3 giorni ad Edimburgo

Edimburgo offre molte cose da vedere e da fare, dall’esplorazione del grande patrimonio scozzese ad esperienze sulle orme di inventori, artisti e scrittori. Un viaggio di tre giorni non è molto ma è sufficiente per esplorare gran parte della città e inserire nell’itinerario anche una gita di un giorno per cogliere l’occasione di vedere la bellissima campagna scozzese. Eccovi dunque un itinerario completo di 3 giorni ad Edimburgo per trarre il massimo dal vostro viaggio.

Giorno 1: Castello e centro storico

Castello di Edimburgo

Castello Reale di Edimburgo.
Castello Reale di Edimburgo.
Iniziate il vostro itinerario ad Edimburgo con una visita al Castello di Edimburgo. Situato in cima ad una collina, il castello domina lo skyline della città e regala splendide viste. Le sue origini risalgono al II secolo d.C., ma solo dal XII secolo d.C. è divenuto una residenza reale. Il castello ha una storia strettamente legata sia alla città che alla Scozia, in quanto ha svolto un ruolo importante in quasi tutte le battaglie scozzesi. Il Castello di Edimburgo è un’attrazione molto popolare, quindi per saltare le lunghe code vi consiglio di prenotare in anticipo il biglietto. All’interno, tra gli ambienti ed edifici del castello, potete visitare anche la Cappella di Santa Margherita, il più antico edificio sopravvissuto a Edimburgo: qui sono esposti anche i gioielli della corona scozzese.

Camera Obscura & World of Illusions

A pochi passi dal castello si trova una delle principali attrazioni turistiche della Città Vecchia di Edimburgo, dove sperimentare ologrammi, illusioni ottiche, magie e tanto altro dislocato su sei piani di trucchi e altri enigmi visivi. Potrebbe essere una tappa alternativa molto interessante e divertente, soprattutto se viaggiate con i bambini.

Scotch Whisky Experience

Gli amanti del whisky e chiunque sia interessato alla bevanda nazionale scozzese dovrebbe visitare la Scotch Whisky Experience, una galleria di scotch interattiva e tecnologica. Sono disponibili diversi tour che vanno da un’introduzione di un’ora allo scotch a un’esperienza di tre ore con cena inclusa. Lo Scotch Whisky Experience custodisce anche la collezione Diageo Claive Vidiz, una vasta collezione di oltre 3.380 bottiglie di whisky appartenute ad un collezionista di whisky brasiliano.

Real Mary King’s Close

Il centro storico di Edimburgo è composto da un dedalo di stretti vicoli che si intrecciano con la Royal Mile, la strada più importante della città. Sono in genere stradine molto strette e un tempo erano la vita e l’anima di Edimburgo: erano luoghi sovrappopolati, abitati da centinaia di persone, con case accatastate l’una sull’altra. Alcuni vicoli, come Mary King’s Close, furono chiusi al pubblico per molti anni ma sono stati poi restaurati per mostrare com’era la vita a Edimburgo tra il 1600 e il 1800.

Cattedrale di St. Giles

Raggiungete la Cattedrale di St. Giles, che si trova proprio lungo il Royal Mile, sotto il castello. Prende il nome dal Santo Patrono di Edimburgo ed è la chiesa principale della città, nonché un punto di riferimento della Chiesa di Scozia per quasi mille anni. L’attuale chiesa risale al 1300, sebbene abbia subito diverse modifiche nel corso degli anni, visibili negli elementi architettonici e decorativi di varie epoche. Entrate all’interno per ammirare i dettagli decorativi, le vetrate dipinte e le cappelle.

Passeggiata lungo il Royal Mile

Il Royal Mile è il viale principale di Edimburgo e si compone di una vivace serie di strade (Castlehill, Lawnmarket, High Street, Canongate e Abbey Strand) che scendono dal Castello di Edimburgo fino al palazzo Holyrood Palace. Situato nel cuore del centro storico, il Royal Mile è antico quanto la città stessa. Il termine “miglio reale” fu coniato però solo all’inizio del XX secolo e reso popolare attraverso libri e guide turistiche. Oggi lungo questo viale potete trovare una grande varietà di negozi, hotel, pub e altro ancora.

Princes Street Gardens

Il Princes Street Gardens è un giardino pubblico situato tra la Città Vecchia e la parte nuova di Edimburgo. Fu creato tra il 1770 e il 1820 ed è suddiviso in due sezioni, East Princes Street Gardens e West Princes Street Gardens. È perfetto per una passeggiata pomeridiana in un contesto tranquillo, circondati da prati curati e numerosi monumenti e statue dedicate ad alcuni dei personaggi e artisti più importanti di Edimburgo. Se viaggiate durante il Natale, curiosate tra le bancherelle del mercatino di Natale allestito nell’East Princes Garden lungo Princes Street: il mercato offre stand tradizionali e unici con venditori locali e internazionali e ci sono inoltre giostre, incontri con Babbo Natale e tante altre esperienze.

