Cosa vedere a Jerez De La Frontera

Nonostante la sua bellezza e la fama mondiale del suo sherry, Jerez De La Frontera è spesso trascurata dai visitatori dell’Andalusia, che preferiscono altre mete come Granada, Córdoba e Siviglia. Per i viaggiatori che amano esplorare luoghi fuori dai sentieri turistici battuti, Jerez De La Frontera riserva però bellissime sorprese, dai quartieri dove riecheggia il flamenco all’imponente fortezza dell’Alcazar, retaggio del dominio moresco. Eccovi una panoramica delle migliori cose da fare e da vedere a Jerez De La Frontera.

Alcazar

Una delle principali attrazioni architettoniche di Jerez, l’Alcazar risale all’XI e al XII secolo, periodo in cui la città era sotto il dominio moresco, ed è una delle fortezze meglio conservate dell’Andalusia. Ancora oggi si possono visitare le mura difensive e le torri di guardia, nonché un moschea interna. I tranquilli giardini ricreano l’atmosfera dei tempi moreschi con aiuole geometriche, fontanelle e gli Almohad Baños Árabes, edifici che ospitavano i bagni arabi. 

Catedral de San Salvador (Cattedrale di Jerez)

A soli due minuti a piedi dall’Alcazar si trova l’altro edificio storico più importante di Jerez, la Cattedrale della città, un mix sorprendentemente armonioso di stile barocco, neoclassico e gotico. Costruita tra il 1695 e il 1778 sul sito di un’antica moschea, la Catedral de San Salvador è stata designata come tale solo nel 1980. Il suo campanile in stile gotico-mudéjar si erge a parte dalla struttura principale. Dietro l’altare maggiore, una serie di stanze e cappelle espone la collezione di argenteria, abiti religiosi e arte della cattedrale. È inoltre possibile accedere ad un cortile alberato di aranci.

Scuola reale d’arte equestre

La Scuola Reale Andalusa di Arte Equestre di Jerez è famosa in tutto il mondo per il suo spettacolo chiamato “How the Andalusian Horses Dance“, una mostra prestigiosa di equitazione che mette in risalto la magnifica agilità dei cavalli spagnoli della scuola e l’abilità degli addestratori. Oltre allo spettacolo, potete assistere agli addestramenti, visitare le strutture di formazione, il Museo di arte equestre e il Museo delle carrozze.

Bodegas Tradición

Una delle cose più belle da fare a Jerez è visitare le “bodegas” (aziende vinicole) per una degustazione di sherry, un vino liquoroso prodotto a Jerez. La Bodegas Tradición è una delle più storiche e più famose, non solo per la sua ottima selezione di sherry extra-invecchiati (20- 30 anni) ma anche perché ospita la Colección Joaquín Rivero, una collezione d’arte spagnola privata del XIV-XIX secolo che comprende importanti opere di Goya, Velázquez, El Greco e Zurbarán. I tour di un’ora e mezza richiedono la prenotazione e includono una degustazione.

Tio Pepe Bodegas

Lo sherry più famoso del mondo nacque a Jerez nel 1835 da Manuel González Angel, che imparò tutto sulla vinificazione da suo zio (da cui prende il nome la bodega). Per scoprire i secolari segreti della produzione dello sherry, fate un tour delle bellissime cantine di Tio Pepe e concludete con una degustazione di sherry e tapas.

Lustau

Uno dei produttori di sherry di maggior successo di Jerez, Lustau è stato fondato nel 1896. Da allora il marchio è diventato immediatamente riconoscibile per le sue bottiglie nere dal contorno liscio. Visite e degustazioni si svolgono più volte alla settimana e includono la visita alla bella cantina Lustau, all’ombra dei vigneti, e una degustazione di vini.

Centro Andaluz de Flamenco

Molti appassionati vi diranno che Jerez è la vera patria del flamenco in quanto alcuni dei suoi più famosi praticanti moderni provengono proprio da questa città. Potete conoscere meglio questa singolare arte presso il Centro Andaluso di Flamenco della città che racchiude migliaia di stampe e opere musicali. I video di flamenco vengono proiettati tra le 9:30 e le 13:30 e il personale fornisce indirizzi dei numerosi locali che ospitano spettacoli di flamenco. L’annuale Festival di Flamenco si tiene tra la fine febbraio e l’inizio marzo

Città Vecchia

Resterete completamente affascinati dal centro storico di Jerez. Qui un reticolato di strade si apre su piazze vivaci come Plaza de la Yebra, sede di un romantico gruppo di bar di tapas popolari tra la gente del posto e Plaza del Arenal, un tempo il grande scenario delle corride e delle esibizioni equestri. Di fronte all’Iglesia San Dionisio si trova il bellissimo palazzo del vecchio Municipio di Jerez, l’Antiguo Cabildo. Progettato da due importanti architetti locali e costruito nel 1575, è fronteggiato da un’intricata facciata rinascimentale con statue di Ercole e Giulio Cesare a guardia dell’ingresso principale.

Tabanco El Pasaje

I bar locali di Jerez specializzati in sherry e vini locali e sono chiamati tabancos. Uno dei più antichi e migliori è Tabanco El Pasaje: situato nel cuore della città vecchia, ospita anche spettacoli di flamenco dal vivo nei suoi ambienti interni raccolti.

Mercado Central de Abastos

Il Mercado Central de Abastos di Jerez si trova nel cuore della città, situato in un edificio neoclassico costruito nel 1885. Questo mercato storico e tradizionale è il luogo perfetto per assaporare le specialità locali. Offre una superba selezione di sezioni per frutta e verdura, pesce fresco e carne e formaggio, oltre a bancarelle per l’acquisto di sherry alla spina. È molto popolare tra la gente del posto ed è un ottimo posto per fare shopping o semplicemente per conoscere la cultura locale. Churros e caffè sono disponibili in una bancarella nella piazza esterna.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).