Come muoversi a Londra

Londra dispone di un’estesa rete di mezzi pubblici, che comprende metro, autobus, treni, tram e traghetti, tutti ben integrati tra loro e utili per raggiungere ogni punto della città. La metro, la famosa “tube” è di certo il mezzo più semplice e utilizzato per spostarsi rapidamente a Londra, ma molti turisti non disdegnano anche un giro sui mitici bus rossi a due piani che, seppur siano un mezzo più lento, permettono di ammirare la città stando comodamente seduti. Alcune delle principali attrazioni si trovano a distanza abbastanza ravvicinata l’una all’altra, quindi nelle giornate di bel tempo si può anche pensare di esplorare la città a piedi o in bicicletta.  Guidare a Londra non è quindi necessario e nemmeno consigliabile, considerato il traffico, i costi e le difficoltà di parcheggio.

Se avete in programma di visitare la capitale inglese, eccovi una guida su come arrivare e spostarsi in città.

Dagli aeroporti al centro

Londra è servita da ben 5 aeroporti, tutti comunque ben collegati al centro con treni, autobus e metro. Da tutti gli aeroporti sono disponibili naturalmente i taxi, ma non ve li consiglio per i costi elevati e i tempi di percorrenza maggiori, soprattutto nelle ore di punta. Le alternative migliori da ciascun aeroporto sono:

  • Heathrow Airport. È l’aeroporto più grande di Londra e da qui il modo più veloce per arrivare in centro (stazione di Paddington) è il treno Heathrow Express che giunge a destinazione in soli quindici minuti.  In alternativa c’è la linea della metro Piccadilly Line che vi porta in centro in poco meno di un’ora.
  • Gatwick Airport. Dal secondo aeroporto più grande della città vi consiglio di prendere il treno Gatwick Express, che vi porterà alla stazione Victoria in circa 30 minuti, con partenze ogni 15 minuti.
  • Stansted Airport. Molto utilizzato da compagnie low cost come Ryanair ed Easy Jet, da qui potete arrivare in centro in circa 45 minuti con il treno veloce Stansted Express che ferma alla stazione di Liverpool Street.
  • Luton Airport. Anche questo serve principalmente voli low cost e da qui potete prendere il treno che raggiunge in circa 40 minuti la stazione di King’s Cross. La stazione da cui partono i treni, la Parkway Station, dista un paio di km dai terminal ma è disponibile una navetta gratuita.  in soli 5 minuti.
  • City Airport. Situato vicino al distretto finanziario di Londra, è stato pensato per la clientela business con voli soprattutto per l’Europa. Da qui si arriva velocemente in città con DLR (Docklands Light Railway) una linea che in 20 minuti circa arriva alla stazione Bank, da dove è possibile proseguire con la metro verso altre zone della città.

Spostarsi in città

Biglietti e pass

Il sistema tariffario dei mezzi pubblici di Londra può sembrare un po’ complicato da comprendere all’inizio, data la moltitudine di tipologie di biglietti e pass, ma in realtà come turisti ci sono poche soluzioni comode e convenienti da utilizzare. Nonostante sia possibile acquistare dei biglietti singoli alle macchinette, è un’opzione consigliabile se ad esempio fate solo un paio di viaggi  con i mezzi durante tutto il viaggio, altrimenti si rivela molto più costoso rispetto ai vari pass e carte prepagate. Fatta eccezione per tram e autobus, le tariffe delle corse variano in base al momento della giornata (nelle ore di punta costano di più) e alle zone in cui è suddivisa la città, ma la maggior parte delle attrazioni si trovano all’interno delle zona 1 e 2. Tra le soluzioni migliori per viaggiare sui mezzi ci sono:

