Quanto costa un viaggio in Turchia

I prezzi in Turchia sono più bassi rispetto agli standard europei ed italiani e questo la rende una meta ideale per chi non ha molti soldi da spendere per una vacanza. In più la vicinanza geografica all’Italia la rende un’ottima meta anche se non si hanno tanti giorni a disposizione o semplicemente non si vuole andare troppo lontano. Ma quanto costa un viaggio in Turchia? In questa guida vi aiuto a calcolare un preventivo di spesa per la vostra vacanza in Turchia esaminando nel dettaglio i costi principali del viaggio, ovvero volo, alloggio, cibo, trasporti e attrazioni. In più troverete qualche consiglio per risparmiare.

Volo per la Turchia

Partendo dall’Italia non avrete troppi problemi a trovare voli per la Turchia a prezzi convenienti, grazie alla vasta gamma di compagnie aeree low-cost che servono il paese nella regione. Come sempre, vi consiglio di consultare siti come Skyscanner per trovare le migliori offerte.

secondo_paragrafo_pub

Se avete flessibilità nell’itinerario potreste fare ricerche impostando aeroporti differenti, ad esempio Istanbul e Ankara, in modo da trovare la combinazione più conveniente. Anche se i prezzi variano molto in base al periodo, all’aeroporto e alla compagnia, è facile trovare voli andata e ritorno attorno a 100-110 Euro o anche meno se si viaggia in bassa stagione (da ottobre a marzo).

Sistemazioni

La Turchia offre sistemazioni di ogni tipo di livello e fascia di prezzo e in particolare in grandi città come Istanbul la scelta è davvero ampia e variegata. Si va dai campeggi e gli ostelli fino agli hotel più lussuosi. In ogni caso i prezzi sono inferiori rispetto a quelli che trovereste in una destinazione europea.

Ostelli

In Turchia ci sono ostelli in tutto il paese, dalle grandi città ai piccoli villaggi e sono una delle tue migliori opzioni per risparmiare. Mettete in conto di spendere circa 10-15 Euro a notte per un letto in dormitorio nella maggior parte dei località in Turchia, con il prezzo che tende a restare attorno ai 15 Euro a notte nelle località balneari e nelle zone più turistiche. Se invece puntate ad una stanza privata in un ostello, allora spenderete circa 25 a notte per una camera doppia pulita ed essenziale in una buona posizione.

Hotel

I prezzi degli hotel non sono eccessivi e anche chi vuole concedersi una vacanza più confortevole potrà farlo senza spendere una fortuna. Per un hotel di media categoria e con buoni servizi si pagano 40-50 Euro a notte, mentre per strutture più lussuose i prezzi vanno da 100 a 150 Euro a notte, un prezzo ragionevole e comunque accessibile.

Appartamenti

Airbnb è un’altra opzione che potreste considerare, soprattutto se volete avere una cucina a disposizione o se preferite alloggiare nella casa di persone del posto. Su Airbnb si trovano stanze private in appartamenti condivisi a circa 25-30 Euro a notte, mentre per un intero appartamento il prezzo è in media di 50 Euro a notte.

Trasporti nelle città

Diverse città in Turchia (Istanbul, Izmir, Ankara e Bursa) sono abbastanza grandi da avere un sistema di metropolitana facile da usare e poco costoso. I prezzi partono da 4 lire turche (0,40 Euro) per una corsa singola.

A Istanbul troverete anche una valida rete di tram e viaggiare per la città a bordo di questi mezzi è decisamente un’esperienza affascinante. Se avete intenzione di usare spesso i mezzi pubblici, vale la pena investire nella tessera Istanbulkart per 6 lire turche (0,60 Euro) poiché permette di avere corse quasi a metà prezzo su metropolitana, tram, autobus e traghetti in tutta la città.

Al di fuori delle città principali, potete usare i dolmuşes, ovvero dei minibus. Sono uno dei modi migliori per spostarsi nelle città più piccole e per percorrere brevi distanze tra città e villaggi. I Dolmuşes sono più comodi degli autobus pur rimanendo economici e significativamente più economici rispetto al taxi. È facile individuarli in tutto il paese e potrete prenderli dalle fermate contrassegnate da una D blu e bianca. In genere, costano circa 3 lire turche (0,30 Euro) per un giro interurbano e fino a 10 lire turche (1 Euro) per viaggi più lunghi.

