Cosa vedere in Nepal

Che sia per scalare la vetta del Monte Everest o rendere omaggio alla casa natale del Buddha, un viaggio in Nepal è il sogno di molti viaggiatori. Situato nell’Asia meridionale, lungo la catena montuosa dell’Himalaya tra la Cina e l’India, il paese vanta paesaggi diversi, dalle montagne innevate alle foreste subtropicali. La cultura del Nepal è altrettanto varia, piena di templi e santuari secolari, un ricco programma di festival colorati e souvenir artigianali da acquistare. Tanti sono i luoghi che meritano di essere visitati in questo paese: scopriamo insieme le attrazioni da non perdere. 

Kathmandu

La capitale del paese, Kathmandu, è il luogo in cui generalmente inizia l’avventura in Nepal, dato che tutti i voli internazionali arrivano all’aeroporto della città. Metropoli affollata, Kathmandu è un caotico mix di negozi turistici, agenzie di trekking, hotel, ristoranti, siti religiosi e botteghe artigiane.

La famosa Piazza Durbar della città è stata danneggiata dai recenti terremoti, ma ci sono molti siti intatti che vale la pena esplorare. Situato su una collina verdeggiante, l’antico complesso buddista di Swayambhunath è un’attrazione da non perdere e offre ampie vedute della valle di Kathmandu.

Boudhanath

Il Boudhanath è uno stupa situato appena fuori Kathmandu, ed è uno dei più grandi stupa del suo genere al mondo. Risale all’incirca al VI secolo ed è un patrimonio mondiale dell’UNESCO. 

Lo stupa stesso è un simbolo di illuminazione e ogni forma geometrica indica uno dei cinque elementi, terra, acqua, fuoco, aria e sfera, che sono rappresentati nei cinque Buddha.

Bhaktapur

Una delle tre antiche capitali della valle di Kathmandu, Bhaktapur si è magnificamente conservata nonostante i terremoti del 2015. Templi e santuari sono le principali attrazioni di questo luogo noto come la “Città dei Devoti”, assieme alla piazza centrale della città, che ospita il noto “Palazzo delle 55 finestre”, una struttura del XV secolo oggi sede della Galleria d’arte nazionale. Meno affollata e frenetica della vivace Kathmandu, Bhaktapur offre piacevoli passeggiate attraverso piazze medievali, vicoli tortuosi e strade pedonali.

Circuito di Annapurna

Il circuito di Annapurna, nel nord-ovest del Nepal, offre agli escursionisti un’esperienza all’aperto unica. Il percorso di trekking conduce i viaggiatori verso l’Himalaya, attraverso gole, altopiani del deserto e lussureggianti vallate punteggiate da fattorie e terrazzamenti di riso. Il circuito, che parte a est di Pokhara, passa anche da numerosi siti religiosi e villaggi caratteristici con un viaggio che dura in totale circa tre settimane, sebbene sia possibile fare anche solo una parte del percorso. La regione di Annapurna offre inoltre tante altre opzioni sia di breve che di lunga durata per chi vuole passeggiare, tra cui il popolare sentiero Annapurna Sanctuary Trek, con rifugi e stazioni di sosta dove degustare del tè a intervalli di un’ora o meno.

Pokhara

Con i suoi laghi placidi, le rive verdeggianti e le viste sulle montagne, Pokhara è una destinazione turistica popolare tra i viaggiatori di tutto il mondo. Considerata la porta di accesso alla regione dell’Annapurna nel nord-ovest del Nepal, la cittadina offre un po’ di riposo agli escursionisti, ma anche possibilità di dedicarsi ad attività all’aria aperta, da piacevoli gite in barca a remi al rafting. Il più grande dei tre laghi di Pokhara, il lago Phewa, è circondato da hotel, ristoranti, bar e negozi di lusso.