  • Oyster Card. La Oyster Card è una tessera prepagata ricaricabile di cui esistono due versioni, quella standard, ideale se vi fermate più di due giorni o se tornate spesso a Londra, e quella pensata per i visitatori, la Visitor Oyster Card, che potete acquistare anche prima di arrivare in città. Costa 3 sterline e potete utilizzarla su metro, autobus, treni, tram e DLR, oltre che per il servizio ferroviario da/per l’aeroporto di Gatwick. La Visitor Oyster Card comprende inoltre vari sconti ad attrazioni e musei della città. Il prezzo di ogni singolo viaggio varia come detto prima in base alle zone e agli orari, ma con la Oyster è previsto un limite giornaliero di addebito pari a 6,60 sterline, a prescindere dal numero di viaggi che farete.
  • Travel Card. La Travel Card è invece un pass, che offre corse illimitate su autobus, compresi quelli rossi a due piani, metro, DLR, tram e sulla maggior parte delle linee ferroviarie che servono la città, ma non sui battelli. Potete acquistarla sia in formato cartaceo che caricarla sulla Oyster Card ed è disponibile in versione giornaliera, settimanale e mensile. È più costosa della Oyster Card e meno conveniente se vi trattenete solo pochi giorni: per 24 ore il pass costa 12,30 sterline. Se invece vi fermate una settimana e usate spesso i mezzi pubblici, allora la Travel Card è più vantaggiosa e ha un prezzo di 33 sterline.

La metropolitana

La “tube” è un mezzo indispensabile per muoversi a Londra ed è molto semplice da utilizzare. Conta 11 linee, alcune delle quali restano in funzione fino all’1:00, mentre altre, quelle principali, sono attive 24 ore su 24. La metropolitana di Londra è la più antica del mondo, ma non tutte le linee sono state costruite nello stesso periodo storico e per questo alcune sono più moderne e veloci, mentre altre hanno un aspetto retrò e sono un po’ più lente. Prendere la metro a Londra non è solo un modo per ridurre i tempi degli spostamenti: a volte è un vero e proprio piacere anche per gli occhi, dato che molte stazioni della metro sono abbellite con bellissimi decori artistici e dettagli architettonici risalenti al periodo in cui fu costruita la metro.

Tra le linee più interessanti per i turisti ci sono:

  • Victoria Line (linea azzurra). In funzione per 24 ore, attraversa Londra da sud-ovest a nord-est ed effettua poche fermate, con treni ogni 10 minuti. Parte da Vauxhall, a sud del Tamigi, e ferma nei pressi di Victoria Station, St. James, Oxford Circus e King’s Cross;
  • Piccadilly (linea blu), attiva 24 ore, parte dall’aeroporto di Heathrow e ferma a Piccadilly Circus, Leicester Square e Covent Garden.
  • Bakerloo (linea marrone), oltre a fermare a Piccadilly Circus e Oxford Circus, porta alla stazione di Paddington, da cui prendere i treni per l’aeroporto.
  • Jubilee (grigio). Sempre attiva e molto utile e veloce permette di arrivare a Westminster e al London Bridge.
  • Central Line (linea rossa). Utilissima e attiva 24 ore su 24, è una delle linee più antiche. Taglia la città da ovest a est, passando per Notting Hill, Oxford Circus e la Cattedrale di St. Paul.
  • Circle Line (linea gialla) e District Line (linea verde). Condividono in parte lo stesso percorso, passando da Bayswater, Notting Hill e South Kensigton.

I prezzi di una corsa in metro partono da 2, 20 sterline per la zona 1 con la Oyster Card e fino a 5 sterline per la zona 6.

Il treno

Come la metro, il treno è un’opzione veloce per spostarsi e potete utilizzare la Travel Card o la Oyster Card per viaggiare.  Non è però molto utilizzato dai turisti, poiché fatta eccezione per una linea (Thameslink) che attraversa il centro da nord a sud, i treni servono per lo più le zone periferiche. Potrebbero però tornarvi utili se avete in programma di visitare Wimbledon, Hampton Court, Windsor Castle, Greenwich o se dovete raggiungere gli aeroporti di Heathrow, Gatwick e Stansted, per i quali sono disponibili dei treni express.

