specie animali, tra cui anatre, cigni e oche. È un ottimo posto per passeggiare e una destinazione popolare per le famiglie di Reykjavík.

Laguna Blu

La Laguna Blu è una delle principali attrazioni turistiche islandesi: le sorgenti termali avvolte da un paesaggio di campi di lava offrono un’esperienza unica.

Si trova ad appena 15 km dall’aeroporto internazionale e a mezz’ora di auto dalla capitale Reykyavik, il che la rende perfetta per una gita per alleviare il jet lag all’arrivo o per rilassarsi prima di lasciare il paese. Il complesso comprende saune, una cascata calda, trattamenti e massaggi in acqua utilizzando i prodotti naturali.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).