Patan

Situato di fronte al fiume Bagmati da Kathmandu, Patan è famoso per i suoi artigiani e per la sua architettura del diciassettesimo secolo. I palazzi, i cortili e i templi di piazza Durbar sono le principali attrazioni della città e qui trovate anche il tempio in pietra di Krishna, con la sua facciata a più colonne e le guglie dorate. Patan è inoltre uno dei posti migliori in Nepal per acquistare gli splendidi sari fatti a mano in seta che un tempo erano l’indumento tipico di re e aristocratici.

Lumbini

Le folle di pellegrini buddisti sono una costante a Lumbini, il luogo di nascita tradizionale di Siddhartha Gautama, ovvero il Buddha. Con reperti archeologici risalenti al 550 a.C. circa, il leggendario sito attira studiosi, scienziati e visitatori curiosi. Fu qui che la madre di Buddha, Maya Devi, partorì vicino a un albero nel giardino, dove oggi sorge un tempio che porta il suo nome. Situato al centro di un piccolo parco progettato dall’architetto giapponese Kenzo Tange, il complesso ospita anche numerosi monasteri, laghetti, centri di meditazione e strutture culturali.

Parco nazionale di Chitwan

Una delle migliori destinazioni in Asia per osservare la fauna selvatica, il Chitwan National Park nel Nepal centro-meridionale è la casa di numerose specie rare e in via di estinzione come la tigre del Bengala e il rinoceronte indiano. Qui potrete vedere da posizione ravvicinata animali come elefanti, leopardi, bisonti indiani, rinoceronti e altri con safari in jeep, trekking guidato nella giungla, e gite in canoa.

Regione di Helambu

La regione di Helambu è un’altra famosa area per il trekking, con numerose compagnie che offrono escursioni guidate. Ciò è in gran parte perché si trova nelle vicinanze di Kathmandu, non raggiunge altitudini elevate e offre alcuni splendidi scenari montani. Sebbene non sia molto impegnativo rispetto ad altri trekking, richiede comunque un po’ di fatica. Il percorso circolare Helambu Trek parte e arriva a Kathmandu e può essere completato in 5-8 giorni.

Khumbu e Monte Everest

Ogni anno, la determinazione a raggiungere la cima del Monte Everest porta migliaia di viaggiatori avventurosi a Khumbu, la regione dell’Everest situata nel Nepal nord-orientale. Il viaggio inizia alla pista di atterraggio di Lukla, dove un sentiero a due corsie conduce gli scalatori al campo base dell’Everest. Situato all’interno del Parco Nazionale Sagarmatha, Khumbu ospita il villaggio Sherpa di Namche Bazaar, dove vengono organizzate la maggior parte delle spedizioni sul monte. Qui si trova anche il principale centro buddista del paese, il Monastero Tengboche, che offre una varietà di comodi alloggi, molti dei quali offrono viste mozzafiato sulla montagna più alta del pianeta.

Regione di Langtang

La regione di Langtang, sede del Langtang National Park, è un’altra zona perfetta per le escursioni, con percorsi che passano attraverso vecchi monasteri e splendidi paesaggi montani con foreste di rododendri. Nonostante la sua vicinanza a Kathmandu, è meno frequentato dai turisti, il che lo rende ideale per chi cerca un’esperienza più tranquilla. Ci sono villaggi con pensioni e cibo lungo tutto il percorso, anche se un po’ più sparsi che in altre regioni di trekking. Le lunghezze e la durata del trekking vanno da pochi giorni a un paio di settimane a seconda del percorso.

Nagarkot

Il villaggio di Nagarkot è perfetto per coloro che vogliono sperimentare la bellezza e la maestosità dell’Himalaya senza un’intensa attività fisica: è famoso per i panorami che offre sulle montagne e sulla valle di Kathmandu. Dispone di una grande varietà di ottimi hotel in ogni fascia di prezzo, molti dei quali si trovano a pochi passi dalla torre panoramica di Nagarkot, il miglior posto in Nepal per vedere il sole che sorge sull’Himalaya.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).