Princes Street e George Street

Princes Street e George Street sono due delle migliori strade di Edimburgo per fare shopping. Molti dei negozi di brand britannici hanno punti vendita su Princes Street, come Topshop e Topman, House of Fraser, Debenhams e Marks & Spencer. George Street, che è la via principale della New Town di Edimburgo, ospita marche prestigiose come Anthropologie, Jigsaw, Jaeger, Lakeland e Jo Malone London.

Calton Hill

Terminate la giornata ammirando il tramonto da Calton Hill, una collina nel centro di Edimburgo, che è anche la sede del governo scozzese. L’edificio del Parlamento e il Palazzo di Holyrood (chiamato anche Palazzo di Holyroodhouse) si trovano alla base della collina. Calton Hill è famosa per i suoi panorami strepitosi sulla città ed è spesso ritratta in molte opere d’arte e fotografie. In cima alla collina si collocano diversi monumenti e memoriali. 

Giorno 2: altre attrazioni storiche e culturali e splendidi quartieri

Palazzo di Holyrood

All’estremità opposta del Royal Mile dal Castello di Edimburgo si trova un’altra residenza reale, il Palazzo di Holyroodhouse. Iniziate la vostra seconda giornata ad Edimburgo proprio visitando la residenza ufficiale scozzese della famiglia reale britannica, sede dei re e delle regine della Scozia dal sedicesimo secolo. Holyrood ha anche ospitato personaggi storici come Maria, regina di Scozia, Bonnie Prince Charlie e Comte d’Artois, fratello minore di Luigi XVI. L’edificio è aperto al pubblico per dei tour guidati quando non è presente la famiglia reale.

Arthur’s Seat

Situato dietro Holyrood Palace e alla base del Royal Mile, Arthur’s Seat è una popolare meta escursionistica per la gente del posto e i visitatori. Arthur’s Seat è il rilievo più alto di un gruppo di colline che fanno parte del Holyrood Park, un’area che offre un paesaggio montano aspro vicino al centro della città di Edimburgo. Ci sono diversi percorsi escursionistici verso la cima, che offre splendide viste sulla città. 

Ocean Terminal di Leith

Prendete l’autobus e dirigetevi a Leith, ex cittadina portuale scozzese a nord di Edimburgo che è stata poi inglobata alla città, divenendone uno dei quartieri più belli.

Raggiungete l’Ocean Terminal per ammirare lo yacht “Britannia” di Sua Maestà, noto anche come Royal Yacht: è l’ex yacht della regina Elisabetta. Fu in servizio dal 1954 fino al 1997 ed è ora ormeggiato nei moli di Leith. Sono disponibili dei tour a bordo dell’imbarcazione che includono una visita alla camera da letto della regina, agli appartamenti e agli spazi comuni.

Passeggiata alla scoperta di Leith

Approfittate per fare una passeggiata a Leith, che dagli anni ’80 ha subito una grossa trasformazione ed è ora sede di una vivace scena di ristoranti e negozi. Potete camminare lungo Leith Walk, la strada principale che collega Edimburgo e Leith, oppure percorrere la promenade che costeggia l’acqua, dove si alternano ristoranti, bar e caffè in cui fermarsi a bere o mangiare qualcosa.

Giorno 3: Ancora Edimburgo o gita fuori città

Museo Nazionale Scozzese

Iniziate la giornata con una visita al National Museum of Scotland. Questo museo è dedicato alla storia della Scozia, ma ospita anche mostre dedicate ad altre tematiche come l’arte, il design, le culture del mondo e persino i dinosauri.

Grassmarket

Non distante dal Museo Nazionale Scozzese si trova il Grassmarket, un’ottima tappa per un pranzo. Si tratta di una storica piazza del mercato che oggi è piena di pub e ristoranti dove fermarsi a mangiare ammirando l’architettura straordinaria della città.

Victoria Street

Da Grassmarket prendete West Bow Street e incamminatevi verso una delle strade più fotografate di Edimburgo: Victoria Street. Questa stradina ricurva attira l’attenzione grazie all’architettura tradizionale e alle facciate colorate dei negozi. 

Dean Village

Per concludere l’ultima giornata ad Edimburgo, camminate attraverso la parte moderna della città per visitare una delle gemme nascoste più affascinanti di Edimburgo, il Dean Village. Questo piccolo quartiere è caratterizzato da case storiche colorate che sorgono lungo le rive del fiume Leith. È un ottimo posto per una passeggiata tra ponticelli sul fiume e dimore in pietra che danno la sensazione di fare un viaggio indietro nel tempo.

Alternative

Per il vostro terzo giorno a Edimburgo, potreste anche decidere di fare una gita fuori città per vedere la splendida campagna scozzese e ammirare alcuni castelli e laghi famosi.

Western Highlands

Le Western Highlands sono una delle mete più gettonate per un tour di una giornata grazie anche alla presenza di castelli e luoghi resi famosi da film e serie tv. Solitamente i tour prevedono una sosta al Castello di Doune, al Castello di Kilchurn, situato sulle rive del lago Loch Awe, alla città medievale di Inverary e alla città di Luss.

Loch Ness e le Highlands

Se siete curiosi di ammirare il pittoresco e misterioso lago di Loch Ness, prenotate un tour da Edimburgo che solitamente include anche un giro in barca alla “ricerca” del famoso mostro di Loch Ness.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).