Muoversi in Turchia

Il trasporto pubblico è abbastanza economico in Turchia, quindi non dovrete spendere troppo per viaggiare da una località all’altra. Tuttavia la Turchia è un paese di grandi dimensioni quindi la scelta del mezzo va considerata anche in relazione al tempo disponibile oltre che al budget. L’auto a noleggio potrebbe essere una buona soluzione ma gli autisti locali sono abbastanza spericolati quindi se potete cercate di usare i mezzi oppure noleggiate un’auto con conducente.

  • Autobus. Gli autobus in Turchia vi porteranno praticamente ovunque, sono comodi e offrono un eccezionale rapporto qualità-prezzo. Sono l’opzione più economica per viaggiare su brevi e lunghe distanze in tutto il paese e di solito sono dotati di aria condizionata e Wi-Fi. Per i viaggi lunghi calcolate approssimativamente un costo di 11 lire turche (1,10 Euro) per ogni ora di viaggio.
  • Voli. In Turchia volare a volte può essere l’opzione migliore. I voli nazionali possono essere estremamente economici e, con un paese grande come la Turchia, risparmierete molto tempo, soprattutto se desiderate viaggiare, ad esempio, da Istanbul alla Cappadocia. In autobus si impiegano 12 ore, mentre in aereo solo 90 minuti in aereo ad un costo che può andare da 25 ai 40 Euro per un volo a/r.

Cibo e ristoranti

Una delle notizie che piacerà ai buongustai è che non solo il cibo in Turchia è delizioso, ma è anche estremamente economico. Molti ostelli e hotel offrono la colazione inclusa nella tariffa della camera, quindi in questo modo risparmierete già su un pasto, tuttavia vi invito a provare almeno una volta una colazione tradizionale turca che è composta da pane fresco, olive, salumi, pomodori, salsicce piccanti, formaggio feta, miele e tè delizioso. Mettete in conto di spendere circa 15 lire turche (1,50) per la colazione in Turchia. Durante il giorno potrete trovare ottimi spuntini come i kebab, pide (una specie di pizza) e pane arabo farcito con carne nei piccoli locali o bancherelle per strada spendendo solo 15-20 lire turche (1,50-2 Euro). I vegani possono optare per insalate fresche, hummus e pane croccante nella maggior parte dei ristoranti in tutto il paese. Per una cena un po’ più sofisticata seduti in un bel ristorante spenderete circa 70 lire turche (7 Euro) a persona.

Per quanto riguarda dessert e dolci, non potrete non provare la baklava per sole 30 lire turche (3 Euro) al kg. Ci sono anche i classici fast food come McDonald’s dove potete fare un pasto con 20 lire turche (2 Euro).

Alcolici e bevande

Gli alcolici sono soggetti ad alta tassazione perciò una birra costa più che in Italia anche se i prezzi restano comunque accessibili. Un caffè o cappuccino costa circa 10 lire turche (1 Euro) mentre una bottiglia d’acqua da 1,5 l costa 2 lire turche (0,20 Euro).

Attrazioni e attività

Forse una delle parti più consistenti di un viaggio in Turchia riguarda proprio le attrazioni e le attività che si desiderano fare, in particolare se si vuole fare diversi tour guidati ecco che il costo salirà parecchio. I biglietti di ingresso alle attrazioni più popolari di Istanbul come Palazzo Tokapi, la Basilica di Hagia Sophia, la Cisterna Basilica e i musei vanno da 20 a 60 lire turche (2-6 Euro). Se invece volete fare un tour guidato, eccovi alcuni prezzi di riferimento: un giro in mongolfiera in Cappadocia costa 110-180 Euro a persona, un tour di una giornata ad Efeso costa 190 Euro, una gita di un giorno a Pamukkale ha un costo di circa 80 Euro, mentre un tour di 4 ore di Istanbul costa circa 45 Euro. Ci sono anche molte attività gratuite a cui partecipare in Turchia e ci si diverte moltissimo anche semplicemente girovagando per le città, esplorando i mercati locali e i quartieri, prendendo il sole sulle spiagge e visitando i musei gratuiti.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).