3 giorni a Singapore

Un crogiolo di culture in una cornice perfetta: Singapore offre davvero di tutto. È diventata una delle città più visitate al mondo ed è facile intuire perché: meravigliose attrazioni, una deliziosa scena gastronomica e una cultura unica nel suo genere. La maggior parte dei viaggiatori sceglie di trascorrervi pochi giorni esplorando la città durante una sosta aerea ma anche avendo soli 3 giorni si riesce a costruire un itinerario completo e a vedere tutte le principali attrazioni.

Giorno 1: esplorare la città

Kampong Glam

Iniziate la giornata con una visita a Kampong Glam e tuffatevi nei suoni, nei colori e nei profumi di uno dei quartieri più antichi di Singapore. Si tratta di un’area colorata con diversi edifici storici ben conservati e dichiarati patrimonio culturale, dove un tempo risiedeva la famiglia reale malese.

Qui abbondano i ristoranti che offrono piatti indiano-musulmani, quindi è l’ideale per una colazione o un pranzo tipico.

Uno dei viali principali del quartiere è Haji Lane, disseminata di negozi indipendenti che vendono abiti vintage, articoli di artigianato e arredi per la casa.

Arab Street

Anche se viene chiamata Arab Street, questa area si estende in realtà attraverso i viali Bussorah Street, Haji e Bali Lanes e Muscat Street. È ricca di negozi, caffetterie, ristoranti e suggestivi scorci per scattare fotografie.

Civic District

Verso l’ora di pranzo spostatevi verso il distretto Civic District dove continuare l’esplorazione della città con una passeggiata per ammirare la sua maestosa architettura di epoca coloniale.

Qui alcuni degli edifici più storici del paese sono stati restaurati conferendogli una nuova funzione: ad esempio la vecchia sede del parlamento oggi ospita la Arts House. Gli appassionati di arte, non possono perdersi il Museo delle Civiltà Asiatiche collocato in una struttura neoclassica originale e la National Gallery di Singapore, inaugurata nel 2015, che espone la più grande collezione al mondo di arte del sud-est asiatico, con numerose opere di artisti di Singapore. Nelle vicinanze c’è anche il teatro Victoria Theatre and Concert Hall, costruito nel 1862 e riaperto a luglio 2014 dopo una ristrutturazione di quattro anni.

Una crociera sul Singapore River

Poco prima di cena, salite su un’imbarcazione tradizionale e navigate lungo lo storico fiume Singapore scoprendo aree chiave come Boat Quay, Clarke Quay e Robertson Quay.

Clarke Quay

Vi consiglio di scendere a Clarke Quay per scoprire la sua vasta gamma di opzioni per la ristorazione e la vita notturna: troverete ristorantini e fast food, rooftop bar e locali con musica dal vivo perfetti per trascorrere una serata.

Giorno 2: I quartieri più iconici e Marina Bay

Joo Chiat / Katong

Traboccante di negozi color pastello, ristoranti tradizionali e boutique alla moda, Joo Chiat / Katong è uno dei quartieri più iconici e storici di Singapore. Gran parte del fascino ancora oggi conservato dal quartiere deriva dal fatto di essere stato un’enclave di Peranakan (popolo di eredità cinese e malese/indonesiana). Curiosate tra le pasticcerie, i negozi di artigianato tradizionale e scattate foto ricordo sensazionali.

Chinatown

Dirigetevi verso Chinatown giusto in tempo per il pranzo. Visitate il Maxwell Food Centre per tuffarvi nei sapori della cucina cinese e poi concedetevi una passeggiata nel quartiere.

Le attrazioni da non perdere includono il maestoso Tempio e Museo della reliquia del dente di Buddha e la stradina pittoresca Sago Street.

Marina Bay Area

Non lontano da Chinatown si trova quello che probabilmente è il luogo più famoso di Singapore, la Marina Bay Area. Iniziate dal famoso ed esteso parco Gardens by the Bay, dove resterete assolutamente affascinati dal paesaggio verde che si mescola a strutture futuristiche sensazionali come i super-alberi Supertree. Il parco è molto vasto e include varie attrattive come un’intera area giochi dedicata ai bambini perciò è facile trascorrerci anche un paio d’ore.

Raggiungete infine Marina Bay Sands per il tramonto: non è necessario avere una stanza in hotel per raggiungere l’osservatorio e ammirare la vista mozzafiato da questo luogo iconico.

Tiong Bahru

Per cenare e concludere la serata raggiungete il quartiere di Tiong Bahru. Si tratta di uno dei quartieri più antichi di Singapore, ma è diventato una delle aree più alla moda della città e offre un bellissimo contrasto tra tradizione e modernità. Con un’abbondanza di caffè trendy, boutique indipendenti e murales, non c’è da meravigliarsi di come Tiong Bahru sia divenuto il ritrovo preferito di molti artisti locali, creativi e amanti della cultura. Vale la pena visitarlo per mangiare nei ristoranti di cucina tradizionale, bere un drink e curiosare tra le vetrine.

Giorno 3: natura e shopping

Giardini botanici di Singapore

Iniziate la giornata con una visita ai Giardini Botanici di Singapore, dove potete immergervi in paesaggi lussureggianti, scoprire la pace e la tranquillità di questa destinazione ricca di attrattive come il National Orchid Garden che ospita la più grande esposizione di orchidee al mondo. Passeggiate a piedi o in bicicletta tra i sentieri che si snodano tra laghi e aree giochi per i bimbi e sorprendetevi di fronte al bellissimo contrasto con i grattacieli nei dintorni.

Orchard Road

Dopo aver trascorso la mattinata nella natura, cambiate scenario dirigendovi verso uno dei principali quartieri dello shopping di Singapore: Orchard Road. Qui troverete boutique eleganti che vendono un mix di marchi internazionali prestigiosi e brand locali. Iniziate la vostra visita presso al presso TANGS, uno degli storici centri commerciali di Singapore, il cui design rende omaggio alla Città Proibita cinese, totalmente diverso dall’aspetto futuristico del centro commerciale ION Orchard, forse uno dei più eleganti di Singapore che ospita oltre otto piani di negozi, dai brand di lusso ai negozi di alta moda e di intrattenimento.

Bugis Street Market

Nel pomeriggio vi consiglio di fare tappa verso i quartieri Bugis e Little India. Bugis è un fiorente quartiere che un tempo era la zona a lucci rosse della città ma ora è famoso per i suoi negozi alla moda a tema coreano e i souvenir dai prezzi convenienti: è un ottimo posto per scovare ottimi affari.

Little India

Quando cala la notte fate tappa nell’enclave etnica di Little India, costellata di negozi di spezie, gioiellerie, venditori di fiori e molto altro. Per cena assaporate il delizioso cibo indiano rivisitato in chiave locale. Se state cercando altri luoghi per fare shopping, date un’occhiata al Mustafa Center, un complesso commerciale che vende praticamente di tutto ed è aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Alternativa

Isola di Sentosa

In alternativa per l’ultima giornata a Singapore potete visitare l’Isola di Sentosa, una meta gettonata tra la gente del posto e i turisti per concedersi una giornata di relax in spiaggia. E non solo: questa località offre spa di ottima qualità, attività all’aperto e parchi a tema come gli Universal Studios.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).