Congaree National Park

Situato nel South Carolina, il Congaree National Park era un tempo la casa e il terreno di caccia della tribù di indiani Congaree, dalla quale prende il nome, ma oggi è diventato una grande attrazione turistica ed uno dei parchi più visitati dagli amanti della natura, che qui possono dedicarsi all’escursionismo, al bird watching, al kayak lungo i fiumi oppure semplicemente godersi un picnic all’aria aperta. Nonostante il disboscamento eccessivo del ‘900 e i numerosi tentativi, anche se vani, di rendere questo luogo adatto all’agricoltura, questo parco ha conservato il suo fascino “primitivo” e la bellezza dei suoi paesaggi, dominati da alberi antichissimi e giganteschi, tra i più alti del Nord America.

Caratteristiche del parco

L’aspetto selvaggio e incontaminato del paesaggio dà l’idea di essere in una scena del Libro della Giungla o del Signore degli Anelli. Le conifere dominano le foreste del parco, lasciando spazio qua e là a verdi pianure dalla vegetazione alta e fitta, dove dominano i cipressi. I principali fiumi che attraversano il parco sono il Wateree e il Congaree, ma a punteggiare il paesaggio ci sono anche incantevoli laghetti e ruscelli.  Spesso in primavera e in autunno i fiumi straripano a causa delle intense precipitazioni, ma questo fa sì che i preziosi nutrienti contenuti nelle acque alimentino la foresta.  Qua e là si trovano alberi caduti, una testimonianza degli uragani che hanno colpito la zona in passato; negli anni i tronchi sono diventati il rifugio di tantissimi organismi viventi, come funghi, muschio, insetti, pipistrelli e uccelli.

A proposito di volatili, il parco è il paradiso degli amanti del birdwatching: il picchio è la specie più numerosa ed è facile avvistarli persino passeggiando sui sentieri escursionistici o vicino al visitor center. A loro si unisce la “melodia” degli uccelli canterini, anch’essi piuttosto numerosi. Pochissimi sono invece i falchi, anche se alcuni visitatori hanno avuto la fortuna di avvistarli. Altri abitanti del parco sono gli scoiattoli e i grandi mammiferi come il cervo e il coyote, mentre laghi e corsi d’acqua sono la casa di tartarughe e tante varietà di pesci. Non tutti gli animali del parco, però, sono accoglienti verso i visitatori: le foreste ospitano i cinghiali e alcune specie velenose di serpenti, mentre alcune zone dei fiumi sono abitate dai coccodrilli. È necessario quindi prestare molta attenzione quando si esplora la foresta, cercando di rimanere sempre sui sentieri dedicati e stando alla larga da rocce e tronchi che potrebbero essere il rifugio di serpenti, ragni e altri animali pericolosi.

Galleria Foto


Informazioni e mappa

Nome: Congaree National Park

Quali attività praticare nel parco

Una delle attività più gettonate sono le escursioni. All’interno del parco ci sono numerosi sentieri di diverse lunghezze, da percorrere esclusivamente a piedi, e non richiedono grandi allenamenti poiché il parco si estende principalmente su un’area pianeggiante. Tutti i sentieri partono dal Visitor Center Harry Hampton e sono contrassegnati da cartelli in legno; al visitor center troverete anche le mappe e le guide con tutte le informazioni sul parco. Un aspetto positivo del Congaree National Park è il fatto che gli animali domestici sono ammessi, a differenza di molti parchi nazionali, quindi potrete passeggiare tranquillamente con il vostro cane!

Un’altra attività molto amata sono i tour in canoa lungo i corsi d’acqua, che però sono consentiti solo in alcune stagioni a seconda delle condizioni climatiche e dei livelli dei fiumi. Il percorso più facile è il Cedar Creek Canoe Trail, perché lungo il tragitto si trovano delle indicazioni che aiutano nell’orientamento, anche se è sempre consigliabile avere con sé una mappa e una bussola. Chi non se la sente di avventurarsi da solo può prendere parte a dei tour guidati organizzati dal parco.

La pesca sportiva è ammessa in alcune aree del parco, ma è obbligatoria la licenza.

Eventi: eclissi solare 2017

Il 21 agosto del 2017 saranno in tanti a recarsi al Congaree National Park. Questo è infatti uno dei luoghi in cui l’eclissi solare sarà ben visibile e per chi predilige assistere a questo spettacolo suggestivo in uno scenario naturale il parco è la scelta ideale.

Dove dormire

Il parco dispone di due aree campeggio accessibili solo alle tende e situate ad una breve passeggiata dal parcheggio. In estate, soprattutto nei weekend, i campeggi potrebbero essere affollati di turisti e gruppi di boyscout. Per chi lo desidera è possibile campeggiare liberamente nel parco, ma è necessario richiedere un permesso al visitor center.

Clima

Il clima del South Carolina è subtropicale, caratterizzato da estati molto calde e umide, anche se c’è da dire che addentrandosi nella foresta le temperature scendono notevolmente poiché i raggi del sole sono bloccati dagli alberi, quindi è sempre bene vestirsi a strati. L’umidità, però, fa sì che ci siano molte zanzare quindi è importante munirsi di uno spray repellente per insetti. Non dimenticate di portare con voi anche una giacca antipioggia: nei mesi estivi non è raro che si verifichino temporali passeggeri nel pomeriggio. In inverno le temperature sono generalmente miti, ma il paesaggio ovviamente è più spoglio e meno colorato rispetto all’estate. Anche la primavera e l’autunno sono due ottime stagioni per visitare il parco: le temperature sono piacevoli, ma in alcuni periodi potrebbero alzarsi in maniera inaspettata, quindi è sempre opportuno controllare le previsioni.

Informazioni generali e costi

Il parco è aperto tutto l’anno ma il Visitor Center resta operativo dalle 9:00 alle 17:00, 7 giorni su 7, eccetto le festività nazionali.
L’ingresso al parco è gratis, così come il campeggio al di fuori delle aree attrezzate, dove invece si paga dai 5 ai 10 dollari a notte per un posto occupato da una tenda di piccole-medie dimensioni.
Il parco non dispone di ristoranti né di bar, perciò è indispensabile portarsi il cibo da casa. Non è possibile accedere al parco con la macchina: l’auto va lasciata al parcheggio e si prosegue poi a piedi.

Come arrivare

Il Congaree National Park dista circa mezz’ora dalla città di Columbia. Dovete prendere Bluff Road e seguire le indicazioni fino al parco.

Nelle vicinanze:

Il South Carolina State Museum.A 31096 metri
Strada vicino a grandi piante, al Magnolia Plantation di Charleston.A 122723 metri
La Bone Hall Plantation.A 139451 metri
Vista della natura al Great Smoky Mountains National Park.A 320680 metri
L'interno del teatro Fox Theatre.A 330799 metri
Gli interni del World of Coca Cola ad Atlanta.A 331497 metri
Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).