Castello Maruoka

Viene chiamato il “castello della nebbia” per via di una leggenda secondo la quale una spessa coltre di nebbia avvolgerebbe questa fortezza in caso di avvicinamento dei nemici: nebbia o no, il Castello Maruoka resta uno dei tesori storici più importanti del Giappone. Costruito nel 1576 è infatti non solo uno dei 12 castelli giapponesi che ancora oggi conservano intatte le loro strutture originali, bensì anche il più antico.

La fortezza sorge in cima ad una piccola collina nel nord della città di Fukui e il suo edificio centrale, sopravvissuto a guerre e demolizioni, oggi offre ai visitatori un viaggio nel tempo emozionante.

Un viaggio indietro nel tempo

Basta avvicinarsi al castello e visitare i suoi “apparenti” 3 piani per scoprire alcuni dettagli interessanti, tra cui la struttura interamente in legno, le tegole in pietra del tetto, e un livello nascosto, non visibile dall’esterno.

L’interno è spoglio, privo di mobilio e decori, ma troverete un percorso informativo che vi condurrà, piano dopo piano, alla scoperta della storia di questo luogo. Una ripida scalinata in legno conduce ai piani superiori e qui, sugli stessi gradini dove un tempo passavano signori feudali e samurai, oggi salgono i turisti i quali vengono premiati della fatica di raggiungere l’ultimo piano con una vista straordinaria sulla città e sul parco che circonda il castello.

Il giardino e il museo del castello

Il castello sorge su un terreno molto vasto che un tempo comprendeva un ampio complesso di edifici, una sorta di cittadella andata però distrutta: oggi resta solo la fortezza centrale. Tuttavia l’area circostante è stata trasformata in un bellissimo giardino che in primavera diventa una delle tappe principali della città per ammirare i fiori di ciliegio che sbocciano donando alla fortezza un’aria romantica. Ci sono infatti oltre 400 alberi piantati nel giardino che solitamente fioriscono attorno alla metà di aprile e in questa occasione si svolge un annuale festival con bancarelle che vendono delizie e bevande a tema “sakura” e una suggestiva illuminazione notturna che prevede l’utilizzo di centinaia di lanterne. Se viaggiate a Fukui in questo periodo non perdetevi l’occasione di visitare il Castello Maruoka alla sera. Al di là della primavera, il Castello Maruoka è bellissimo in ogni stagione: in inverno quando è avvolto dalla neve e in autunno quando le foglie dorate e rosse del giardino gli donano un tocco nostalgico.

Nel parco del castello è ospitato anche un piccolo museo nel quale è esposta un’interessante collezione di armi, armature di samurai, oggetti storici e personali appartenuti ai signori feudali che si sono avvicendati alla guida del castello.

Informazioni generali per la visita

Il Castello Maruoka è aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 17:00. Il costo di ingresso è 450 yen che include anche l’accesso al museo.

Come arrivare

Il Castello Maruoka è raggiungibile in autobus sia dalla stazione centrale di Fukui che dalla stazione della vicina località termale Awara Onsen. Dalla stazione di Fukui o da quella di Awara Onsen prendete un autobus diretto a Honmaruoka e scendete all’omonima fermata: il viaggio da Fukui dura circa 40 minuti, da Awara Onsen 20 minuti. In alternativa potete prendere un treno della linea JR Hokuriku Line dalla stazione di Fukui alla stazione Maruoka e da qui proseguire in autobus fino a destinazione.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).