Quanti giorni a Singapore

Singapore sta diventando una meta sempre più ambita: la “garden city” richiama i turisti con le sue strutture futuristiche e i numerosi parchi tropicali che si mescolano alle sue inconfondibili radici orientali. Essendo la sede di uno degli aeroporti più collegati e premiati del mondo, Singapore è uno scalo popolare di molti itinerari, quindi anche chi è di passaggio o deve attendere lunghi tempi tra un volo e l’altro si avventura alla scoperta della città. Ma quanti giorni servono per visitare Singapore? Sebbene non ci sia una risposta unica, il numero ideale di giorni sarebbe di 5-6 per riuscire a cogliere i vari aspetti della città. Tuttavia ci sono vari fattori da considerare, tra cui i vostri interessi, il vostro stile di vacanza e il budget a disposizione: Singapore infatti non è proprio una meta economica. Se non avete tempo o non disponete di sufficienti risorse finanziarie, non lasciatevi scoraggiare: anche trascorrere un periodo di uno-tre giorni a Singapore vi darà l’opportunità di avere una visione generale della città e abbastanza tempo per vedere le maggiori attrattive.

Un giorno a Singapore

Anche se riuscite solamente a ritagliarvi 24 ore per visitare Singapore perché siete di passaggio tra un volo e l’altro, potrete comunque vedere alcuni dei posti più interessanti della città. Il punto da cui partire è il Parco Merlion che si estende lungo l’acqua, offrendo un punto panoramico sul vicino Central Business District, sui Giardini della Baia, l’Esplanade e Marina Bay Sands. Una passeggiata in questi luoghi è perfetta per una giornata e se ne avete il tempo potete visitare Chinatown, Little India e Kampong Glam (quartiere tradizionale malese), tre quartieri etnici tutti percorribili a piedi e facilmente raggiungibili l’uno dall’altro. In alternativa potete acquistare un biglietto per uno dei servizi di autobus Hop On, Hop Off di Singapore che vi offrono una visione generale della città.

Tre giorni a Singapore

Tre giorni sono un arco di tempo sufficiente per poter visitare meglio Singapore e godersi una vacanza a ritmo più rilassato visitando le attrazioni citate in precedenza con maggiore calma e aggiungendo altre esperienze al viaggio: passeggiate nei Giardini Botanici della città, fate shopping nei negozi di Orchard Road, raggiungete lo zoo di Singapore per un safari notturno e salite sul tetto di Marina Bay Sands per viste sensazionali.

Se poi volete staccare la spina per un giorno, potete fare un tour all’isola di Sentosa, sede di diversi parchi tematici, foreste pluviali, spiagge, spa e tante altre attività; potrebbe essere una destinazione perfetta se viaggiate in famiglia.

Cinque-sette giorni a Singapore

Una vacanza da cinque a sette giorni è ideale per poter visitare al meglio la città e andare oltre alle maggiori attrattive per vivere esperienze divertenti, autentiche e di relax. Se avete quindi la fortuna di avere più tempo e risorse finanziarie a disposizione, non perdete l’occasione di trascorrere qualche giorno in più a Singapore: resterete meravigliati dalle tante attività disponibili. Potete dedicarvi allo shopping nei grandi centri commerciali, visitare gli Universal Studios, fare una crociera per ammirare lo skyline dall’acqua, visitare musei, mercatini e templi della città se preferite un’immersione più culturale e tradizionale. Una chicca da non perdere è il quartiere residenziale Tiong Bahru, oggi uno dei quartieri più cool della città: dietro le facciate Art Deco, troverete librerie indipendenti, bar e boutique alla moda.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).