DLR

La DLR è un servizio ferroviario che serve East London, ovvero tutte le zone a est e sud-est della città, incluso il City Airport.  Si incontra con la metro in varie stazioni, tra cui Bank e Tower Gateway (Tower Hill), Stratford, Heron Quays, Canning Town e Canary Wharf. Il vantaggio di viaggiare su questi treni, oltre alla velocità, è il fatto che le linee attraversano alcune delle zone più suggestive e panoramiche della città, incluse le Docklands dove sorgono alcuni dei grattacieli più belli di Londra.

Autobus

Ovviamente gli autobus non sono veloci quanto la metro, ma hanno il vantaggio di offrirvi certamente un tragitto più panoramico di spostamento dei treni o della metro. A differenza di altre città, a Londa non è possibile acquistare i biglietti a bordo dell’autobus quindi è indispensabile avere un pass o una carta prepagata oppure comprare il biglietto in anticipo in uno dei negozi dedicati.  Girare a bordo degli autobus può essere un’alternativa economica ai tour hop-on hop-off, e una delle linee più interessanti è la n. 14, che potete prendere a Piccadilly Road; passa accanto a da Hyde Park, Chelsea e  South Kensington fermando vicino ad attrazioni interessanti come il Victoria and Albert Museum e Harrods.

Gli autobus applicano un prezzo fisso di 1,50 sterline con la Oyster Card, indipendentemente dalla zona in cui si viaggia, e un limite massimo giornaliero di addebito di 4,50 sterline.  Se pensate di usare solo gli autobus potete acquistare un pass giornaliero valido esclusivamente su bus e tram al prezzo di 5 sterline.

La maggior parte delle linee operano fino a poco dopo la mezzanotte, ma esiste anche un servizio notturno sulle linee principali ma con due modalità: alcune linee mantengono inalterato il loro itinerario, mentre altre, distinte dalla lettera “N” davanti al numero della linea, seguono una rotta simile a quella diurna, ma con leggere modifiche.

Tram

La rete Tramlink non è molto utile a livello turistico poiché serve principalmente Croydon, nella parte sud di Londra, la quale non è ben servita dagli altri mezzi su rotaia.

Bicicletta

Se visitate Londra nella bella stagione, uno dei modi migliori e più divertenti per esplorare il centro e passare velocemente da un’attrazione all’altra, è la bicicletta e oggi, grazie alle recenti aggiunte di nuove piste ciclabili su molte strade, girare in bicicletta è ancora più sicuro. Qualora aveste deciso di spostarvi sulle due ruote, potete usufruire del sistema di noleggio pubblico Santander Cycles che dispone di varie stazioni  sparse per la città. Basta registrarsi oppure fornire una carta di credito al momento del noleggio e pagare l’abbonamento giornaliero o una tariffa a tempo (2 sterline ogni 30 minuti), con i primi 30 minuti gratis.

Taxi

I famosi taxi neri sono un simbolo di Londra e, seppur costosi, farci un giro è davvero un’esperienza unica. Ne vedrete moltissimi girare per la città e potete fermarli con un cenno oppure prenotarli al telefono o salire nelle varie aree di sosta accanto a hotel e stazioni principali. Ovviamente sono abbastanza cari: si parte da un minimo di 2,40 sterline e la tariffa per un tragitto breve di 2 km si aggira intorno alle 10 sterline. In alternativa ci sono anche i minicab, auto private che non possono prendere i passeggeri per strada, ma vanno prenotati in anticipo. La mancia non è obbligatoria, ma si usa lasciare un 10% o arrotondare l’ammontare della corsa.

Traghetti

I traghetti rappresentano un’ottima alternativa per spostarsi tra le attrazioni e i quarieri situati lungo il Tamigi e inoltre offrono la possibilità di ammirare lo skyline di Londra dall’acqua.

Ci sono varie partenze giornaliere e circa 15 moli lungo il fiume, che consentono di fermarvi vicino al London Eye, al Tate Modern Musem, la Torre di Londra, nel quartiere di Greenwich, ecc. Il percorso totale, da Greenwich fino a Embankment richiede circa 45 minuti, tempo ideale per una bellissima crociera che passa anche sotto il Tower Bridge. Il prezzo del biglietto dipende dalla distanza percorsa, ma da Westminster a Greenwich mettete in conto almeno 7-8 sterline.